Cerca nel quotidiano:


Moby, le cerimonie e lo spettacolo all’Enriques

Alle 16 all'Enriques performance teatrale dal titolo “Noi abbiamo visto”. Martedì 10 aprile si sono svolte le cerimonie per ricordare la tragedia. Le FOTO

Martedì 10 Aprile 2018 — 20:05

Mediagallery

Martedì 10 aprile si sono svolte le cerimonie commemorative per ricordare la tragedia del traghetto Moby Prince in cui 27 anni fa, al largo di Livorno, morirono per un incendio 140 persone (clicca sul link in fondo all’articolo per consultare la fotogallery a cura di Simone Lanari).
Come di consuetudine, nell’arco della giornata, si sono svolte una serie di appuntamenti promossi dalla Regione Toscana, dal Comune di Livorno, dalla Provincia di Livorno e dall’Associazione familiari delle vittime del Moby Prince. “Un anniversario, quello di quest’anno – afferma il sindaco Filippo Nogarin – in cui la verità è più vicina: la Commissione d’inchiesta del Senato infatti con una relazione di 492 pagine approvata nel dicembre scorso, ha esaminato la strage mettendo in luce nuove realtà”.

Liceo Enriques – Il Liceo Enriques presenta una breve performance teatrale dal titolo “Noi abbiamo visto”, curata dai docenti Lamberto Giannini e Patrizia Nesti. Nel pomeriggio di mercoledì 11 aprile, alle 16 nell’Aula Magna dell’Istituto, saranno di scena gli studenti della 5F che, al termine di un percorso triennale sulla vicenda, daranno vita ad una drammatizzazione tratta da un testo poetico che la stessa classe ha elaborato l’anno scorso, aggiudicandosi tra l’altro il premio speciale, al concorso di Poesia “G. Bolognesi”, edizione 2017. Particolarmente significativa sarà la presenza di Loris Rispoli, in rappresentanza della “Associazione 140”, che interverrà rievocando la vicenda, il dolore privato e collettivo, i tanti nodi irrisolti e le recenti risultanze della commissione parlamentare d’inchiesta. Si tratta di un’iniziativa fortemente voluta dal Liceo Enriques. Gli studenti di oggi all’epoca dei fatti non erano ancora nati, i loro genitori erano bambini o poco più. Ma tutti coloro che possono farlo, affermano i docenti organizzatori, devono promuovere la memoria, coltivare la coscienza e la consapevolezza. La scuola ha anche questo dovere. L’iniziativa è aperta alla cittadinanza ed introdurrà i lavori la Dirigente Scolastica Manuela Mariani.

Riproduzione riservata ©

1 commento

 
  1. # Biagio

    Speriamo di essere in tanti. La Memoria dovuta alle vittime innocenti.