Cerca nel quotidiano:


Lotta alle zanzare: i comportamenti da tenere

Quest’anno è stato attivato in collaboraione con il Museo di Storia Naturale di Livorno un censimento delle aree più infestate e per il riconoscimento delle varie tipologie di zanzare

Lunedì 7 Maggio 2018 — 12:20

Mediagallery

Come ogni anno, nell’imminenza della stagione calda, il Comune, insieme alla USL Toscana Nord Ovest di Livorno mette a punto una serie di misure per contrastare la proliferazione delle zanzare e in particolare della zanzara tigre (Aedes Albopictus). A questo proposito è stata emanata come ogni anno l’ordinanza nella quale si indicano i comportamenti che i cittadini devono tenere nelle loro case e giardini per prevenire ed evitare le infestazioni, a partire dalla necessità di non lasciare ristagni d’acqua su terrazzi e giardini e di usare prodotti larvicidi in tombini e caditoie. L’ordinanza sarà in vigore fino al 15 novembre 2018. Queste in dettaglio le prescrizioni dell’ordinanza:

1. evitare l’abbandono definitivo o temporaneo negli spazi aperti pubblici e privati, compresi terrazzi, balconi e lastrici solari, di contenitori di qualsiasi natura e dimensione nei quali possa raccogliersi acqua piovana ed evitare qualsiasi raccolta d’acqua stagnante anche temporanea;

2. procedere, ove si tratti di contenitori non abbandonati bensì sotto il controllo di chi ne ha la proprietà o l’uso effettivo, allo svuotamento dell’eventuale acqua in essi contenuta e alla loro sistemazione in modo da evitare accumuli idrici a seguito di pioggia;

3. svuotare le fontane e le piscine non in esercizio o eseguire adeguati trattamenti larvicidi delle stesse. E’ auspicabile l’inserimento nelle piccole fontane ornamentali di giardino di pesci larvivori (come ad esempio i pesci rossi, gambusia, ecc);

4. coprire eventuali contenitori di acqua inamovibili, quali ad esempio vasche di cemento, bidoni e fusti per l’irrigazione degli orti, con strutture rigide (reti di plastica o reti zanzariere);

5. trattare l’acqua presente in tombini, griglie di scarico, pozzetti di raccolta delle acque meteoriche, presenti negli spazi di proprietà privata, ricorrendo a prodotti di sicura efficacia larvicida (bacillus thuringiensis e inibitori della crescita a lento rilascio), acquistabili presso farmacie, ferramenta, rivendite di fitosanitari e supermercati. La periodicità dei trattamenti deve essere congruente alla tipologia del prodotto usato, secondo le indicazioni riportate in etichetta; indipendentemente dalla periodicità, il trattamento è praticato dopo ogni pioggia;

6. provvedere a ispezionare, pulire e trattare periodicamente le caditoie interne ai tombini per la raccolta dell’acqua piovana, presenti in giardini e cortili;

7. tenere sgombri i cortili e le aree aperte da erbacce da sterpi e rifiuti di ogni genere e sistemarli in modo da evitare il ristagno delle acque meteoriche o di qualsiasi altra provenienza;

8. eseguire accurate pulizie di tutti i contenitori e/o recipienti esterni di qualsiasi uso e dimensione allo scopo di eliminare le eventuali uova svernanti dell’insetto.

La responsabilità per eventuali inadempienze, che saranno sanzionate secondo la vigente normativa in materia, verranno fatte ricadere sui soggetti che risulteranno aver titolo per disporre legittimamente del sito o dei siti dove tali inadempienze hanno avuto luogo. I trasgressori sono passibili della sanzione amministrativa pecuniaria prevista dall’art. 7 bis del Decreto Legislativo n. 267/2000 (da 25 a 500 euro) da pagarsi entro sessanta giorni.

