Cerca nel quotidiano:


Meno parcheggi per scooter? Perdiamo il 30% degli incassi”

"Serve ripensare subito il piano dei parcheggi per i motorini"

lunedì 30 luglio 2018 11:49

Mediagallery

“Siamo al 30% medio di perdita di incassi rispetto allo stesso periodo dello scorso anno”. Lo dicono senza esitazione guardandosi preoccupati e forse anche stupiti di avere registrato tutti lo stesso andamento del calo delle vendite. Siamo nella sede Confesercenti e sono presenti i massimi esponenti dell’area mercatale di centro città: Antonio Pacini presidente del Consorzio Mercato delle Erbe di piazza Cavallotti, Simone Toschi presidente del Consorzio del Buontalenti, Andrea Briguglio presidente degli ambulanti di Anva Confesercenti e presente lui stesso col suo banco 3 giorni a settimana e Maristella Calgaro presidente di Confesercenti Provinciale e soprattutto, in questo caso, commerciante di via del Giglio. Si sono riuniti in quella che è la loro casa, l’associazione di categoria che li rappresenta, per lanciare un grido d’allarme all’unisono, convinti che l’unione faccia la forza: le imponenti modifiche al traffico fatte in occasione della creazione degli stalli blu hanno avuto un impatto forte sulla mole di lavoro di tutte le attività dell’area, ma in particolare quel che ha fatto traboccare il vaso sono stati i posteggi per gli scooter.

“Praticamente c’è un terzo dei posti di prima e, si sa, a Livorno ci si muove soprattutto con quelli e soprattutto d’estate. Aver ridotto drasticamente il numero dei parcheggi riservati agli scooter ha avuto effetti pesantissimi” dice Toschi e aggiunge Maristella Calgaro “che questo vale per tutti, sia per i commercianti su area pubblica che quelli in sede fissa: io mi sono fatta un bel giro tra le attività del quartiere e tutti si sono accorti che questa riduzione ha portato effetti negativi, come se ce ne fosse bisogno…”. Il tema è caldo e reso ancora più insopportabile dal fatto che quello degli stalli riservati agli scooter è solo la goccia che ha fatto traboccare il vaso. “Non abbiamo nemmeno ancora chiaro – dice Antonio Pacini – visto che la segnaletica non è ancora tutta chiara, se sugli stalli blu nell’area intorno a Buontalenti e Cavallotti di giorno chiunque possa parcheggiare o se, invece, essendo ZTL ci possano stare solo i residenti. Questo punto una volta chiarito, potrebbe peggiorare ulteriormente la situazione”.

In sostanza cos’è accaduto? Nelle vie limitrofe all’area mercatale, in occasione del rifacimento della segnaletica per la creazione degli stalli blu, sono stati modificati o in alcuni casi soppressi gli spazi dedicati al parcheggio degli scooter. “Ad esempio – continua Maristella Calgaro – in via Gherardi del Testa, in via del Cardinale ed in via della Coroncina sono stati sostituiti i parcheggi a lisca con quelli in fila praticamente dimezzando il numero dei posti; mentre in via dei Cavalieri si è proceduto a sopprimerli proprio”. “Ora, se da una parte è vero che non sono gli scooter l’unico problema, è anche vero che di per certo rischiano di essere la goccia che farà traboccare il vaso – dichiara con fermezza Simone Toschi “un altro paio d’anni come questo e noi si chiude tutti. Eppure si voleva sostenere il commercio di vicinato, il centro della città…”. “Noi in Confesercenti siamo abituati non solo a criticare ma anche a proporre soluzioni, in uno sforzo di collaborazione nell’interesse generale di operatori economici ed amministratori – spiega Andrea Briguglio – per questo diciamo che l’amministrazione è ancora in tempo ad intervenire in modo più razionale e soprattutto funzionale alle esigenze di tutti i vari imprenditori del quartiere. Va razionalizzata l’offerta di posteggi: intanto si potrebbe ripensare alla pedonalizzazione di via di Franco destinandola invece in modo esclusivo solo agli scooter ed in via Sant’Omobono – lato ex SIP – al posto dei banchi non autorizzati che devono essere spostati creare altri posti in fila per gli scooter – conclude Briguglio – con questi due soli interventi nel complesso si riporterebbero almeno una settantina di posteggi, una vera boccata d’ossigeno per tutte le attività dell’area mercatale”.

Riproduzione riservata ©

15 commenti

 
  1. # 5stelleunavoltaebasta

    Gli effetti della “visione” del nostro amato sindaco e del suo fedele assessore Vece si fanno sentire in maniera disastrosa. Non rimane che attendere le prossime elezioni, ricordando i notevoli successi conseguiti da questa giunta

  2. # u8go nogarinINO sono otto

    Serve ripensare subito il piano dei parcheggi per i motorini? e basta?……Serve ripensare subito il piano dei parcheggi direi

  3. # ale

    se i residenti non hanno parcheggio per la macchina nel giro di 10 anni cambieranno tutti casa, e senza parcheggi nessuno vorrà una casa in centro….in soldoni: senza residenti il commercio al dettaglio è un morto che cammina!

