Cerca nel quotidiano:


“Gymnasium” sarà abbattuto

In viale Nievo demolizione della Baracchina Gymnasium e ripristino della pista ciclabile. Sarà demolita anche un’edicola dismessa in via Provinciale PIsana

Sabato 22 Ottobre 2016 — 07:30

Mediagallery

La Giunta Comunale ha approvato il progetto definitivo per la demolizione di due manufatti in disuso, entrambi di proprietà comunale: si tratta della baracchina “Gymnasium”, posta in viale Ippolito Nievo in prossimità dell’incrocio con viale Carducci, e di un’edicola dismessa in via Provinciale Pisana, nei pressi dell’intersezione con via Fonte di S. Stefano. La baracchina di viale Ippolito Nievo n. 1, adibita a bar-gelateria, nel 1999 fu affidata in concessione dal Comune di Livorno a un soggetto privato. Alla scadenza del contratto, nel 2011, vista la situazione di morosità, il Comune diede inizio alla procedura per ritornare in possesso dell’immobile, fino allo sgombero eseguito dalla Polizia Municipale nel giugno 2013 (peraltro l’attività era già chiusa da alcuni mesi).
Successivamente fu presa la decisione di non procedere a un nuovo affidamento e di demolire il manufatto, in considerazione delle scadenti condizioni di manutenzione e della presenza di opere realizzate abusivamente, della scarsa redditività del bar per la presenza di altri esercizi pubblici nelle vicinanze, e in considerazione dell’intralcio alla circolazione provocato dalle auto dei clienti spesso lasciate sul marciapiede.
GYMNASIUM VIALE IPPOLITO NIEVO“Ma soprattutto – osserva l’assessore all’urbanistica Alessandro Aurigi – perché la baracchina interrompe la pista ciclabile di viale Nievo, e il suo abbattimento consente di ricongiungere questo percorso ciclabile a quello di viale Carducci (stazione-porto). Dunque un intervento necessario alla riqualificazione dell’isolato adiacente al Gymnasium, in armonia con il tessuto urbano circostante”. E infatti, nel progetto definitivo che adesso la Giunta Comunale ha finanziato per 29mila euro, oltre all’abbattimento e rimozione del manufatto è previsto il completamento della pista ciclabile. “Un intervento necessario alla riqualificazione dell’isolato adiacente al Gymnasium. La rimozione dell’altra struttura che già da diverso tempo versa in stato di abbandono, l’edicola di via Provinciale Pisana all’altezza del civico 354, è ricompresa in questo stesso intervento. Il Comune ha optato per la non riqualificazione perché il costo sarebbe sproporzionato al valore del manufatto, e perché per ragioni di sicurezza è opportuno liberare il marciapiede, in quanto allo stato attuale lo spazio per il transito dei pedoni è troppo ristretto. “Una risposta dovuta ai tanti cittadini che più volte hanno richiesto il ripristino del decoro di questo spazio pubblico – dice l’assessore Aurigi – era doveroso che l’Amministrazione Comunale intervenisse per riqualificare l’area”.

Riproduzione riservata ©

Cerchi visibilità? Contattaci: 1,1 milioni di pagine viste al mese e oltre 54.800 iscritti a Fb. Per preventivi https://www.quilivorno.it/richiesta-preventivo-banner/ oppure [email protected]

GRAZIE!


35 commenti

 
  1. # Libero

    Fra l’altro il suo “ingombro” fastidioso è in forte contrasto e stride esteticamente con l’adiacente armonica struttura architettonica della storica palestra.

    1. # @dlblsn

      anche in forte contrasto il rifacimento dell’ex Cinema Metropolitan lato via Marradi e via Roma con l’architettura pre-esistente. Li non ne hanno tenuto conto: uno schifo

      1. # Moderno

        L’intervento di via Roma è un buon esempio di architettura contemporanea. C’è a chi piace il vecchio ed a chi il moderno. Se ne potrebbe discutere all’infinito…

      2. # morgiano

        Boia come hai ragione il vecchio cinema era tanto bello che sembrava il Pantheon…. ma ti posso toccà!

