Cerca nel quotidiano:


“Grazie bimbi motosi”. Livorno festeggia i suoi eroi del fango

Sabato 26 maggio tutti in piazza Grande per onorare i giovani volontari livornesi a 8 mesi dal disastro con stand, dimostrazioni e filmati

Venerdì 25 Maggio 2018 — 11:39

Mediagallery

La festa del Volontariato sarà dedicata ai “bimbi della mota, alle centinaia di ragazzi e ragazze che spontaneamente, all’indomani del terribile nubifragio che ha colpito Livorno nella notte tra il 9 e il 10 settembre, hanno dato una mano per riportare il più presto possibile la città alla normalità e con secchi e pale hanno svuotato garage e scantinati, hanno raccolto rifiuti, hanno spazzato via il fango dalle strade. A loro è indirizzato l’appello: “Venite a raccogliere il grazie della città, è il vostro giorno”, dice Fiorella Cateni, presidente del Cesvot Livorno.

L’appuntamento è per sabato 26 maggio dalle 15 alle 20 in piazza Grande. Sarà una festa per grandi e piccini con stand, eventi musicali con la partecipazione di bambini e studenti, video, dimostrazioni di soccorso e animazioni per far conoscere ai cittadini le attività del volontariato livornese. All’inaugurazione parteciperanno il sindaco di Livorno, Filippo Nogarin, Stella Sorgente, vicesindaco di Livorno, Alessandro Franchi, presidente Provincia di Livorno, Riccardo Vitti, presidente Fondazione Livorno e Lorenzo Bacci sindaco di Collesalvetti.

Alle 16,30 una rappresentanza di giovani volontari che si sono impegnati per aiutare i cittadini colpiti dall’alluvione, che ha causato nove morti e decine di milioni di danni, sarà invitata sul palco per ricevere il grazie della città di Livorno e un riconoscimento per l’impegno e la dedizione dimostrata. “Sono passati mesi da quelle tragiche giornate – commenta Cateni – ma le immagini del fango che invade la città resteranno ben impresse nella memoria insieme alle immagini di questi ragazzi e ragazze con i secchi, con le pale, le magliette e le facce sporche di mota appunto e con il sorriso pronto, tanto che il ricordo di quei giorni è di sofferenza ma anche di orgoglio”.

Riproduzione riservata ©