Cerca nel quotidiano:


“Diamo i numeri”, laboratorio teatrale della Fondazione Scotto

Giovedì 3 Novembre 2016 — 15:22

Mediagallery

di Claudio Caprai

Per il quinto anno consecutivo la Fondazione Scotto collaborerà con il laboratorio teatrale di Lamberto Giannini e Aurora Fontanelli per portare in scena un altro spettacolo, il titolo di quest’anno sarà “Diamo i numeri” e coinvolgerà il gruppo dei disabili della casa famiglia con qualche nuovo membro rispetto agli anni precedenti. Una delle novità è infatti la presenza del gruppo scout di Guasticce. La partecipazione a questa tradizione consolidatasi negli anni arriva anche dall’amministrazione comunale di Collesalvetti e dalla scuola Schumann. “La cosa più soddisfacente sono state le richieste da parte dei ragazzi di ripetere il laboratorio” spiega la vicepresidente della Fondazione Scotto, Enrica Monticelli, “dimostra come questo lavoro abbia lasciato una forte gratificazione in loro”.
Questo laboratorio teatrale è diverso da quello del gruppo Mayor Von Frinzius dello stesso Giannini, perché è composto da un gruppo decisamente più ristretto di ragazzi e operatori, che col tempo sono riusciti ad affermarsi e a creare una bella tradizione. Il tema di quest’anno saranno i numeri e il programma è già stato stabilito: il 6 e 13 dicembre ci sarà una prova di formazione per chi vuole entrare a far parte di questo gruppo, mentre il 17 gennaio alle 14.30 comincerà il laboratorio nella casa famiglia di Stagno, che si ripeterà tutte le settimane, sempre di martedì, fino al 1 aprile, la data dello spettacolo finale.
La scelta del primo aprile come data dello spettacolo non è casuale, perché lo spettacolo vuole sembrare uno scherzo, il teatro è l’unico luogo del mondo dove la diversità è realmente un valore e in questo caso romperemo decisamente con il canonico”, racconta Lamberto Giannini. Alla presentazione del laboratorio è intervenuta anche l’assessore Fantozzi del comune di Collesalvetti, sottolineando come questo spettacolo abbia un grande valore per tutta la città, in particolare adesso che siamo vicino al quarantesimo anniversario della legge 517, simbolo dell’avanguardia italiana nell’inclusione scolastica.

Riproduzione riservata ©