  2. # Libero

    E’ un antipatico “ingombro” come lo era la baracchina abbattuta, anni fa, in piazza Dante, proprio di fronte alla facciata principale della Stazione Centrale delle Ferrovie!

  3. # Franco

    era ora! Ben venga il proseguo della pista ciclabile anche se sicuramente contestata da molti “anti-ciclisti”.

    1. # #petrus

      Se ci andassero, i ciclisti……

      1. # orso

        Ma te sei un ciclista vero o di quelli a discorsi ?
        Perche’ a giudicare dalle autostrade deserte sugli scali che qualcuno si ostina a definire “piste ciclabili”sono piu’ quelli a discorsi…

  4. # Paolo

    Ottima idea cosi è inutile e brutto…forse sarebbe meglio dedicate l’area a qualcosa di più utile invece della solita inutile pista ciclabile

  5. # Marco

    Ben vengano le piste ciclabili….se si pensasse anche ai pedoni…vedi lungomare…bici su terreno liscio e pianeggiante pedoni su ghiaino pozzanghere e fango….

  6. # Morchia

    Meno male casa mia non è sulla linea della pista, capace me la abbattevano. Pista ciclabile avanti a tutto e tutti! D’altra parte la usano la maggior parte delle persone a Livorno… nei sogni di qualcuno però!

  7. # Eva

    Fanne delle altre di piste ciclabili tanto non ci va nessuno….

    1. # Franco

      EVA, LA PISTA E’ UNICA. INFORMATI!

  8. # aldo prosperi

    una città di piste ciclabili e servizio pubblico sarebbe troppo bello

  9. # Leo

    Una delle cose più assurde che questa amministrazione sta facendo sono le piste ciclabili. Non perché io sono contro le bici. tutt’altro … Il punto è che dal luglio 2015 hanno iniziato le tre rotatorie zona “nautico -palazzo dei portuali” e ancora non sappiamo quando finiranno. Il caos della circolazione è sotto gli occhi di tutti e le bici non le vede nessun … Il punto è che un Sindaco o assessore / i appassionati di bicicletta non dovrebbero pensare ai loro bisogni, ma a quelli della città e dei cittadini che almeno per ora, non sono quelli di andare al lavoro o a passeggio in bici escluso pochi casi ai quali abbiamo sacrificato l’esigenze del 99% dei cittadini.

    1. # Fulmine

      Ma ti rode ancora così tanto aver perso il trono con il tuo PD ?

      1. # orso

        fulmine il pd ha lo stesso atteggiamento sulla viabilita’.
        Non ti preoccupare,siete uguali a loro anche su questo piano…

      2. # Leo

        Qui non c’entra nulla il partito o i partiti. Sono scelte degli uomini … scelte sbagliate! E’ come se a Milano facessero una pista ciclabile sulla tangenziale … Io ho votato Nogarin ma se continua così alle prossime elezioni, se non decade prima, andrà a numeri da prefisso.

    2. # Virgilio

      Condivido tutto quello che lei ha indicato: per me da una strada che funzionava si è passati a un gran caos…anche quando finiranno i lavori..se non funziona e si ride..entro in consiglio anche senza il pass…tutto i giorni San Marco- Fabbricotti 45’….roba da matti!

  10. # Pino

    Per far funzionare le piste ciclabili bisogna limitare fortemente l’uso di auto e motorini e incentivare l’uso dei mezzi pubblici

    1. # Nerd

      Non siamo mica nel 3° mondo,con le biciclette e con i mezzi pubblici l’economia girerebbe ben poco e il periodo di utilizzo sarebbe limitato alle belle giornate. Come si può imporre l’uso di un mezzo che in molti non possono usare per motivi di varia natura?

