Cerca nel quotidiano:


Quartiere Garibaldi: nel 2018 continuerà la rinascita

Riapertura di 8 fondi sfitti, spettacoli, aste, cene di quartiere, sinergie tra abitanti e commercianti. Nel 2018 tutto questo vedrà una continuità grazie alla collaborazione tra Regione, Comune e Confesercenti Livorno

domenica 31 dicembre 2017 08:59

di Jessica Bueno

Mediagallery

Un’iniziativa nata per intensificare la sicurezza e sviluppatasi in seguito come progetto di riqualificazione, puntando sui giovani e sull’arte: il quartiere Garibaldi, nel 2017, ha avuto il suo principio di rinascita (foto Lanari). Rinascita che è stata possibile grazie alla collaborazione tra Regione Toscana, amministrazione comunale e Confesercenti Livorno e che ha portato, tra le altre cose, alla riapertura di 8 fondi sfitti, alla creazione di eventi come spettacoli, aste, cene di quartiere, giochi e sinergie tra abitanti e commercianti. Nel 2018 tutto questo vedrà una continuità per permettere il consolidamento delle attività già esistenti e favorire la creazione di nuove. “E’ stata una fatica importante – dice Annalisa Coli, responsabile comunicazione Confesercenti Livorno – ma la soddisfazione è veramente grande. Il progetto si è tramutato in un rilancio del quartiere. Ringrazio la Regione per aver colto l’importanza di questa iniziativa, l’amministrazione comunale per averne garantito lo svolgimento, oltre che i residenti ed i commercianti”. “Crediamo da sempre in questo progetto – afferma la vicesindaco Stella Sorgente – Abbiamo sempre cercato di dare il massimo supporto possibile. Adesso l’importante è riuscire a dargli un seguito, vertendolo verso le politiche giovanili. In questi mesi, infatti, abbiamo avuto modo di vedere emergere esperienze di giovani livornesi e vogliamo continuare a crederci, proseguendo con la creazione di nuovi bandi e puntando ad aggredire i problemi di questo quartiere”. Proprio a questo fine, a gennaio dovrebbe concretizzarsi il nuovo regolamento di polizia urbana per limitare gli orari di somministrazione di alcolici, oltre all’installazione di telecamere di video sorveglianza. “Questo modello di riqualificazione – sostiene Vittorio Bugli, assessore regionale – potrebbe diventare una politica generale da applicare a tutta la Toscana, basato sulla partecipazione. Le persone escono dalle proprie case o dalle proprie attività commerciali e si riappropriano del quartiere: questo è ciò da cui parte tutto. I tempi sono stati lunghi, ma i cambiamenti sono tangibili, si vedono. E’ stata data dignità ed identità ad un quartiere colpito da varie situazioni difficoltose. Tutto questo grazie alla voglia di cambiare e mettersi in comunità”. Alla fine della conferenza stampa è stato proiettato un video realizzato da alcuni ragazzi del pop up ‘Uovo alla Pop’ che, grazie alla loro arte, sono riusciti a riqualificare alcune saracinesche del quartiere, dipingendole con diversi soggetti e diverse tematiche, nell’ambito del progetto ‘Pareti Aperte’ (clicca qui per i dettagli). Un progetto in via di sviluppo che vedrà una continuazione nel 2018.

Riproduzione riservata ©

5 commenti

 
  1. # Andrea

    Ma perché c’è stata una Rinascita? “tre gioini e du cene in piazza? Provate a raggiungere piazza Garibaldi a piedi dal cisternone passando per le vie interne dalle 6 di sera in poi….. Poi me la raccontate la rinascita…..

    1. # Biagio

      E che ti fanno, ti rapiscono ?

  2. # Hack

    E cosa ti aspettavi?…se vuoi camminare tranquillo vota salvini l’8 marzo anziche pd

  3. # paolo

    L’ASSESSORE AL COMMERCIO CHE CI DICE CHE FARA’ PIU’ EVENTI AL MERCATO CENTRALE ? MA SE PER LE FESTE NATALIZIE SONO STATI SEMPRE CHIUSI !!! UNA VERGOGNA POI CI SI LAMENTA DELLA GRANDE DISTRIBUZIONE E LO DICE UNO CHE NON HA UN ATTIVITA’ DENTRO IL MERCATO !. iL RILANCIO DI LIVORNO PASSA DA PIAZZA GARIBALDI ? MA PER FAVORE PERCHE ‘ DAL NOVELLI FINO A CALAFURIA I TURISTI NON TROVANO UN SERVIZIO DECENTE ? UN WC SULLA SPIAGGIA ? GESTISCO UN AREA DI OMBRELLONI E TUTTI GLI ANNI LA STESSA STORIA . qUESTO E’ IL FAMOSO CAMBIO DI MARCIA ? E’ DAL 2000 CHE ASPETTIAMO IL PIANO DELLA COSTA . E’ DAL 1997 CHE PRENDO MULTE PER UN RISTORO SU RUOTE CHE NON DA NOIA A NESSUNO MA FA UN SERVIZIO …. VEDREMO LE NUOVE ELEZIONI SALUTI

  4. # Luca P.

    Boia! A sentì certi commenti pare che vivere a Livorno sia peggio che vivere nelle peggiori favelas sudamericane… Invece che più polizia ci sarebbe bisogno di distribuire più farmaci anti-psicotici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.

Passa alla versione desktop Torna alla versione responsive