Cerca nel quotidiano:


Donne livornesi raccontano il loro tempo

Un salotto letterario in classe: mercoledì 21 marzo, giovedì 22 e lunedì 26 marzo alla Biblioteca Labronica di Villa Fabbricotti dalle ore 9. Iniziativa promossa da Comune e realizzata da coop. Itinera

Martedì 20 Marzo 2018 — 16:16

Mediagallery

In continuità con la positiva esperienza del progetto LABRO-ONIS realizzato lo scorso anno nell’ambito di scuola città, Itinera ha proseguito il lavoro di approfondimento della conoscenza del patrimonio documentario della Biblioteca Labronica e della storia dell’Accademia da cui è nata. L’Accademia Labronica aveva lo scopo “di promuovere in Patria il gusto e la cultura delle Scienze, delle Lettere e delle Arti”, nelle adunanze dei membri si poteva scrivere “a libera scelta sopra qualsivoglia elemento” senza però entrare nel merito della religione o della politica. L’obiettivo principale era la promozione delle scienze, delle lettere e delle arti. Il tema della conservazione della nostra memoria culturale e della scrittura quest’anno è stato  affrontato attraverso  un viaggio alla scoperta di alcune tra le figure femminili più significative nate a Livorno che si sono distinte nell’ambito letterario e storico raccontando il loro tempo, impegnandosi in ambito politico e civile. Tra queste Angelica Palli nata a Livorno nel 1798 da nobile famiglia di origine greca, appena ventunenne, fu ammessa -unica donna- a far parte della celebre Accademia Labronica. Diverso l’orientamento ma non meno significativo quello di Anna Franchi, nata a Livorno nel 1867, scrittrice e giornalista influenzata dai principi più avanzati del Risorgimento: nella sua intensa attività di scrittrice sostenne apertamente il diritto delle donne alla parità nei confronti degli uomini. Un personaggio singolare, dotato anche di una vis polemica e di un anticonformismo all’epoca abbastanza inconsueto.
I ragazzi durante il percorso hanno approfondito la conoscenza delle due letterate e del loro contributo in ambito culturale; ispirandosi ai  loro scritti hanno organizzato un vero e proprio salotto letterario nel quale i ragazzi potranno confrontarsi come avveniva un tempo su alcune importanti questioni legate al ruolo della donna nella società.

Articolazione del progetto: il progetto si è svolto in 5 incontri di 2 ore per un totale di 10 ore per classe

Destinatari: 6 classi scuole secondarie secondo grado.

classe III N – insegnante Bindi M. Grazia – Scuola Bartolena

classe III I – insegnante Ceccarini Antonella – Scuola Bartolena

classe III L –  insegnante Cravini Claudia – Scuola Pazzini –

classe III N –  insegnante Simonetti Marinella – Scuola Pazzini –

classi III G insegnante Colombo Monica – Scuola Pazzini

classe III I – insegnante Villani Stefania – Scuola Pazzini

GIORNATA FINALE
Abbiamo previsto nell’ambito del progetto una giornata di presentazione finale con la ricreazione di un salotto letterario a cura dei ragazzi. Le 6 classi parteciperanno in tre giornate distinte:

MERCOLEDI’ 21 MARZO ORE 8.30 n. 2 classi

classe III N – insegnante Bindi M. Grazia – Scuola Bartolena – ORE 9.00-10.00

classe III I – insegnante Ceccarini Antonella – Scuola Bartolena – ORE 10.30-1130

GIOVEDI’ 22  MARZO ORE 8.30 n. 2 classi

classe III L –  insegnante Cravini Claudia – Scuola Pazzini – ORE 9.00-10.00

classe III N –  insegnante Simonetti Marinella – Scuola Pazzini – ORE 10.30-1130

LUNEDI’ 26 MARZO ORE 8.30 n. 2 classi

classi III G insegnante Colombo Monica – Scuola Pazzini – ORE 9.00-10.00

classe III I – insegnante Villani Stefania – Scuola Pazzini – ORE 10.30-11.30

Riproduzione riservata ©