    1. # Troppabiada

      Lo è già.Il centro è diventato un ghetto per stranieri con zero soldi in tasca,il pentagono che doveva essere il nucleo storico e’ diventato un pisciatoio per cani,il fosso Reale trasandato con barche e circoli fatiscenti.Vergogna uscite dal Palazzo e venite la sera a fare un giro nel centro così vi rendete conto.Attenti ai tarponi sono grossi come cani.

      1. # Pocabiada

        @Troppabiada
        Almeno i gabbiani sono andati a far compagnia ai cinghiali nelle zone vip della città, grazie alla raccolta differenziata.
        Invece di descrivere il centro come un ghetto, cerchiamo di imparare dalle altre città, dove i centri sono l’orgoglio cittadino, il nucleo commerciale, storico e culturale.
        Ricordiamoci che in quella stessa piazza Cavallotti ci abitava Mascagni, mica stava alla terrazza…

  4. # Nerd

    Ma non dovevano venire tutti in bicicletta o in autobus?

  5. # Fa78

    Il grande maestro Guccini diceva:” bisogna saper scegliere in tempo, non arrivarci per contrarietà…..” ma penso che questi non riuscirebbero ad arrivarci nemmeno per contrarietà.
    Bella la mi Livorno di prima….. Come si stava meglio….. E il bello è che ci si lamentava perché magari il programma di effetto Venezia era un po’ scarsino…… Ora quando esci di casa devi ave’ paura che un abbiamo cambiato quarcosa e ti ritrovi la murta fra le stecche dell’occhiali…

  6. # Livorno1970

    Evidentemente saranno cambiate le abitudini dei livornesi. Vent’anni fa sia piazza Cavallotti che il mercato coperto erano strapieni di gente, oggi la realtà è un’altra, la qualità pure.

  7. # Polifemo

    Il mondo è bello perché è vario,lo si sa.
    Bello vedere l’anarchia totale da parte di chi guida,bello parcheggiare dove e come si vuole,magari in tripla fila o sui marciapiedi o magari nei posti riservati a disabili o a carico e scarico merci.
    Bello vedere centinaia di auto occupate da una sola persona che si è spostata di 2 kilometri.
    Bello vedere i centri commerciali pieni di persone perché è più all’avanguardia e poi lamentarsi che i piccoli negozi muoiono.
    È bello vedere la ricerca affannosa della ricerca di una casa alla scopaia,oggi magari a borgo di Marignano oppure gomito a gomito a Montenero e poi lamentarsi che il centro è in abbandono. In tutte le città il centro è zona di maggior prestigio, a Livorno l’esatto contrario.
    Bello vedere i croceristi in giro di buon ora è tutto i negozi chiusi, unico souvenir di Livorno che possono ammirare è a quantità immane di escrementi di cani in giro per le strade.
    Bello vedere le file dei turisti all’imbarco che non dispongono di un bar o di un bagno, perché è troppo presto o troppo tardi.
    Bello lamentarsi aspettando che siano gli altri e solo gli altri a fare.
    Ogni istante si accampano diritti, ci arroghiamo il diritto al diritto,ma mai porsi il quesito di quali possono essere i doveri.
    Ci sarebbero da scrivere altri kilometri di considerazioni, ma ne vale la pena?

    1. # u8go nogarinINO sono otto

      bello vedere come questo ci combina con i parcheggi…….

    2. # Morchia

      E quindi?

    3. # Kees

      Ne vale la pena. Ritratto impietoso ma perfetto del degrado di Livorno e dei livornesi. La verità fa male sentirsela dire

      1. # u8go nogarinINO sono otto

        e questo degrado di chi è colpa? solo dei cittadini? Bello vedere i mucchi di sacchi di spazzatura in tutte le strade…bello vedere Livorno sporca come non è mai stata…..bello vedere le strade rovinate come non lo sono mai state…….bello vedere tanta disoccupazione come non c’è mai stata……bello vedere il traffico che non scorre come non era mai successo…vale la pena chiedersi quali dovrebbero essere i doveri di una amministrazione? ……vale la pena vivere qui cosi??

  8. # Fa78

    Se posso aggiungere….. Bello vedere strisce blu disegnate sulle buche o addirittura sui marciapiedi, bello cercare case in periferia perché con le strisce blu i residenti non trovano posto neanche per un motorino e bello andare al centro commerciale perché se vado in centro a fare compere mi partono 10 euro di parcheggio per i signori dell’amministrazione….. Bello vedere negozi chiusi di domenica quando la tendenza dei m5s è proprio quella di non lavorare i giorni festivi…… Sarebbe bello si, ma sentir tacere certe persone

  9. # Una livornese

    Come esco da Livorno trovo le città, i paesini, addirittura le isole avanti dal punto di vista dello sviluppo e dei servizi che possono offrire. Livorno é molto indietro, per non dire sporca perché? Facciamoci due domande.
    Per quanto riguarda il commercio cittadino io stessa ho diminuito di fare la spesa ai banchi di piazza Cavallotti
    Perché rispetto agli anni scorsi la merce é più scadente e se mi sta a dire il prezzo è migliore nei supermercati dove la merce e ben esposta , ordinata e di qualità migliore oppure in quei negozi di frutta e verdura tutti uguali di nuova gestione sparsi nei vari quartieri, insomma non esiste più quel rapporto qualità prezzo che invece c’era una volta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.

Passa alla versione desktop Torna alla versione responsive