Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Video-TikTok sul tema della santità. Ecco la “sfida” della Diocesi agli studenti

Giovedì 16 Giugno 2022 — 23:56

“Anche i livornesi vanno in paradiso” è il titolo del concorso bandito dall’ufficio scuola della Diocesi e rivolto ai ragazzi delle scuole secondarie di primo grado. Ad ottenere il primo premio sono stati Tommaso De Gregorio, Francesco Navacchi e Filippo Razzauti della 3°H Scuole Bartolena vincitori di una super cassa da musica

di Giulia Bellaveglia

“Anche i livornesi vanno in paradiso” è il titolo del concorso bandito dall’ufficio scuola della Diocesi e rivolto ai ragazzi delle scuole secondarie di primo grado. Obiettivo, produrre un breve video, sullo stile del celebre social TikTok, sul tema della santità. Ad ottenere il primo premio sono stati Tommaso De Gregorio, Francesco Navacchi e Filippo Razzauti della 3°H Scuole Bartolena vincitori di una super cassa da musica. Medaglia d’argento per Giulia Giovinazzo della 2°E Scuole Borsi e il suo racconto basato sulle “5 cose che hanno a che fare con Santa Giulia” che ha ricevuto delle cuffie e terzo posto per Giulia Faccin, Sofia Piscozzi e Margherita Toninelli della 2°O scuole Borsi-Pazzini che sono state premiate con una piccola cassa bluetooth. “Stiamo cercando un social play manager – dice il vescovo monsignor Simone Giusti – Qualcuno che sappia stare sui social e parlare agli adolescenti di oggi. È evidente che io non sono adatto (ride, ndr). Chi può essere capace sono i ragazzi, così abbiamo proposto loro di realizzare dei video e abbiamo selezionato i migliori rilanciadoli sui social. Questi giovani ci hanno dato una mano nel cercare di diffondere le nostre tematiche attraverso i linguaggi attuali. Il tentativo mi pare abbastanza riuscito, ecco perché stiamo anche valutando di mantenere il rapporto e costruire insieme a loro una redazione social”.
Ogni partecipante al concorso è stato poi premiato attraverso un diploma di partecipazione, una collana con una medaglietta raffigurante la Madonna e due fumetti sulle vite di Santa Giulia e di Pio Alberto Del Corona. “L’obiettivo era avvicinare i giovani al tema della santità – aggiunge il professore di religione delle scuole Borsi/Pazzini Luca Gentini – Ed è stato raggiunto attraverso l’utilizzo di un linguaggio che fosse loro vicino e congeniale. Tanti di loro si sono davvero appassionati alle storie di alcuni santi”.
A riceve il premio speciale, per l’originalità del racconto sulla vita di Sant’Ambrogio è stato invece Matteo Fivizzani.

Condividi:

Riproduzione riservata ©