Cerca nel quotidiano:


Via Montebello, lavori fino al 16 giugno. Parte il restyling delle aree di sosta

Si tratta di un intervento-pilota nell’ambito del progetto ADAPT Interreg Italia-Francia Marittimo 2014-2020. Le modifiche alla viabilità

Martedì 17 Aprile 2018 — 18:26

Mediagallery

Inizieranno  mercoledì 18 aprile, le attività di cantiere per la riqualificazione delle aree di sosta lungo via Montebello (clicca sui pdf  in fondo all’articolo per consultare la planimetria e le fasi di lavoro).

Si tratta di un importante intervento-pilota nell’ambito del progetto ADAPT del Programma Interreg Italia-Francia Marittimo 2014-2020, che ha l’obiettivo di rendere le città italiane e francesi dell’Alto Tirreno maggiormente capaci di adattarsi alle conseguenze dei cambiamenti climatici, con particolare riferimento alle alluvioni causate da “bombe d’acqua”, con l’adozione di soluzioni progettuali sperimentali, tra cui le infrastrutture drenanti.

I lavori, per una spesa di 90mila euro, riguardano entrambi i lati del tratto di via Montebello compreso tra via del Fantasia e piazza Matteotti, dove attualmente sono presenti, nello spazio tra le corsie stradali e il marciapiede, alcuni spazi per la sosta delle auto, pavimentati con materiali inerti e terrosi.

Il progetto prevede che la nuova pavimentazione dei parcheggi sia realizzata con materiali drenanti, che lasciano il terreno permeabile alle acque meteoriche, in modo che esse possano essere assorbite sul posto, anziché confluire nella rete fognaria.

Le grandi quantità d’acqua che defluiscono dalle aree urbane costituiscono infatti un grande problema ecologico e ambientale: l’insieme di strade e parcheggi rappresentano una enorme superficie impermeabile che copre parte del pianeta, e le acque piovane che il terreno non può più assorbire vanno a sovraccaricare gli impianti di depurazione, i fiumi e i bacini di raccolta.

Si riduce così il ricambio naturale delle acque del terreno e aumenta l’erosione del letto dei fiumi, e tutto ciò favorisce inondazioni e allagamenti, specialmente nelle aree urbane e nelle zone agricole limitrofe.

Inoltre, durante i temporali l’alto tasso di deflusso favorisce l’asportazione di elementi inquinanti che vanno a contaminare i corsi d’acqua e il mare, provocando danni alle piante acquatiche e ai pesci.

Per le aree di sosta di via Montebello sono stati scelti masselli inerbanti in alternativa ai convenzionali parcheggi in conglomerato bituminoso.

Questi masselli, che dopo il rifacimento del sottofondo saranno posizionati su un letto di sabbia e riempiti con sabbia e terriccio, presentano la caratteristica di poter essere calpestati senza deturpare il manto erboso, dando all’ambiente un aspetto gradevole e naturale; oltre a essere drenanti, irraggiano una minore quantità di calore.

Anche l’attuale parcheggio a raso lungo la carreggiata asfaltata del tratto che va da piazza Matteotti a via Pisacane (lato grattacielo) sarà ricostruito con pavimentazione drenante e inerbante.

Le modifiche alla viabilità – Per consentire l’esecuzione dei lavori in condizioni di sicurezza, è stata emanata un’ordinanza che prevede modifiche alla viabilità fino al 16 giugno. Per contenere i disagi, i lavori saranno eseguiti in due fasi.

La prima fase interesserà il tratto tra via del Fantasia e via Pisacane, e comporterà il divieto di sostacon rimozione forzata su entrambi i lati della strada. Sarà inoltre in vigore il senso unico nella direzione via Pisacane – via del Fantasia (verso il mare), con limite di velocità di 30 km/h. I veicoli provenienti dal mare dovranno svoltare obbligatoriamente a destra in via del Fantasia, mentre i veicoli provenienti da via del Fantasia, giunti all’incrocio con via Montebello dovranno obbligatoriamente svoltare a sinistra, in direzione mare.

La seconda fase dei lavori prevede invece la riqualificazione del tratto tra via Pisacane e piazza Matteotti. Sarà in vigore il divieto di sosta su entrambi i lati della carreggiata, e il senso unico sempre nella direzione che va verso il mare, con limite di velocità di 30 km/h. I veicoli provenienti dal mare e diretti verso piazza Matteotti dovranno svoltare obbligatoriamente a sinistra, in via Pisacane.

Durante entrambi le fasi dell’intervento per i pedoni sarà disponibile il tratto di marciapiede opposto a quello interessato dai lavori.

mezzi pubblici della linea “8 R” saranno deviati lungo l’itinerario viale Italia-viale Nazario Sauro-via Caduti del Lavoro-via Roma.

Riproduzione riservata ©

9 commenti

 
  1. # Basta sprechi

    Per pavimentare i parcheggi 90.000 euro? Ma questa è follia pura! Con 90.000 euro si riempivano tutte le buche nelle strade cittadine e se ve ne chiedevano di più vengo io con l’ apino e per meno della metà mi impegno a riempire tutte le buche a livorno!

  2. # bravini

    Quella dei materiale drenanti è una ottima soluzione mai utilizzata a Livorno ! Finalmente qualche tecnico si è aggiornato alle nuove soluzioni.

    1. # claudio

      A Livorno sono già stati utilizzati abbondantemente. Il parcheggio vicino a Piazza Lavagna è così, ma purtroppo come succede in tutta l’Italia centro meridionale probabilmente a causa del clima, l’erba non cresce ed il risultato è abbastanza brutto.

      1. # bravini

        I materiali drenati servono per “drenare” le acque meteoriche e non per far crescere l’erba specialmente se questa non ci viene seminata !

  3. # Alessandro Ponticelli

    E soprattutto, i materiali inerti e terrosi non consentono la pittura delle strisce blu del posteggio a pagamento. I mattoncini drenanti, si.

  4. # mario

    bene, ma si poteva aspettare la fine delle scuole, è una via molto trafficata anche per questo.

  5. # Alessia

    Ed io per andare in via Pisacane durante la prima fase….devo passare da via ebat, via sette santi, via rosa del tirreno, fare il giro di piazza roma, fare il nuovo senso unico di via montebello verso mare e girare in via pisacane?
    Semplice dai….ahahahah

  6. # IMOLA51

    Come dice Claudio le pavimentazioni di questo tipo sono già state abbondantemete utilizzate in città, l’effetto drenante è relativo perchè la terra all’interno delle cellette si costipa col tempo e diventa impermeabile, l’erba anche se seminata dura molto poco per il motivo appena detto e per il calore che in estate viene trasmesso dal cemento al poco terreno aderente bruciando il seme o le radici. MA SI POSSONO TINGERE DI BLU:

  7. # Robinson

    Scusate, ma lo sapete che via del Fantasia è una strada senza uscita???