Cerca nel quotidiano:


A Villa Maria “Modì gli anni di Parigi tra Anna e Beatrice”

Venerdì 13, alle 18, alla Biblioteca Labronica di Villa Maria in via Redi 22, un percorso letterario di e con Laura Cini a cura di associazione Cambiamenti e Blow up artisti associati

Mercoledì 11 Dicembre 2019 — 15:50

Mediagallery

“Modì gli anni di Parigi tra Anna e Beatrice, la vita di Modigliani attraverso gli scritti di Anna Achmatova e Beatrice Hastings”. E’ questa l’iniziativa, ideata e interpretata da Laura Cini, attrice e regista, in programma venerdì 13 dicembre alle 18 alla Biblioteca Labronica-centro di documentazione sulle arti dello spettacolo di Villa Maria in via Redi 22 e realizzata nell’ambito degli eventi collaterali alla mostra di Modigliani “Bentornato Dedo”. «Anna aveva subito notato quell’uomo dal foulard rosso. Mezzo secolo dopo scriverà: “Amedeo non somigliava a nessun altro al mondo, tutto quanto era divino in lui”»; «Beatrice aveva giudicato Amedeo “brutto, feroce  e ingordo”, ma nel giro di poche ore era scoccato il colpo di fulmine…». L’associazione Cambiamenti in collaborazione con Blow up artisti associati propone un percorso letterario attraverso le voci in prosa e poesia delle due scrittrici che hanno amato Amedeo Modigliani: Anna Achmatova e Beatrice Hastings.

Anna, è sposata con Nikolaj Gumilëv, quando arriva a Parigi e conosce Amedeo Modigliani. Fa parte della Corporazione dei poeti, il gruppo acmeista fondato e guidato dal marito. Espulsa dall’Unione degli Scrittori Sovietici nel 1946 con l’accusa di estetismo e di disimpegno politico, riuscirà tuttavia ad essere riabilitata nel 1955. Beatrice, più grande di Amedeo, è nata a Londra e cresciuta in Sudafrica; si trasferisce a Parigi poco prima dello scoppio della Prima guerra mondiale, dove comincia la propria attività letteraria come corrispondente del quotidiano britannico The New Age, per il quale scrive critiche artistiche con vari pseudonimi. Ben presto diviene una figura di primo piano nei circoli bohèmien della capitale francese, grazie soprattutto all’amicizia con Max Jacob. Nel 1914 conosce Amedeo Modigliani, col quale inizia una controversa relazione destinata a durare due anni. Dopo la guerra Beatrice torna in Inghilterra, dove continua la sua attività giornalistica.

Riproduzione riservata ©