Cerca nel quotidiano:


Etruschi, basta poco per sconfiggere Pontedera

Lunedì 7 Novembre 2016 — 16:20

Mediagallery

Un punteggio bassissimo, da altri tempi, con il cronista che ha consumato ben poco inchiostro per segnare le marcature. Ma, quel che conta alla fine, è che la Fulgida Etruschi Livorno abbia interrotto la striscia di sconfitte (tre nelle prime tre fatiche) e che cominci a vedere i frutti a media e lunga scadenza impostati dal tecnico Daniele Conflitto. In casa, su un campo ‘Tamberi’ sferzato dal fortissimo vento di libeccio, i verde-amaranto si sono imposti 5-0 (1 meta a 0 e nessun punto di piede) contro la giovane Bellaria Pontedera. In virtù dei 4 punti conquistati (1 punto per gli ospiti che hanno perso con un margine inferiore alle otto lunghezze), i labronici lasciano la scomoda ultima posizione in classifica e salgono sul sesto gradino.

La Fulgida, contro la Bellaria, ha tenuto costantemente in pugno le redini dell’incontro. I padroni di casa, in virtù di una chiara supremazia in mischia, hanno ‘fabbricato’ un ingente bottino di palloni. Di fatto gli ospiti non si sono mai affacciati nell’area dei ventidue avversaria. I livornesi, che stanno immettendo in squadra tanti ragazzi alle prime armi nel mondo seniores, non sono però riusciti a sfruttare pienamente il possesso. La ‘colpa’ non è da attribuire al vento (che c’era ovviamente anche per il Bellaria). Nonostante la chiara supremazia territoriale, la Fulgida, nel primo tempo, non ha ‘sfondato’. All’intervallo situazione ferma sullo 0-0. La marcatura che ha deciso il confronto è giunta al 10′ della ripresa. L’azione è nata da una touche in zona d’attacco. Brillante l’organizzazione del pacchetto, con tutti gli uomini della mischia, guidati dal giovanissimo mediano Perciavalle, capaci di avanzare in una irresistibile rolling maul. L’ovale, lavorato da tutti i ‘primi otto uomini’ è stato poi schiacciato in meta da Rocchi, subentrato in prima linea al 1′ della seconda frazione. Anche dopo essersi portati in vantaggio, i verde-amaranto hanno amministrato la partita, senza mai far avvicinare gli antagonisti nella propria zona difensiva. Il mediano di apertura dei locali Bitossi non ha trovato la via dei pali né in occasione della trasformazione successiva alla meta di Rocchi, né in occasione di tre piazzati (due nel primo ed uno nel secondo tempo). Il vento lo ha tradito. Poco male: per la Fulgida l’importante era solo ritrovare la via del successo. Una vittoria che consente di fare il pieno di fiducia e guardare al futuro con grande ottimismo. Nel prossimo impegno, il 27 novembre, la Fulgida renderà visita al Gispi Prato. Questo lo schieramento utilizzato da Conflitto contro una Bellaria Pontedera che ha messo in mostra un pacchetto piuttosto leggero, in difficoltà contro gli avanti padroni di casa: Incrocci C. (7′ st Peruzzi); Brilli, Giordano, De Robertis (11′ st Guiggi), Sanacore (11′ st Papini); Bitossi, Perciavalle; Ruffino, Gracci, Donatini (1′ st Consani); Bonuccelli F., Bonuccelli A. (1′ st Petrantoni); Fusco, Borella, Trinca (1′ st Rocchi).

Questa la situazione nella C regionale, girone 1, dopo 5 giornate (fra parentesi le partite effettivamente giocate): Rufus San Vincenzo (5) 25; Sieci* (4) 13; Mugello (4) e I Medicei Firenze ‘C’ (5) 12; Lucca (2) 5; Fulgida Etruschi Livorno (4) 4; Bellaria Pontedera* (5) 3; Gispi Prato (4) 2; Cortona* (3) 1. *Sieci, Bellaria e Cortona scontano 4 punti di penalizzazione.

Riproduzione riservata ©