Riproduzione riservata ©

16 commenti

 
  1. # gabri

    la disinfestazione la deve fare il comune a cura dell aamps.una volta al mese deve avvisare la cittadinanza di chiudere le finestre e di notte si passa con del materiale che sembra una schiuma bianca e si da. e’ cosi’che fanno i privati…ora se fa male come dicono in conmune io controbatto che fa male ai cittadini solo al portafoglio. imparate a vivere. e’ sempre una questioni di soldi.siate magari sinceri.io personalmente tutto quello che spendo tra presine, vaschette e pomate lo verserei volentieri x fare una cosa collettiva

  2. # ross

    La diffusione di sostanze chimiche di sintesi (anche se ci vengono descritte come naturali perché,come il piretro, viene estratto da una varietà di crisantemo)ha ridotto drasticamente le popolazioni dei predatori delle zanzare stesse (pipistrelli, rondoni,rondini,rane, libellule, gechi,lucciole,che mangiano, ciascuno ,una media di 2000 insetti a notte) col paradossale risultato di una sempre maggiore presenza di zanzare e altri fastidiosi parassiti .Dobbiamo quindi fare molta attenzione sull’uso di questi metodi chimici perché,facendo un rapporto sulla quantità di insetticidi prodotta (quindi venduta ed usata)e la popolazione Italiana otteniamo il risultato di 3,5 Kg di insetticida a testa ogni anno.Mi permetto di consigliare,oltre ad un uso molto attento di prodotti anti-larva,(i soli che possono risolvere il problema perché uccidere le zanzare adulte eliminiamo solo il cibo per i loro predatori naturali e con la schiusa delle nuove larve il problema si ripresenta tale e quale),di usare altre sostanze repellenti,come l’allicina,che si forma nell’aglio quando viene schiacciato.Quindi (chi vuol provare)conviene masticare l’aglio,meglio se crudo.Da ragazzo ,in campagna,mangiando l’aglio,si dormiva d’estate con la finestra aperta.Capisco che può passare per una bufala,o far sorridere,con l’alito dal sapor d’aglio non è piacevole,ma tanto è.Si può usare ,in alternativa,un repellente a base di succo d’aglio,messo in commercio negli Stati Uniti (Mosquito Barrier) e ora anche in Italia col nome Z-stop.Questo rimedio di repulsione alle zanzare deriva da un’osservazione che molti di noi hanno fatto,le zanzare hanno un odorato stereoscopico, e quindi riconoscono la direzione da cui proviene una sostanza odorosa,le zanzare possono raggiungere il nostro corpo nella più completa oscurità perché percepiscono l’anidride carbonica che noi emettiamo respirando,inoltre sono attirate da varie sostanze che noi emettiamo,come l’acetone,l’acido lattico e gli acidi grassi,quindi emettendo una sostanza come l’allicina dell’aglio annulliamo il richiamo alle zanzare.Per l’acqua stagnante sotto i vasi o piccoli contenitori basta sbucciare un metro di filo elettrico e mettere il rame arrotolato nel sottovaso.

    1. # Raid

      Con l’aglio al massimo tieni lontani i vampiri e riguardo al filo di rame sai quanto tempo ci vuole affinché si generi il cosiddetto “verderame” (ammesso che il filo rimanga sempre coperto dall’acqua)? Se tutti utilizzassimo l’antilarvale biologico come usa l’aamps non si farebbe prima???

      1. # liana

        la gente che fa discorsi come ross” ho la sensazione che vuole solo stupire per l’intelligenza.in effetti mi sono notevolmente rotta le scatole a fare la lotta con le zanzare e a vedere i mie nipotini pieni di punture arrossate e noiose.Sono insopportabili e invivibili…quindi lotta estrema alle zanzare.

