Cerca nel quotidiano:


Viale Italia, via alla derattizzazione

L’intervento, autorizzato con ordinanza firmata dal sindaco Salvetti, riguarda le aree verdi poste tra viale e controviale, in corrispondenza con porticciolo Nazario Sauro e Scoglio della Regina

Mercoledì 3 Giugno 2020 — 07:15

Mediagallery

Saranno piazzati tre gruppi di esche, a ridosso delle baracchine: i primi due gruppi di esche all’inizio delle aree verdi che si trovano a destra e a sinistra rispetto all’ingresso dello Scoglio della Regina, il terzo gruppo di esche all’altezza dell’ingresso del porticciolo. L’intervento durerà tre mesi

Sul viale Italia è in partenza un intervento di derattizzazione programmato dal settore Ambiente del Comune di Livorno e da Aamps.
L’intervento, autorizzato con ordinanza firmata dal sindaco Salvetti, riguarda le aree verdi poste tra viale e controviale, in corrispondenza con porticciolo Nazario Sauro e Scoglio della Regina. In queste aree verdi i monitoraggi periodici hanno fatto registrare una recidiva delle infestazioni da roditori, dopo la derattizzazione disposta lo scorso autunno.
Saranno piazzati tre gruppi di esche, a ridosso delle baracchine: i primi due gruppi di esche all’inizio delle aree verdi che si trovano a destra e a sinistra rispetto all’ingresso dello Scoglio della Regina, il terzo gruppo di esche all’altezza dell’ingresso del porticciolo. L’intervento durerà tre mesi (si concluderà a fine agosto).
Le postazioni derattizzanti saranno delimitate da nastro colorato e l’accesso sarà interdetto ai non addetti ai lavori.
Saranno installati cartelli indicanti il tipo di esca utilizzata e l’antidoto da somministrare in caso di ingestione accidentale (vitamina K trattandosi di esche anticoagulanti).
Si raccomanda di prestare la massima attenzione, in particolare a chi accompagna bambini o animali domestici.  Si ricorda che l’insediamento dei topi può essere prevenuto con un corretto conferimento dei rifiuti nei cestini, in particolare evitando di gettare qualsiasi avanzo di cibo a terra o nei cespugli.

Riproduzione riservata ©