Cerca nel quotidiano:


La Venezia? Sempre più una tela a cielo aperto

Martedì 29 Novembre 2016 — 12:01

Mediagallery

Il quartiere de “La Venezia” è senza ombra di dubbio fonte di ispirazione perpetua. Sempre più artisti di strada, fotografi, writers e pittori scelgono infatti l’angolo della vecchia Livorno per un ricordo d’arte. Stavolta il “blitz artistico” è a cura di una fotografa, Paola Favoino, che firma così le sue nuove opere in bianco e nero attaccate sui muri del quartiere tra Scali del Refugio e via Santa Caterina come nelle foto (visibili e consultabili sotto a quella principale con un smeplice clic) scattate da noi per le vie del quartiere da Paolo Mura e Simone Lanari. 

Riproduzione riservata ©

15 commenti

 
  1. # franco

    è autorizzata ad appendere foto su facciate dei palazzi? No? Allora multa severa e spese a suo carico per rimozione e rifacimento intonaci danneggiati.
    Ora ci vado pure io a mettere le mie foto artistiche… Ma stiamo scherzando?!!!

    1. # CERVELLO

      Hai ragione, son meglio i muri gialli perfetti come a Barberino o quelli scritti dai bimbetti come i bagni delle scuole. Ti farei vive nel silos del grano. Quello è bello in tinta unita, uno spettacolo per gli occhi.

  2. # giuseppe billi

    Rimane il problema che ognuno fa quello che gli pare, e appende quello che vuole. Pure con la firma…

  3. # salvatore favati

    Di fatto in questa città ognuno ha fatto sempre il comodo proprio, a spese degli altri, punto e basta.

    Nel merito delle esposizioni d’opere d’artisti, però, preferisco vedere suggerimenti almeno stimolanti, come quelli della fotografa citata in questo articolo, che inducono a un momento di riflessione diversa dallo spippolare su feisbuuuuk o su tuitter ( pronunce esatte, mi pare? ) che è il genere di attività intellettuale alla quale si dedicano adolescenti ( e non ) in continuazione.

    Trovo che osservarle, affisse sul muro lecitamente o no, sia più interessante che perdere tempo e guastarsi il fegato rimirando opere ”regolari” affisse ”regolarmente” con il solo risultato di stimolare il vomito, come quelle che vengono presentate da anni alla rotonda d’ardenza.

    Laggiù ormai, fatte salve poche opere di artisti, si è presa l’abitudine di far quel che fanno gli espositori dei mercatini estivi in Venezia : si rovescia sul pubblico tutta la rumenta buona a impressionare gli addetti dell’AAMPS, che si preoccupino di dover raccogliere robaccia simile, e la si propina come frutto dell’animo d’artista…ma l’arte era un’altra cosa a Livorno!

  4. # alberto

    ora tutti fotografi ,anzi PHOTOGRAPHER , questa non sapeva cosa trovare per farsi publicita e ecco la trovata ,, puo’ piacere oppure no, ma se non ha il permesso gli attaccasse a casa sua la PHOTOGRAPHER

  5. # Peterpan

    Mammamia quanti critici d’arte ! I vandali e i briai vi vanno bene?

    1. # Franco

      Chi imbratta i muri delle facciate è un vandalo.
      A casa mia mio nonno era pittore, dipingeva in cantina e poi vendeva esponendo le sue opere nei mercati, pagando il suolo pubblico.
      Domani vengo a casa tua e appiccico sul tuo muro un bel manifesto fatto da me poi si vede se rimani su questa linea…

      1. # salvatore favati

        se sarà bello ti ringrazierò, se sarà brutto farò quel che faccio sempre, lo strapperò…comunque spero che tu uso bene il tuo tempo !

        1. # Franco

          Io in casa mia ci attacco cosa mi pare e guai a chi mi fa un regalo tanto sgradito!!!
          Non si permetta mai nessuno di appiccicare qualcosa sul muro di casa mia perché se lo becco gliela do io l’opera d’arte…
          Io il mio tempo lo spendo a non rompere le scatole e gradirei che lo facessero anche gli altri, almeno nel perimetro di casa mia. Chiedo troppo?

  6. # Marenostro

    Opere d’arte! !??
    Ma mi faccia il piacere…

    1. # salvatore favati

      Grazie chiunque tu sia Jaqueline Farda, i servizi che hai allegato sono belli!

  7. # Giorgia

    Non tutte le immagini sono dell’artista citata….

    1. # Jacqueline Farda

      tra l’altro, ma questa è colpa dei giornalisti improvvisati, che manco sanno leggere,
      e figurati se s’informano sulla cornice in cui le foto sono state attaccate..

  8. # Giorgia

    Non tutte le opere sono dell’artista citata.