        1. # ross

          “liana”non c’entra niente l’intelligenza,da ragazzo,molti anni fa(70)mia nonna,in questa stagione metteva in una pentola l’acqua e diversi spicchi di aglio,lasciava al macero e il giorno dopo pestava gli picchi,riempivamo la macchinetta del “Frit”e ce lo spruzzavamo sulle gambe e braccia,sul viso strusciavo uno uno spicchio tagliato di aglio e si andava nei campi.Non pretendo che sia un consiglio da accettare.Se ,come dice,le dispiace vedere i suoi nipotini pieni di zanzare,un consiglio mi sento di darle:nei repellenti in commercio ,i principi attivi sono sintetizzati in laboratorio,il Deet e l’Icariding,legge molto bene le indicazioni,sono tossici se assorbiti dalla pelle non adatti a bambini sotto i 12 anni,comunque verificare che il Deet non sia superiore al 10%,chieda a persona informata.Può usare anche prodotti a base naturale,olii di citrodol o citrosella,che possono essere usati anche sui bambini,ma la loro azione non dura più di 1/2 ora.La saluto cordialmente

  3. # Tibe

    Boia le multe anche per le zanzare?
    Mah!! Questi sono sono fissati con le multe per tutto.
    Da ora in poi uomini e donne mutande amaranto come il colore dellle tende dei negozi o multa!!

  4. # Andrea

    E’ un minuto che ho smesso di pagarle….come l’80% della gente, specialmente gli extracomunitari. Devo esse scemo solo io ? fatemi ‘api’

  5. # La corrida

    Quindi vediamo…., per controllare i sottovasi in terrazza o giardino devono violare il domicilio cosa che si può fare solo con mandato del giudice… insomma… ordinanza molto applicabile….

  6. # Morchia

    Le ordinanze costano meno di una disinfestazione fatta bene. Ricordo i problemi di Roma lo scorso anno, stesso colore della Giunta, stesse farneticazioni su inquinamento dovuto alla disinfestazione. Che poi a Roma hanno comunque dovuto fare visti i gravi problemi sanitari sorti, ma in ritardo e quindi con efficacia ridotta e gente in ospedale. Non imparare nemmeno dai propri errori è veramente grave

  7. # Claudio Federico GZESYS

    Ragazzi le zanzare sono un problema di pubblica sicurezza, facilmente possono condizionare la guida e rendere complicato lavorare a chi è pinzato 3 o 6 volte sula stessa mano / bisogna anche pensare quindi a soluzioni di contenimento come le lampade nei parchi, ci vai il pomeriggio e la sera non puoi camminare per i pinzi sulle gambe… E non sono pericolose con i fili passati bene

  8. # Ig

    Ho un giardino, l’altro anno ho affittato un camion per raccogliere e smaltire gi sfalci, ma all’AAMPS alle isole ecologiche avevano i cassoni pieni.
    Morale ho potuto scaricare un solo carico, solo perché con la forza mi sono rifiutato di riportarlo a casa.
    Se brucio gli sfalci rischio la multa.
    Se non poto rischio la multa.
    Me la devo mangiare l’erba?
    Mi verrebbe di metter su un allevamento di zanzare.
    5 stelle dovevate rivoltare tutto come un calzino…invece siete inutili.

  9. # Zizzi 1955

    D’accordo sulle più elementari norme da attuare singolarmente per limitare il fiorire di queste bestiacce malefiche che per lo meno per quanto mi riguarda non mi consentono di godere appieno del pur piccolo giardino di casa mia. Se la amministrazione provvedesse (come veniva fatto ormai tanti anni fa) a fare una opera di preventivo intervento disinfestante a livello cittadino non sarebbe male, ma a quanto pare per sindaco e giunta è molto più importante investire per organizzare manifestazioni come il cacciucco pride o le cene in bianco alla terrazza.

  10. # Salvo

    Nei cortili alla Guglia via Bruno ci sono rifiuti che di riempiono d’acqua e erbacce intorno ma la multa a Casalp che non provvede ne allo sgombero ne alla pulizia chi la fa?

  11. # Anna Vacchio

    Si potrebbero posizionare in città delle colonnine opportunamente studiate per attirare le zanzare che poi verrebbero fulminate da una scarica elettrica simile a quella delle racchette. Non credo che costerebbe poi molto e sarebbe completamente ecologica.

  12. # cinzia

    ma perche’, fare la multa alle zanzare no???

  13. # Marcello

    Vuoi fare un grande “CHIACCHIERONE”…??…Tienilo nella IGNORANZA più assoluta e dalle tanta FEDE in qualcosa….Poi così lo PUOI gestire come vuoi….!!!!