Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Ztl e Zsc, il pagamento slitta. Ecco cosa cambia

Giovedì 28 Luglio 2016 — 18:21

Dovranno pagare l’integrazione anche i titolari di quei permessi non più rinnovabili che però potranno essere utilizzati fino al 31 dicembre

Visti i tempi ristretti per il pagamento dell’integrazione dei contrassegni dei professionisti, l’Amministrazione ha deciso di prorogare il termine al 31 agosto per tutte le categorie (in fondo all’articolo trovate la tabella con i prezzi). Un mese di tempo in più, dunque, che consentirà di regolarizzare le posizioni, minimizzando il disagio dell’utenza.
L’altra novità riguarda i tagliandi che “andranno in pensione” il 31 ottobre. Sciolto il nodo anche per queste categorie di persone che sono tenute al pagamento dell’integrazione come tutti gli altri professionisti, ma potranno continuare a utilizzare il loro tagliando fino al 31 dicembre 2016, quando scadrà definitivamente.
Entrambi questi correttivi saranno portati in approvazione nella prima seduta utile di Giunta.

Rispetto alla precedente delibera di marzo, il nuovo atto recepisce alcune indicazioni scaturite dal confronto con le categorie professionali (con conseguenti rettifiche ed integrazioni, in particolare per i mezzi di massa superiore a 3.5 tonnellate), e approva il nuovo testo unico (disciplinare) della circolazione nel centro abitato, che va a sostituire il testo unico precedente (approvato con le delibere di giunta 242/2014 e 373/2014). La novità più importante è l’introduzione di tutta una serie di contrassegni temporanei (giornalieri, mensili, trimestrali) che a Livorno prima non erano previsti. Questi contrassegni temporanei vengono incontro ad esigenze più volte manifestate dai cittadini, in particolare quelli per l’assistenza alle persone non deambulanti, ma anche quelli per domicilio temporaneo, quelli per chi è residente nei comuni limitrofi, o ancora i contrassegni per attività professionali o economiche temporanee, per carico/scarico, o i contrassegni per i clienti delle strutture ricettive, per spettacoli e concerti, ecc. Per il momento i contrassegni temporanei dovranno essere prenotati agli sportelli dell’Ufficio Mobilità, ma quanto prima sarà completato il sistema gestionale informatico per il rilascio online. I contrassegni temporanei consentiranno ai cittadini una maggiore elasticità nella gestione delle esigenze di mobilità, visto che non sarà più indispensabile pagare l’importo per l’intero anno.

 

Modalità di pagamento
Per quanto riguarda il sistema dei pagamenti non ci sono novità rispetto alle modalità già in essere. Il pagamento delle nuove tariffe o delle integrazioni può essere effettuato:

* online all’indirizzo
https://cittadino.comune.livorno.it/citel/posizionedebitoria/posizionedebitoria.do?idSessione=S20160407112718393oF&idMenu=2207

* sul conto corrente bancario aperto presso il Banco Popolare, indicando la causale Rimborso Costo Contrassegno ZTL/ZSC (IBAN: IT 63 X 05034 13917 000000000096);
* sul conto corrente postale n. 220574 intestato a “Comune di Livorno – Servizio di Tesoreria”, indicando la causale Rimborso Costo Contrassegno ZTL/ZSC;
* in contanti, presso i seguenti punti vendita convenzionati con il servizio T-serve: tabaccheria Morlacchi, borgo dei Cappuccini 23; tabaccheria Cioni, via Roma 133; tabaccheria Tototerzo, piazza Mazzini 81; ricevitoria Balloni, piazza Cavour 38;
* in contanti o con carta di credito presso il Chiosco Livorno, Parco Commerciale Porta a Terra, via Gino Graziani 22;
* in contanti, con carta di credito o bancomat presso i supermercati CONADconvenzionati con il servizio T-serve: via Giotto n. 15; via Fagioli n. 10; via dell’Antimonio n. 4-8 (il sistema T-serve è, al momento, in aggiornamento con le nuove tariffe).

L’ira di Confcommercio – E’ incomprensibile, per il direttore generale Confcommercio Toscana Franco Marinoni, l’atteggiamento dell’assessorato sui permessi in deroga. “A marzo – ricorda Marinoni – in un incontro a cui Confcommercio ha partecipato con i presidenti degli albergatori, dei cartolai e dei rappresentanti di commercio, l’assessore Vece ci ha rassicurato sul rinvio a settembre della manovra sul traffico. Oggi leggiamo che gli imprenditori dovranno versare ed esporre entro il 31 luglio l’integrazione alla tariffa del contrassegno, già pagata a inizio anno”.
E’ incredulo Gadiele Polacco, presidente Aliardica Fnaarc, gli agenti e i rappresentanti Confcommercio: “Per gli agenti di commercio, che per lavorare devono accedere a centri urbani diversi e di diverse province, e che rischiano che di veder lievitare i costi dei permessi in modo inammissibile, il Comune sembrava aver recepito l’esigenza di una tariffa particolare, tanto che il Sindaco si era impegnato a portare la problematica nelle sedi Anci, per far adottare ai comuni toscani una linea unica e condivisa”.
Per gli albergatori il Comune si era riservato di attuare delle verifiche per capire come armonizzare la riduzione delle auto in centro con la necessità dei clienti degli hotel di raggiungere le strutture ricettive.
Racconta Gianni Vignoli, presidente degli albergatori Confcommercio: “A marzo la nostra richiesta consisteva nel ridurre il costo del contrassegno alla tariffa dei residente. I clienti degli hotel, infatti, restano solo qualche giorno, non un anno, e il loro impatto sul traffico cittadino è limitatissimo. Abbiamo inoltre proposto di ottenere tariffe agevolate presso i parcheggi. Attendevamo risposte. Adesso l’annuncio secondo cui dovrei pagare 4.500 euro di integrazione!”. Conclude Marinoni: “Eravamo rimasti d’accordo con l’Amministrazione che avremmo riparlato dell’argomento in autunno. Chiediamo quindi con decisione a assessore e sindaco di convocarci al più presto per chiarire la situazione. Non vorranno, spero, disattendere senza nessun preavviso le legittime richieste delle imprese che operano nel centro e che con la loro attività contribuiscono all’economia e alla vivacità della città”.

I residenti della ZTL “C” possono transitare e parcheggiare anche in ZTL “D” e viceversa – Sarà consentito, a partire da lunedì 14 marzo fino al 12 marzo 2017, ai residenti della ZTL “C”, muniti di contrassegno, di transitare e sostare anche nella ZTL “D” e viceversa. Si rinnova pertanto l’ordinanza che prevede, per l’arco di un anno, l’interscambio di sosta e transito ai residenti delle due zone centrali.
Il provvedimento è stato preso per consentire ai residenti di tutta la zona mercatale, la zona “C” appunto, (piazza della Repubblica, piazza Grande,Mercato Centrale) di poter utilizzare spazi di sosta alternativi, data l’alta presenza di cantieri edili di lunga durata, oltre che dell’attuazione di un’area mercatale sperimentale in via Serristori che ha sottratto ulteriori spazi per la sosta nelle giornate e negli orari di svolgimento delle attività commerciali. Al tempo stesso, per non gravare sulle disponibilità degli spazi in zona “D” (la zona di piazza Benamozeg, Scali d’Azeglio fino a Scali Cialdini), l’ordinanza prevede che anche i cittadini residenti in questa zona possano transitare e parcheggiare nell’area “C”.

Condividi:

Riproduzione riservata ©