Cerca nel quotidiano:


Verso Capo Nord, day 7. Gaiamari a tu per tu con il Regno dei Ghiacci

"Ho strutturato questo percorso evitando le strade principali perché troppo trafficate, tuttavia ho dovuto rivedere le ultime tre tappe ed ho dovuto aggiungerne tre aumentando di trecento cinquanta chilometri il percorso totale"

Mercoledì 12 Febbraio 2020 — 16:02

Mediagallery

Il paesaggio è brullo, nevoso ed estremamente evocativo. È un emozione indescrivibile attraversare le Alpi Artiche, quello che cercavo l'ho trovato qui, il raccoglimento ed il silenzio necessario per ascoltare me stesso

Prosegue l’avventura dell’ultracyclist Giuseppe Gaimari il cui obiettivo è pedalare fino a Capo Nord per piantare così la bandiera amaranto di Livorno nel “Regno dei Ghiacci” ricevuta direttamente dal sindaco Luca Salvetti.
QuiLivorno.it seguirà passo passo l’impresa. Ecco il diario di bordo del “Giorno 7”.

Diario di Bordo Day 7 – Tromsø – Olderdalen
La tappa di oggi è stata molto clemente e defaticante, novanta Km sotto lo zero, dalla città di Tromsø alla municipalità di Olderdalen. Un percorso pressoché deserto, fatta eccezione per la trafficatissima e pericolosa E8, arteria principale, super strada di collegamento fra tutti i comuni della zona. Purtroppo la combinazione di ghiaccio e strade di transito autocarri è una miscela davvero esplosiva di pericolo, a mediare è la guida disciplinata e regolare degli abitanti del luogo che rispettano le distanze di sicurezza, e sorpassano con grande attenzione, ma il rischio è sempre alto, e purtroppo non posso permettermi cadute o incidenti. Ho scelto di poter fare un percorso contenuto in vista della super tappa di domani, ad attendermi ci sono duecento quaranta Km con 3.500 metri di dislivello positivo, che a queste temperature cominciano a risultare impegnativi. Il paesaggio è brullo, nevoso ed estremamente evocativo. È un emozione indescrivibile attraversare le Alpi Artiche, quello che cercavo l’ho trovato qui, il raccoglimento ed il silenzio necessario per ascoltare me stesso. Perché In queste terre il silenzio dei fiordi è intervallato solo dal volo ritmico dei corvi, che lo spezzano gracchiando, tutto questo crea una magia che porterò dentro. Ho strutturato questo percorso evitando le strade principali perché troppo trafficate, tuttavia ho dovuto rivedere le ultime tre tappe ed ho dovuto aggiungerne tre aumentando di trecento cinquanta chilometri il percorso totale, per evitare le strade principali ed utilizzare solo le secondarie meno trafficate e pericolose. Per compensare questa diluizione dei giorni, ho inserito un aumento chilometrico, che concentrerò nella super tappa di domani, un fuori programma di appunto duecento quaranta chilometri. Quando trovi quello che cerchi, non ti basta mai.

Riproduzione riservata ©

2 commenti

 
  1. # Luca da Vada

    vai bese!

  2. # roberto

    grande giuseppe ormai stai arrivando al monumento di capo nord il mappamondo lega li la bandiera AMARANTO