Cerca nel quotidiano:


A Villa Maria si parla di impresari, teatri e teatranti nella Livorno Medicea

Venerdì 13 luglio ore 18,30 a Villa Maria (via Redi, 22) ospiti Clara Errico e Michele Montanelli con il saggio di recente uscita, dal titolo “Impresari, teatri e teatranti nella Livorno medicea”

mercoledì 11 luglio 2018 17:09

Mediagallery

Terzo appuntamento, venerdì 13 luglio ore 18,30, con la rassegna della Biblioteca Labronica di Villa Maria – Centro di documentazione sulle arti dello spettacolo – dedicata agli incontri con gli autori. Ospiti Clara Errico e Michele Montanelli con il saggio di recente uscita, dal titolo “Impresari, teatri e teatranti nella Livorno medicea”. Basato sulla ricerca nei documenti d’archivio, il volume propone uno spaccato sulla attività teatrale a Livorno nei secoli XVII e XVIII, narrando le vicende di coloro che a vario titolo hanno operato nel settore, spinti dalla passione per le commedie comiche, i drammi e le opere in musica. In particolare, attraverso il ritrovamento degli atti di una controversia risalente alla metà del Seicento fra i proprietari dello Stanzone delle Commedie, la famiglia Bonfigli, e alcuni fornitori e artigiani, gli autori propongono una ricostruzione dell’aspetto interno del teatro, illustrato nel volume a cura di Marco Mancini. La presentazione del volume è a cura di Michele Montanelli attraverso il dialogo con Laura Cini, attrice e regista, in un percorso che racconta le vicende del teatro amatoriale del passato con qualche accenno al presente. La rassegna è a cura di Coop.Itinera e Comune di Livorno.

“Questo saggio, che si fonda essenzialmente sulla ricerca nei documenti d’archivio, propone al lettore uno spaccato sulla attività teatrale a Livorno nei secoli XVII e XVIII, narrando le vicende di coloro che a vario titolo operarono nel settore: da una parte gli impresari e proprietari di teatro più o meno fortunati e competenti, le maestranze e gli artigiani, le compagnie di attori e cantanti di professione e i gruppi amatoriali, e dall’altra il pubblico pagante e non, sia che fosse la ricca borghesia commerciale e la nomenclatura dei funzionari governativi, o il popolino chiassoso e irriverente. Tutti accomunati dalla passione per questa forma di spettacolo fatto di commedie comiche, drammi e opere in musica, e che a dispetto delle disposizioni limitanti e dei risicati calendari piegati a regole bigotte dettate dalla liturgia della chiesa, spesso riempirono le sale ed i palchetti del pubblico teatro e degli altri luoghi deputati, anche se provvisoriamente, allo spettacolo teatrale”.

Clara Errico – Michele Montanelli – Insieme nella vita e nel lavoro da oltre quarant’anni, si occupano di diffondere la storia del territorio e della città di Livorno, attraverso ricerche documentarie e archivistiche. Hanno all’attivo oltre trenta monografie e decine di saggi e articoli su riviste del settore. Da alcuni anni portano avanti la didattica sulla storia di Livorno e sulla ricerca d’archivio per l’Università della Terza Età sezione di Livorno, concretizzando i risultati in monografie tematiche inerenti all’abbigliamento, alla medicina e farmacopea, all’arredo delle case, al commercio e all’artigianato nella Livorno dei secoli XVI-XVII e XVIII (www.livornonellastoria.com)

Info:
Biblioteca di Villa Maria Centro di documentazione sulle arti dello spettacolo
lunedì/venerdì 8.30/13.30 – 14.30/19.30 sabato 8.30/13.30
Via F.Redi, 22 – tel. 0586219265
email: [email protected]

 

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.

Passa alla versione desktop Torna alla versione responsive