Cerca nel quotidiano:


Modì e Caproni a Strasburgo…ma senza il Comune

Mercoledì 12 Ottobre 2016 — 08:02

Mediagallery

Il 19 novembre a Strasburgo l’Istituto Italiano di Cultura organizza una giornata sui lavori del regista Luca Dal Canto, ma soprattutto su Livorno, Giorgio Caproni e Amedeo Modigliani. Livorno e i progetti di Luca Dal Canto, prodotti da Bredenkeik, sbarcano a Strasburgo in quella che, probabilmente, sarà l’ultima tappa di 3 lavori (due cortometraggi e una mostra fotografica) che in 4 anni hanno girato tutta l’Italia e mezza Europa, ottenendo 76 selezioni ufficiali in Festival internazionali e oltre 20 premi.

Quando- Il 19 novembre, infatti, nella città francese alle ore 18 verrà inaugurata la mostra fotografica “I luoghi di Modigliani tra Livorno e Parigi” e saranno proiettati i film brevi “Il cappotto di lana” (prod. Bredenkeik, Vertigo e Toscana Film Commission) e “Due giorni d’estate” (prod. Bredenkeik e Vertigo), entrambi in lingua originale sottotitolati in francese. Promotore dell’evento, organizzato dall’ambasciatore Guido Bellatti Ceccoli e da Dario Rossi, sarà l’Istituto Italiano di Cultura di Strasburgo in collaborazione con il celeberrimo Cinéma Odyssée, che ospiterà per due settimane la mostra e proietterà nella storica Grande Salle i cortometraggi di Luca Dal Canto. Alla serata parteciperanno, oltre al regista livornese, anche Raffaello Barbieri (direttore dell’Istituto Italiano di Cultura) e Faruk Gunaltay (direttore dell’Odyssée).

Livorno a Strasburgo- I progetti realizzati da Luca Dal Canto sono lavori interamente ispirati a Livorno; un vero e proprio omaggio alla città labronica alla quale verrà ampiamente dato spazio durante l’inaugurazione della mostra e la presentazione del libro-catalogo edito da Erasmo, e il dibattito successivo alla visione dei film.

Protagonisti assoluti saranno Giorgio Caproni e Amedeo Modigliani, due dei più grandi artisti del Novecento. La poesia “Ultima preghiera” è infatti fonte di ispirazione per il cortometraggio “Il cappotto di lana”, mentre la figura di Dedo è il punto focale de “I luoghi di Modigliani tra Livorno a Parigi” e di “Due giorni d’estate”, film già presentato fuori concorso al 67° Festival di Cannes.

Unica nota dolente, ci spiace constatarlo – spiegano gli organizzatori – è la totale assenza del Comune di Livorno. Nonostante infatti che la protagonista assoluta dell’evento sia la città toscana e che “Il cappotto di lana” e “I luoghi di Modigliani” furono realizzati rispettivamente nel 2012 e nel 2014 con una piccola simbolica compartecipazione della allora amministrazione comunale, ampiamente ripagata con i molti successi dei due progetti, Palazzo Comunale non ha mai risposto ai nostri tentativi di richiesta di aiutarci con quelle piccole spese che non saranno coperte dagli organizzatori o da Bredenkeik (che ricordiamo è una piccola associazione senza scopo di lucro), o di coinvolgerlo comunque in qualche modo all’interno dell’importante appuntamento francese, anche come semplice presenza istituzionale”.
“Abbiamo più volte chiesto un appuntamento per illustrare il tutto – spiegano chi ha realizzato tutto-  senza neanche ricevere risposta. Questo ci amareggia, soprattutto perché Bredenkeik lavora ormai da 5 anni in progetti che parlano esclusivamente di Livorno con l’obiettivo di esportare – nel nostro piccolo, ma per adesso con successo – un certo tipo di cultura labronica troppo spesso dimenticata e poco promossa. Anche questa volta il disinteresse sembra purtroppo avere avuto la meglio”.

Per ulteriori informazione sui progetti:

www.iluoghidimodigliani.com

http://www.facebook.com/IlCappottoDiLana

https://www.facebook.com/duegiornidestate

 

Riproduzione riservata ©

1 commento

 
  1. # cappuccino

    Beh, il Comune adesso ha così tante iniziative nel calderone ( difficile tenerne il conto: funivie deposito di Paperone passerelle sui fossi e così via) che non può certo perdere tempo con iniziative culturali tese a promuovere la nostra città, iniziative che paradossalmente interessano più enti e associazioni internazionali che le nostre oscitanti istituzioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.