Cerca nel quotidiano:


Villa Maria, il montaggio cinematografico con Federico Conforti

L'evento, che coincide anche con il secondo compleanno del centro di documentazione sulle arti dello spettacolo, è in programma venerdì 20 alle 18,30 e vede ospite Federico Conforti per una edizione natalizia de “I mestieri del cinema”

Lunedì 16 Dicembre 2019 — 17:43

Mediagallery

Venerdì 20 dicembre alle 18.30 si terrà l’ultimo incontro dell’anno alla Biblioteca Labronica di Villa Maria in via Redi 22. L’evento, che coincide anche con il secondo compleanno del centro di documentazione sulle arti dello spettacolo, vede ospite Federico Conforti, per una edizione natalizia de “I mestieri del cinema”. Nel 2016 Conforti ha vinto il David di Donatello per il miglior montaggio in coppia con Andrea Maguolo per il film “Lo chiamavano Jeeg Robot” di Gabriele Mainetti.   Laureatosi al CMT a Pisa ha frequentato un corso a Roma alla New York Film Academy e dopo  alcuni anni di lavoro a Roma, si è trasferito a Los Angeles dove si occupa di montaggio di film e documentari. Ha collaborato con Claudio Noce, Marco Missano e Donatello della Pepa. La sua filmografia comprende  “The Oath”  di Joe Halpin (2018); “Dimension 404” serie TV (2017),  “Lo chiamavano Jeeg Robot” di Gabriele Mainetti (2015), “Nè Giulietta né Romeo” di Veronica Pivetti (2015); “La foresta di ghiaccio” di Claudio Noce (2014); “P.O.E. Poetry of Eerie di Domiziano Cristopharo, Giovanni Pianigiani, Bruno di Marcello, Paolo Gaudio, Alessandro Giordani, Paolo Fazzini, Angelo Capasso, Giuseppe Capasso, Edo Tagliavini, Yumiko Sakura Itou (2013); “I casi della vita” di Corso Salani (2010). In questo incontro, che vedrà spiegato il mestiere del montatore cinematografico e il funzionamento odierno dell’industria del cinema Usa, Conforti sarà intervistato da Alessio Porquier, direttore artistico del FIPILI Horror Festival.

Gli incontri sui mestieri del cinema, che hanno avuto luogo durante l’estate da giugno a settembre, hanno visto la partecipazione di numerosi professionisti originari di Livorno o livornesi di adozione: l’attore Guglielmo Favilla, l’attore e regista Emanuele Barresi, lo sceneggiatore e regista Francesco Bruni, lo scrittore e musicista Simone Lenzi – assessore alla Cultura del Comune di Livorno – il parrucchiere Massimo Gattabrusi, i tecnici video e audio Michele Lezza, Alberto Battocchi, Giulio Capanna, le make-up artist Paola Gattabrusi e Dalia Colli, la costumista Adelia Apostolico, il produttore Jacopo Capanna, la Art Director Gigia Pellegrini e la danzatrice e coreografa Sara Sguotti. Entusiastica e ricettiva la risposta da parte del pubblico che complessivamente è stata di più di un migliaio di persone. L’incontro con Federico Conforti conclude idealmente questo excursus sui mestieri del cinema.
Il 7 gennaio gennaio riprenderanno le proiezioni collettive del martedì pomeriggio alle 17 dedicate ai film su Parigi e i suoi artisti, in concomitanza con la mostra “Amedeo Modigliani e l’avventura di Montparnasse”.

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.