Cerca nel quotidiano:


Il “Piccolo Principe” in beneficenza per la Onlus “La Casa”

Giovedì 18 Agosto 2016 — 16:36

Mediagallery

Venerdì 19 agosto, alle ore 21.00, a Quercianella, all’Istituto S. Giuseppe, via M. Puccini, 68, sarà messo in scena dalla Compagnia Gli Scombinatori, per la regia di Antonella Cenci, “Il Piccolo Principe” dal racconto di  Antoine Saint Exupery, spettacolo di beneficenza a favore dell’associazione Onlus “La Casa”.

Il gruppo “Gli Scombinatori” è nato nel 2016 dall’amore per il teatro e la voglia di divertirsi e divertire. Si occupa esclusivamente del narrare le storie del mondo, cercando di scoprire l’importanza del nostro cammino sulla terra. In questo senso Il Piccolo Principe, noto racconto di Antoine Saint Exupery, è stato elaborato teatralmente rendendo l’incontro dei personaggi un momento unico di scoperta dei sentimenti racchiusi dentro di noi, ma che attraverso lo scorrere delle parole, sono liberati per splendere finalmente della luce propria, come la luce delle stelle. Tra questi sentimenti emerge il più rilevante per l’esistenza dell’umanità, l’amicizia, il più nobile e disinteressato, bisogno dell’animo indispensabile per andare avanti. Non è solo un racconto, è raccontare storie in un modo magistrale, è il sapere essenziale della vita che diventa il volume da regalare ai nostri figli.

La regista Antonella Cenci, reduce da diverse esperienze di regia per il teatro, sviluppando progetti artistici con varie tecniche multifunzionali, si è occupata di far rivivere sul palcoscenico letteratura, poesia, favole, e narrazione della storia per non perdere  la nostra memoria.

Nel convincimento che l’arte è sempre un momento di ulteriore crescita per la persona, alla ricerca costante di raffinate e nuove sensibilità poetiche, non poteva che affidare la parte musicale all’estro inesauribile del giovane compositore livornese Giulio Boschi, denominato da Afo Sartori il poeta del jazz. Tra la regista e il musicista c’è un linguaggio con età diverse ma così profondo nel cercare rumori, spiegazione,  nell’ascoltare con attenzione  e soprattutto nel comprendere l’armonia della lunga strada che dobbiamo fare. La regista si avvale così di una vera e propria colonna sonora che sottolinea sentimenti variegati e caratterizza i tratti peculiari dei personaggi, pervadendo l’azione teatrale di bozzetti sonori.

Questi sono l’ambientazione emotiva volta a creare l’atmosfera fantastica e immaginaria che la fiaba narra.

La recitazione è affidata a noti professionisti cittadini che mettono a disposizione del tetro le loro esperienze e il loro vissuto: Ornella Marmeggi, psicologa della formazione e pedagogista clinica;  Roberto Costagliola, medico di base con esperienze sociali di volontariato;  Mario Giordano, chimico e artista settore figurativo; Federico Del Nista, Beni Culturali e collaboratore con il Teatro Città di Livorno; Rachele Carol Odello, pittrice, scultrice e scrittrice di racconti per bambini. La scenografia è affidata ad Antonella Lodde.

Ingresso ad offerta libera.

Riproduzione riservata ©

Cerchi visibilità? Contattaci: 1,1 milioni di pagine viste al mese e oltre 54.800 iscritti a Fb. Per preventivi https://www.quilivorno.it/richiesta-preventivo-banner/ oppure [email protected]

GRAZIE!