Cerca nel quotidiano:


Per Mazzinghi è “Ancora ieri” a Castiglioncello

Mercoledì 13 Luglio 2016 — 12:43

Mediagallery

Domenica 17 luglio, alle ore 18.30, nell’ambito del “Premio Nazionale Castiglioncello”, nella Pineta Marradi, si svolgerà la presentazione del libro di Sandra Mazzinghi “Ancora ieri” (MDS Editore). L’autrice sarà intervistata dalla scrittrice e giornalista Laura Rossiello. Evento a cura di Calibiza Arte Nuova.

Il romanzo, frutto di una minuziosa ricerca storica, è il racconto a tre voci con cui Sandra Mazzinghi ha ricostruito le esistenze di due donne e di un uomo i cui destini s’incrociano in maniera tragica. Sì, perché la storia, pur non rinunciando alle esigenze della narrazione, racconta fatti realmente accaduti nella Livorno assediata dagli austriaci. Partendo da uno squallido omicidio della nonna -accaduto nel maggio del 1982 per mano della vicina di casa- l’autrice segue a ritroso la storia familiare fra fonti storiche e racconti tramandati da generazioni per scoprire che, 112 anni prima, anche la sua arcavola era stata assassinata da una donna.

Sandra Mazzinghi spiega che ha voluto riportare in vita le sue antenate perché è decisamente convinta che “le radici siano determinanti per volare, e che sia l’immortalità a renderci vivi.” Ed aggiunge “Ho usato documenti storici, dopo anni di ricerche d’archivio, ma spesso, mi rendevo conto, era il cuore che parlava, era questo desiderio fortissimo di far rivivere le donne della mia famiglia.”

Sandra Mazzinghi è nata e vive a Livorno, lavora nell’ambito della comunicazione. Studi umanistici e giornalista è un’appassionata lettrice di biografie. Dopo l’esordio con “L’orizzonte rubato” ha partecipato al romanzo collettivo “Lavoricidi italiani” (Miraggi Edizioni) e al romanzo “Il senso delle nuvole”. Molti suoi racconti sono stati premiati a concorsi letterari e sono stati pubblicati in varie antologie. Come giornalista, scrittrice o attrice (fa parte della compagnia teatrale Effetto Collaterale) Sandra Mazzinghi parte da sempre da un intento: quello di raccontare.

Riproduzione riservata ©

1 commento

 
  1. # Ossimoro

    e cosa se no.