Cerca nel quotidiano:


Modellini costruiti dai detenuti in mostra per Pediatria

Dal 20 al 22 dicembre si aprirà l'esposizione intitolata "Remi e vele per Livorno" all'interno della sala Simonini sugli Scali Finnocchietti

Sabato 15 Dicembre 2018 — 10:27

Mediagallery

Potersi sentire parte della città, seppur reclusi, e creare qualcosa a vantaggio della comunità, è stato lo spirito che ha mosso i detenuti del carcere Le Sughere di Livorno a promuovere la mostra “Remi e vele per Livorno” in programma per le giornate del 20, 21 e 22 dicembre nella sala Simonini (orario 10-12 e 16-19) sugli Scali Finocchietti nel quartiere della Venezia. In esposizione una vasta produzione di piccoli velieri, imbarcazioni di ogni tipo, ed in particolare modellini che riproducono fedelmente i gozzi del Palio Marinaro usciti dalle mani dei detenuti dell’Alta Sicurezza che frequentano il laboratorio di hobbistica del carcere.
“E’ un’iniziativa fortemente voluta dai detenuti – racconta Giovanni De Peppo, garante dei detenuti – vogliono fare qualcosa per Livorno, per sentirsi parte della città. I modellini sono un omaggio alla vocazione marina della città ed il ricavato delle vendite sarà devoluto al reparto di Pediatria dell’ospedale”. E’ stato fondamentale l’ausilio del Comitato Palio Marinaro che ha fornito gli schemi per la costruzione con il sostegno delle sezioni nautiche.

“Fino a pochi anni fa lavori di questo tipo venivano fatti dentro la cella – spiega Marco Garghella, comandante di polizia penitenziaria – da pochi anni si sono costruite della sale hobby nelle quali i detenuti possono compiere questo tipo di lavori. Sono quindi usciti dalle loro celle e riuniti in uno spazio comune per realizzare questi manufatti”.

A presentare l’iniziativa c’erano anche i Libecciati, animatori clown di corsia del reparto di pediatria che dal 2004 si impegnano ogni sabato a strappare un sorriso ai pazienti, ed il gruppo Navimodellistico livornese, che rende i disegni dei gozzi (forniti dal Comitato Palio Marinaro) più fruibili e di più semplice lettura per i detenuti, sostengono l’iniziativa.

Riproduzione riservata ©