      1. # nedo

        Studia Nerd! Paesi come la Danimarca, l’Olanda, e tutta la Scandinavia, nonostante climi molto più rigidi del nostro hanno investito su piste ciclabili e mezzi pubblici: non mi sembra che siano il terzo mondo!
        Mettete il naso fuori dal quartiere ogni tanto, cambiare aria fa bene e allarga la mente

    2. # Antonio

      Per incentivare l’uso dei mezzi pubblici (se riferito agli autobus) occorre in primis che il servizio venga potenziato e che la rete sia più capillare in modo che da qualsiasi punto della città si arrivi alla propria destinazione in un tempo nettamente inferiore a quello che occorre utilizzando l’auto. Purtroppo attualmente col bus molto spesso si impiega più tempo rispetto all’uso dell’auto e questo non è certo un incentivo ad utilizzare i mezzi pubblici.

  11. # Steccio

    Scusate … ma quelli che lavorano al bar ? Altri disoccupati …

    1. # mario cioni

      Staccio, guarda che è chiuso da anni e non lo vole nessuno perchè è completamente irrecuperabile, lo buttano giù per questo, tutti gli altri discorsi sono fuffa

  12. # W il tram

    Ci vorrebbe delle belle linee di tram, stazione FS – Quattro Mori, Quattro Mori – Antignano.
    Invece delle cabinovie…

  13. # polina

    Bravi…evviva le piste ciclabili e chi le usa! Basta macchine e motorini ovunque!

  14. # Olmo

    Peccato,poteva rilevarla qualcuno,credo che sia stato l’unica rimasta in quello stile. Prima c’era una su tutti e 4 i cantoni,poi era rimasta quella e sarebbe stato bello vederla continuare a vivere e poi mi avvilisco doppiamente scoprendo che tutta questa urgenza è per lasciar spazio ad una pista che a noi livornesi non interessa minimamente.

    1. # MrJus

      Olmo il 22 ottobre 2016 alle 16:13
      “Peccato,poteva rilevarla qualcuno,credo che sia stato l’unica rimasta in quello stile. ”
      che stile?

      1. # Nerd

        Chiedo perdono,ho usato un termine errato,per stile volevo intendere un bar o altro tipo di locale avente sede in una struttura a se stante proprio come questa baracchina fino ad ora superstite di tante sorelle che in tempi più ameni erano dislocate in varie zone della città donando un po di vita a ceri luoghi che dopo l’abbattimento delle vecchie baracchine non vantano assolutamente alcun miglioramento al contesto urbano circostante ma si crea solo un vuoto. Se ritiene più saggio che al suo posto sia stesa una lingua di asfalto per dei ciclisti immaginari io ribadisco invece che sarebbe stato più saggio ridare nuova vita alla struttura.

  15. # enzo

    e in considerazione dell’intralcio alla circolazione provocato dalle auto dei clienti spesso lasciate sul marciapiede. Invece dove sono altri locali le auto sono posteggiate bene??

    1. # Ascolta bene

      Caro Enzo noi le auto le mettiamo lì perché non c’è altro posto , se guardi attentamente c’è 10 posti auto ma ci sono 50 appartamenti , poi ripeto sono messe a modo lungo la riga della pista ciclabile ,quindi non danno noia a messuno , ci passi benissimo non ti preoccupare , noi ci stiamo attenti quando entriamo lì ma ripeto quello era un parcheggio la pista li no. Serve a nulla perché inizia da marini e finisce al gymnasium, , poi se la percorri al contrario verso casalp vedi come era lì la pista in c’è allora che senso ha 30 metri di pista? Solo a levare posto auto , non ti preoccupare faremo una raccolta firme per riprenderci i nostri posti auto e poi ora hanno levato altri 3 posti auto al incrocio con via zola dove ci verrà un bellissimo semaforo ?Continuate cosi ??????????????????

  16. # orso

    Piste ciclabili,rotonde e miseria.
    La Corea del Nord diventa una giacchettata.

  17. # chettiduri

    scusate….ma i debiti chi li paga….i soliti scemi livornesi? Bastaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa…è l’ ora di finirla, perseguiamo chi ha creato il debito e non fare le solite vittime poi a pagà sono sempre i soliti!

  18. # chettiduri

    Ma i soldi per la demolizione dovi li prendono?????