Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Via De Larderel, inaugurata la storica “facciata dei ponteggi” del tribunale

Martedì 12 Aprile 2022 — 09:28

Un intervento reso possibile da un finanziamento del Ministero della Giustizia. L'ex presidente del tribunale di Livorno e maggior artefice dell'opera: "Bisogna scardinare la credenza per cui si ritiene impossibile ciò che non si è in grado di fare"

di Giulia Bellaveglia

Generazioni di livornesi, soprattutto quelle più giovani, non l’hanno mai vista. A coprirla da tempo immemore gli storici ponteggi che, almeno nel luogo comune, sembravano essere stati abbandonati. E invece – incredibile ma vero –  l’11 aprile 2022, la facciata del Tribunale di via De Larderel, ha rivisto la luce del sole. “Se questo palazzo oggi è così bello, gran parte del merito va all’ex presidente Massimo Orlando – dice il presidente del Tribunale di Livorno Luciano Costantini – Grazie alla sua capacità professionale, e a una certa testardaggine, è riuscito a far sì che per entrare in questo tribunale non si debba più fare lo slalom tra i ponteggi. Un intervento di manutenzione straordinaria importantissimo, che spero non sia l’ultimo. Abbiamo in corso il recupero del giardino monumentale, della galleria e di via Falcone e Borsellino. Una bellezza quasi imbarazzante che può costituire un effettivo traino anche sulla qualità della giustizia”.
Un luogo, quello del Palazzo De Larderel, riconosciuto da moltissimi come la più imponente e sontuosa costruzione dell’800, e meno osservata da chi è più vicino. “Noi livornesi abbiamo spesso difficoltà ad apprezzare la nostra città – commenta il sindaco Luca Salvetti Cosa che invece non succede, per chi arriva da fuori. Guardare la città con gli occhi di chi viene da fuori è una scommessa che sto portando avanti. Mi auguro che questa sia una fase di assoluto rilancio complessivo. Oggi i cittadini livornesi vedono un altro pezzo della propria città che va al posto giusto”. Grandissima emozione anche nelle parole di colui che è stato l’artefice della neonata struttura: l’ex presidente del Tribunale di Livorno Massimo Orlando.
“La prima volta che ho sentito parlare della facciata è stato il giorno dopo il mio insediamento – racconta – Questo significa che era una cosa davvero sentita. In quel momento il problema era che il demanio non finanziava l’intervento, ma tutti sappiamo che, se si parla di sicurezza sul luogo di lavoro, la parte economica spetta al Ministero della Giustizia. Così, nell’ottica per la quale ogni immobile per cui manca manutenzione è pericoloso, abbiamo intrapreso questa strada che si è rivelata vincente e, in sole due settimane, sono arrivati i soldi. Abbiamo già stanziato ulteriori fondi per eseguire altri interventi. Spesso a livello ministeriale si ritiene impossibile ciò che non si sa fare, invece di impegnarsi a capire come farlo. Il mio obiettivo è stato quello di scardinare questa credenza e in meno di un anno sono davvero molto soddisfatto di quanto è stato raggiunto”. L’evento è stato anche l’occasione per inaugurare il balcone monumentale attraverso una scopertura dal drappo tricolore.

Condividi:

Riproduzione riservata ©