Cerca nel quotidiano:


Alla biblioteca Guerrazzi dibattito sull’arte urbana

Nella sala conferenze della biblioteca Guerrazzi il 21 ottobre con inizio alla 10 si terrà un dibattito sull'arte urbana. Molti gli interventi e le testimonianze

Giovedì 20 Ottobre 2016 — 12:03

Mediagallery

Cantiere Arte Urbana ha sede presso la Biblioteca Labronica ed è concepito come un work in progress di LINC Livorno IN Contemporanea dedicato all’approfondimento e dibattito sulla arte urbana, o street art, termine che indica tutte quelle manifestazioni artistiche che si svolgono in luoghi pubblici e che spesso sono realizzate illegalmente allo scopo di comunicare un disagio, una protesta, e allo stesso tempo sancire la libertà d’espressione dell’individuo. Arte urbana è il murales realizzato con la bomboletta spray, il graffito, la poesia di strada, e sempre più spesso oggi questa espressione artistica contemporanea è sostenuta e voluta dalle istituzioni con lo scopo di riqualificare le zone periferiche e degradate delle città.
Ma dove inizia l’azione spontanea dell’artista che riconosce in un particolare luogo e muro il giusto contesto per la propria espressione e dove interviene la proprietà di quel muro e l’impatto con gli abitanti del quartiere? Chi è responsabile del murales una volta terminato? E’ giusto preservarlo e restaurarlo, staccarlo perfino? E’ valido il diritto di autore nel caso di un’opera d’arte illegale?
Questi alcuni dei quesiti che la giornata di studi organizzata da LINC porrà attraverso l’intervento di docenti universitari, esperti del settore e artisti che a partire dall’indagine del contesto artistico nazionale e internazionale intende inaugurare una modalità di progettazione consapevole e condivisa di interventi di arte urbana all’interno della città. A Livorno è in programma un dibattito nella Sala conferenze della Biblioteca F.D.Guerrazzi, il 21 ottobre con inizio alle 10 e prosecuzione il pomeriggio a partire dalle 15.
In particolare la mattina interverrà Luca Ciancabilla, docente di storia delle tecniche artistiche e storia del restauro all’Università di Bologna e Firenze, curatore insieme a Christian Omodeo della mostra Street art. Bansky e Co. L’arte allo stato urbano, che si è tenuta al Palazzo Pepoli, Museo di Storia di Bologna la scorsa primavera ed ha scatenato numerose polemiche sia per la scelta degli artisti, che per le modalità espositive che per le tematiche.
A introdurre la giornata Antonella Gioli docente di museologia e storia delle tecniche artistiche dell’Università di Pisa. A seguire le testimonianze di Alessandra Ioalè, storica dell’arte e curatrice e organizzatrice indipendente di arte contemporanea e Silvana Vassallo, gallerista e interprete di Keith Haring durante la realizzazione del murales Tuttomondo a Pisa nel 1989. Nel pomeriggio saranno approfondite questioni più legate alla città di Livorno, con l’intervento sugli atti vandalici sulle opere pubbliche a cura di Loredana Brancaccio della Soprintendenza di Pisa e di un rappresentante della Questura di Livorno. Prenderanno parte alla giornata anche Sarah Bovani, Federica Falchini, Valentina La Salvia, Daniela Vianelli, Martino Chiti e Nicola Buttari. Apriranno la giornata Francesco Belais, assessore alla cultura di Livorno e Alessandra Potenti, Autorità Portuale di Livorno. Dalle ore 17.00, a conclusione della giornata gli enti e gli operatori culturali saranno chiamati a un confronto sulle potenzialità e possibilità nella città di Livorno per una programmazione consapevole e coerente. Cornice del Cantiere Arte Urbana è la mostra ZEB, CHI SEI? inaugurata sabato 15 ottobre. LINC, Livorno In Contemporanea è un progetto finanziato dalla Regione Toscana nell’ambito del Progetto Toscana in Contemporanea 2016. Promosso e ideato da React, Itinera e Pavillon Social Kunstverein sostenuto dal Comune di Livorno, Autorità Portuale, Sisam, Rotary Club Livorno, ha il patrocinio della Fondazione Livorno, l’adesione della Fondazione Piaggio, la collaborazione con Istituto superiore di studi musicali Pietro Mascagni e Museo di storia naturale del Mediterraneo è in rete con la Fondazione Pistoletto e i Cantieri del Gesto di Virgilio Sieni.

Riproduzione riservata ©