Cerca nel quotidiano:


Al Museo di Città la performance Fluxus

Protagonisti Philip Corner, compositore, musicista e pittore che esibirà sabato 3 alle 18 insieme alla moglie Phoebe Neville ballerina e coreografa. Prenotazione obbligatoria anticipata. INFO: 0586/824551

Giovedì 1 Ottobre 2020 — 09:17

Mediagallery

Ultimo appuntamento artistico nell'ambito della mostra Progressiva. Prenotazione obbligatoria anticipata. Numero posti limitati. Inviare una mail [email protected]

Ultimo appuntamento sabato 3 ottobre alle 18, nell’ambito della mostra Progressiva, con la performance di Philip Corner. Compositore, musicista, pittore, performer calligrafo, Corner con i suoi interventi performativi e visivi rappresenta uno dei promotori del movimento artistico Fluxus avanguardia internazionale che si diffonde soprattutto dagli anni ’60. L’artista si esibirà dal vivo alle 18 insieme alla moglie, Phoebe Neville, ballerina e coreografa. L’evento, coordinato dalla cooperativa Itinera e promosso dal Comune di Livorno, è stato elaborato in particolare con la collaborazione del gallerista Gian Marco Casini.

Philip Corner, nato nel 1933 nel Bronx, New York, dal 1992 vive e lavora a Reggio Emilia, compie studi accademici con Henry Cowell alla Columbia University e a Parigi è nella classe di Olivier Messiaen. E’ compositore ed esecutore come pianista, trombonista e voce. Come performer suona anche il corno alpino, oggetti naturali e metalli. E’ esponente storico di Fluxus.  Negli anni ’60 entra nel gruppo di artisti dell’avventura nord-americana attorno a John Cage. Nel 1962 partecipa al primo Festival del movimento a Wiesbaden dove esegue l’azione Piano Activities e nello stesso anno inizia la sua collaborazione con il Judson Dance Theatre a New York contribuendo alla nascita di gruppi e collettivi sperimentali di musica e danza contemporanea. Tra le performance italiane la partecipazione alla Biennale di Venezia ‘ 90, The Fluxus Constellation a Villa Croce. Corner rivela nella sua opera musicale, performativa e di notazione grafica, un’attitudine critica nei confronti della tradizione occidentale e una disposizione al silenzio, alla registrazione ed emissione di una sonorità e una gestualità orientali. Oltre al lavoro di compositore e musicista ha creato numerosi assemblaggi, calligrafie, collage, disegni, dipinti e oggetti in materiali diversi, uno dei quali in mostra.

Per partecipare: obbligatoria la prenotazione anticipata. Numero posti limitati. Inviare una mail [email protected] specificando nome, cognome e numero di partecipanti. Riceverete una mail di conferma della prenotazione. Si prega di presentarsi 10 minuti prima dell’inizio dell’evento.

Per informazioni: segreteria del Museo tel. 0586/824551 dal martedì alla domenica dalle 11 alle 19. Si prevede di redigere una lista d’attesa in modo da contattare le persone interessate a partecipare,  nel caso ci fossero disdette o rinunce.

Riepilogo costi ingresso mostra:

biglietto ingresso intero € 5,00

biglietto ingresso ridotto € 3,00 (per minori di 18 anni e ultra sessantacinquenni)

biglietto cumulativo con il Museo Fattori per chi visita la Mostra Progressiva: intero € 8,00, ridotto € 6,00 (per minori di 18 anni e ultra sessantacinquenni)

Le tariffe di ingresso alla mostra comprendono anche l’ingresso alla Sezione di Arte Contemporanea del Museo della Città (ex Chiesa del Luogo Pio)

Visite guidate:

venerdì – sabato – domenica alle ore 18.30

Durata visita: 50 minuti

Costo 2 euro a persona

PREVENZIONE COVID-19

– Accesso consentito solo, previa misurazione della temperatura, indossando la mascherina e dopo aver utilizzato gel igienizzante;

– all’interno del Museo deve essere sempre mantenuta la distanza interpersonale di 1,80 m;

Per le norme antiCovid all’interno della sezione d’ Arte Contemporanea (ex Chiesa del Luogo Pio) potranno accedere un numero massimo di 30 visitatori in contemporanea, al Museo di Città (Bottini dell’Olio) potranno accedere un numero massimo di 70 visitatori. Sarà cura degli addetti alla sorveglianza far entrare le persone in attesa che saranno anch’esse distanziate di almeno un metro, in modo da non superare il numero consentito.

Riproduzione riservata ©