Cerca nel quotidiano:


Imprese danneggiate dal nubifragio. Tutte le istruzioni per chiedere il rimborso

Il modulo da compilare si troverà da lunedì sul sito della Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno. Il termine per la presentazione delle istanze è il 16 ottobre

Sabato 23 Settembre 2017 — 09:16

Mediagallery

di Giulia Vicari 

La Camera di Commercio come punto di riferimento per le imprese danneggiate dall’alluvione del 10 settembre: è questo il tema centrale dell’incontro tenutosi giovedì 22 settembre. All’appuntamento hanno partecipato, oltre alla camera stessa, alcuni funzionari della Regione Toscana, dei Comuni coinvolti e le associazioni di categoria.
La prima fase del protocollo, che sarà messo in atto per i 3 Comuni colpiti (Livorno, Collesalvetti e Rosignano), è quella della cosiddetta ricognizione. La Camera di Commercio sarà il punto ricettore: le imprese e i professionisti (con partita Iva) colpiti dall’emergenza avvenuta due settimane fa potranno compilare una autocertificazione, il “modulo C”, per indicare l’entità del danno che ritengono di aver subito, senza necessità di documentazione da allegare.
Le istanze verranno raccolte, ufficializzate e successivamente consegnate ad un funzionario governativo che potrà in questo modo avere una conoscenza iniziale del danno complessivo dei tre territori. Questo commissario andrà poi a trattare con il Governo per avere il ristoro delle somme previste.

Le procedure prenderanno il via da dopo la sottoscrizione del protocollo fra Comuni, Regione e Camera di Commercio, che dovrebbe avvenire martedì 26 settembre. Questa è quindi anche la data di avvio della presentazione delle istanze. Il modulo da compilare si troverà da lunedì 25 settembre sul sito della Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno, agli sportelli delle associazioni di categoria, allo sportello della Regione Toscana – Genio Civile- e presso i comuni interessati. Il termine per la presentazione delle istanze è il 16 ottobre. Questo per velocizzare l’azione e svolgere il tutto in tempi più ristretti.
Il modulo va obbligatoriamente consegnato in Camera di Commercio in duplice copia. Può essere consegnato a mano o per via telematica, tramite PEC  o con una mail ordinaria ma con firma digitale. Lo sportello, che si trova al secondo piano, sarà aperto da martedì dalle 8.30 alle 13.30 e dalle 15.00 alle 18.00, sia per la presentazione delle istanze cartacee sia per richiedere informazioni. Ci saranno sette persone dedicate a questo ruolo. È possibile anche fissare un appuntamento telefonicamente (i numeri e le altre informazioni saranno presenti sul sito http://www.lg.camcom.gov.it/), la Camera di Commercio si adatterà infatti alle esigenze delle imprese.
Successivamente ci sarà una seconda fase fondamentale che riguarderà la perizia del danno: a questo punto il danno dovrà essere dimostrato con documentazione.
“I dati a disposizione per una stima dei danni momentaneamente sono pochi – spiega Pierluigi Giuntoli, segretario generale CCIAA della Maremma e del Tirreno – ma si prevede che il danno subito sia superiore a quello che si pensava inizialmente in quanto molte piccole e piccolissime imprese sono state colpite. Nel giro di 7-10 giorni, però, ci dovremmo già averne una valutazione complessiva”.

 

 

Riproduzione riservata ©

1 commento

 
  1. # ORA BASTA

    sarebbe bello sapere le aziende che fano domanda di risarcimento, per evitare che qualcuno LUCRI!