Cerca nel quotidiano:

Condividi:

“Meno sfratti e 60 alloggi entro l’anno”

Venerdì 23 Settembre 2016 — 08:04

Emergenza abitativa, Nogarin incontra il prefetto dopo la protesta dei sindacati con tende e materassi in piazza del Municipio: "Meno sfratti per morosità incolpevole da qui a fine anno"

A seguito la protesta dei sindacati con tende e materassi in piazza del Municipio, Nogarin ha incontrato il 22 settembre il prefetto. Lo stesso sindaco ha fatto il punto di quanto emerso nel faccia a faccia con un post sulla propria pagina Fb. “L’incontro avuto con il Prefetto, Anna Maria Manzone, segna un punto di svolta sia nei rapporti inter istituzionali che nelle politiche abitative a Livorno. Con la Prefettura abbiamo deciso di aprire un tavolo allo scopo di ridurre il numero degli sfratti per morosità incolpevole da qui a fine anno, cercando di mediare tra i bisogni degli inquilini e quelli dei proprietari. Tutto, ovviamente nel rispetto della legge. Ma con un obiettivo: dare respiro ai nostri concittadini. Nel frattempo l’amministrazione metterà in campo alcune misure dall’efficacia immediata, in modo da assegnare circa 60 alloggi entro fine anno. Verranno subito investiti 205mila euro per ristrutturare una serie di appartamenti di cui Casalp è rientrata in possesso tra 1 agosto e oggi: 100mila euro verranno presi dal fondo inizialmente destinato al ripristino temporaneo della Chiccaia, altri 105mila euro verranno scontati dal canone concessorio che Casalp paga ogni anno al Comune. Grazie a queste risorse saremo in grado di trasferire entro due mesi gli assegnatari che attualmente occupano la Chiccaia in nuovi alloggi e potremo destinare gli altri appartamenti in parte allo scorrimento delle graduatorie, in parte all’emergenza abitativa. Nel frattempo con Casalp proseguiremo nel lavoro di individuazione dei furbetti che beneficiano dell’alloggio popolare ma non pagano il canone. Una misura di giustizia sociale e di contrasto all’illegalità. Non solo. Abbiamo deciso di destinare temporaneamente due strutture, un immobile di proprietà di Casalp e uno di proprietà comunale, interamente all’emergenza abitativa. In questo modo saremo in grado di dare una prima risposta concreta alle centinaia di livornesi che non hanno un tetto sopra la testa. E nelle prossime settimane porremo le basi per un piano casa organico di lungo periodo”.

Condividi:

Riproduzione riservata ©