Cerca nel quotidiano:


Video, contest, workshop: la pasticceria Cristiani lancia le iniziative per i suoi 60 anni

È in merito al legame con i suoi cittadini che la storica pasticceria, nel celebrare l’anniversario, ha deciso di contribuire al rilancio della città di Livorno, attraverso 3 iniziative accomunate dal rapporto tra passato, presente e futuro: #SCOPRIAMOLIVORNO, #RACCONTIAMOLIVORNO e #IMMAGINIAMOLIVORNO

Sabato 25 Settembre 2021 — 16:07

Mediagallery

di Lorenzo Evola

Ci sono luoghi, eventi e attività che con il passare del tempo si legano indissolubilmente all’identità di una città, trasformandosi in delle vere e proprie istituzioni. È il caso della pasticceria Cristiani, che, nel quartiere Colline, si appresta a spegnere le 60 candeline.

Una storia lunga, fatta di continui rinnovamenti e rispetto della tradizione. Una storia che si ripete di generazione in generazione. Una storia segnata dalla stima e dall’affetto continui da parte della popolazione livornese. È proprio in merito al legame con i suoi cittadini che la pasticceria, nel celebrare l’anniversario, ha deciso di contribuire al rilancio della città di Livorno, attraverso 3 iniziative accomunate dal rapporto tra passato, presente e futuro: #SCOPRIAMOLIVORNO, #RACCONTIAMOLIVORNO e #IMMAGINIAMOLIVORNO. Il progetto, la cui attuazione è prevista per l’autunno/inverno 2021, è stato reso possibile dalla collaborazione con alcune realtà e istituzioni livornesi come il Patrocinio di Confcommercio Livorno, l’Ordine degli Architetti di Livorno, il Patrocinio dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Settentrionale, la Media Partner Igers Livorno, la Coop Itinera e Telegranducato.

#SCOPRIAMOLIVORNO consiste in una serie di video riguardo a luoghi, eventi e personaggi che hanno contribuito a formare la tradizione gastronomica livornese come ad esempio la schiacciata (la quale affonda le sue tradizioni tra le vie e i fossi della città), il bignè (dolce toscano inventato a Firenze e esportato da Livorno in Francia da Caterina De’ Medici) e il quartiere Colline. Seguiranno altri contenuti incentrati sulla storia e sulle tradizioni della città e della Toscana, sempre in ambito gastronomico e di pasticceria.

#RACCONTIAMOLIVORNO è un’iniziativa che mira a coinvolgere attivamente tutta la cittadinanza nella realizzazione di una narrazione di Livorno verso l’esterno. Attraverso un contest su Instagram i cittadini avranno la possibilità di vedere i propri scatti selezionati come immagini rappresentative della città verso i turisti. Il tutto avverrà seguendo 3 fasi: Contest Instagram (dal 27 settembre al 20 novembre) dove invitiamo tutti i livornesi a raccontarci la loro Livorno, condividendo sul profilo le loro foto dei luoghi più belli e degli scorci più suggestivi della città. Ogni settimana la giuria selezionerà la foto più bella che verrà ricondivisa sui canali social della Pasticceria Cristiani, di Igers Livorno e ConfCommercio. Al termine del contest, saranno premiate le 3 foto più belle che si aggiudicheranno una targa. La seconda fase, che prevede l’esposizione delle suddette foto all’interno della pasticceria per tutto il mese di dicembre. E infine la fase finale di promozione della città, la quale prevede la stampa in formato cartolina delle foto selezionate, che verranno distribuite ai cittadini e ai negozi associati a ConfCommercio.

#IMMAGINIAMOLIVORNO guarda invece al futuro, con l’organizzazione di un Workshop – in collaborazione con l’ordine degli Architetti di Livorno e il Patrocinio dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Settentrionale – rivolto agli studenti della Facoltà di Architettura di Firenze. L’obiettivo, in accordo con il Comune di Livorno, è la progettazione di un Terminal per i battelli che integri al suo interno degli spazi dedicati ad un nuovo Museo del Palio Marinaro. Lo spazio selezionato è quello di fronte alla Fortezza Vecchia, luogo strategico per raccogliere i flussi di turisti che scendono dalle navi. Verrà inoltre incluso un piano generale dei fossi medicei così da creare un sistema di navette utile non solo per fini turistici ma anche per la popolazione locale.

L’intero progetto è stato presentato alla stampa in una conferenza tenutasi all’interno dello Chalet della Rotonda. Conferenza che ha visto la partecipazione, oltre che della famiglia Cristiani, anche di Rocco Garufo (Assessore al Turismo), Francesco Gazzetti (Consigliere Regionale PD), Luca Barontini (professore alla Facoltà di Architettura di Firenze), Francesca Picchi (Pianificazione e Sviluppo dell’Autorità Portuale) e Francesca Marcucci (ConfCommercio).

“Questo è un progetto che per noi ha un valore affettivo molto grande – esordisce Federica Garaffa di Cristiani – come pasticceria siamo onorati di essere stati accanto ai livornesi per tutti questi anni e li ringraziamo per l’affetto e la fiducia che ci dimostrano tutti i giorni. Vogliamo rendere omaggio alla città con una serie di iniziative volte a valorizzare le risorse di Livorno e dei suoi cittadini. Spero che il nostro sia un modello di ispirazione per altri soggetti pubblici e privati che vogliono trasformare Livorno in una città più moderna e accogliente”

“Sono molto entusiasta che una realtà territoriale importante come questa – interviene Francesco Gazzetti, in virtù dell’amicizia che lo lega alla famiglia Cristiani – abbia deciso di fare un regalo alla città con un progetto di tale portata. Il sistema di valorizzazione dei fossi legato alle due fortezze, infatti, è uno dei temi sui quali la Regione, e quindi il presidente Giani in primis, punta molto, insieme alla Darsena Europa e al nuovo ospedale. Rinnovo i miei complimenti alla pasticceria per quanto ha fatto, e farà, per la città di Livorno”.

“Quando viene fatto un lavoro di qualità e con tanta passione – chiosa infine Rocco Garufo – come quello della pasticceria Cristiani i risultati sono positivi non solo per l’azienda stessa ma per tutto il contesto cittadino. La soddisfazione che provo, anche come amministratore, è che questa famiglia non si è limitata ad un’autocelebrazione ma ha voluto fare qualcosa per il futuro della città. È sicuramente un esempio da seguire per tutte le altre attività del territorio”.

Riproduzione riservata ©