Cerca nel quotidiano:


Nubifragio, sostegno alle imprese e sospensione dei tributi comunali. Tari: ecco chi è esente. Rossi commissario: ufficio in città

Il direttore Ciapini: "È un aiuto concreto e rapido. Le imprese non dovranno fare altro che presentarsi all'ufficio credito della nostra associazione e chiedere di poter avviare le procedure"

Martedì 19 Settembre 2017 — 07:25

Mediagallery

Confesercenti e Unicredit insieme per aiutare le piccole e medie imprese del nostro territorio (Livorno – Collesalvetti – Rosignano) colpite dall’alluvione del 9-10 settembre (clicca qui – Rossi apre a Livorno il suo ufficio di Commissario per l’alluvione e clicca qui – Nogarin annuncia la sospensione del pagamento di tutti i tributi comunali per persone e imprese). “Abbiamo voluto portare un segnale di forte vicinanza – ha affermato la presidente nazionale di Confesercenti, Patrizia De Luise durante la conferenza stampa che si è svolta nella sede di via Pieroni – con un intervento economico che ha lo scopo di agevolare le aziende colpite dal maltempo. In questo modo contiamo di dare risposte immediate alle imprese, in attesa delle misure del Governo”. Lo strumento messo in campo da Confesercenti e Unicredit – in uso dal 2012, all’indomani del terremoto dell’Emilia Romagna – prevede finanziamenti a 12 mesi, di un importo massimo per ciascuna impresa di 50mila euro a tasso zero: gli interessi maturati saranno totalmente a carico di Commerfin, dopo una fase istruttoria senza costi aggiuntivi. La misura sarà attiva fino al 31 dicembre. Sono previste eventuali proroghe? “Se Confesercenti ce lo chiederà valuteremo il da farsi” è stata la risposta di Alberto Sorrentini, area manager Unicredit di Livorno. “Per richiedere il finanziamento – ha aggiunto Sorrentini – basterà presentare, da parte dell’azienda, un’autocertificazione dei danni subiti. Non abbiamo stabilito un limite di fondi, in modo così da dare una mano a tutti quelli che ci faranno richiesta”. I tempi di erogazione dei fondi saranno di 7-10 giorni. “È una goccia nel mare, nessuno pensa di fare miracoli – ha detto Alessandro Ciapini, direttore provinciale Confesercenti Livorno – è tuttavia un aiuto concreto e rapido che vogliamo dare. Le imprese non dovranno fare altro che presentarsi all’ufficio credito della nostra associazione e chiedere di poter avviare le procedure”.

La Tari – In riferimento alla decisione adattotata dalla Giunta Municipale del 15 settembre sulle agevolazioni Tari (Tassa dei Rifiuti) per chi ha subito danni in occasione dell’alluvione del 10 settembre, gli uffici del settore Entrate e Amministrazione Patrimonio comunali precisano quanto segue:
“In relazione all’evento del 10/9/2017 si precisa che la normativa Tari e le relative previsioni del Regolamento Comunale per l’applicazione della stessa (delibera CC.n.81/2017, art 9 ) individuano, tra gli immobili esclusi dal pagamento del tributo, i fabbricati inagibili o inabitabili, per il periodo di mancata occupazione dell’alloggio. Pertanto per quei contribuenti per i quali sia già stata verificata l’inagibilità dell’immobile l’esclusione dalla tari opera automaticamente con decorrenza dalla terza rata 2017 (periodo 1° settembre – 31 dicembre). Per i contribuenti occupanti immobili non inagibili ma solo danneggiati, la legge istitutiva del tributo non prevede la possibilità di sospensione dagli obblighi di versamento del tributo. Avendo ben presenti le difficoltà in cui comunque si trovano i contribuenti che abbiano avuto rilevanti danni dall’alluvione, l’Amministrazione, in stretto coordinamento col Commissario regionale nominato per l’evento del 10/9/2017, farà propri gli esiti della ricognizione dei danni che il Commissario redarrà, sulla base delle istanze allo stesso presentate.  A completamento della fase di ricognizione, di competenza del Commissario straordinario della Regione, l’Amministrazione conta quindi di predisporre fondi a ristoro compensativo di quanto dovuto a titolo di Tari a favore di coloro che risulteranno presenti negli elenchi ricognitori del Commissario regionale ed in base a criteri di selezione che saranno individuati dalla Giunta Comunale con apposita successiva deliberazione. Si ricorda infine che la legge prevede la non irrogazione di sanzione per il caso di ritardato od omesso versamento del tributo da parte dei contribuenti che si trovino in comprovata situazione di forza maggiore”.

Riproduzione riservata ©

25 commenti

 
  1. # c'ho brividi

    Ben fatto!

    Ho appena ascoltato TG3…il sig. Nogarin afferma che anche le imprese alluvionate devono pagare la TARI, che altrimenti si rischia il default del comune…mi vengono i brividi…il trionfo dell’indifferenza e del burocratese.

    Per favore Sig. Nogarin lasci in pace questa città, grazie.

    1. # UnBelTacerNonFuMaiScritto

      vedo che le piace ascoltare soltanto determinate campane. Peccato perché se le avesse ascoltate tutte probabilmente…ed invece ha perso una buona occasione per tacere

      1. # c'ho brividi

        Io non ho sentito determinate campane…ho sentito l’intervista al Sig. Nogarin.

        Chiuda il blog ad apra la mente

        1. # Sorgentiiii

          Il contenuto di cui lei asserisce, non si rifà all’intervista. La potrà comunque riascoltare dal sito internet del tg3.

          1. # c'ho brividi

            http://www.rainews.it/dl/rainews/TGR/media/tos-tassa-rifiuti-livorno-ca0a8f3b-9edc-4203-8f17-f7fa312dd130.html

            Intelligenza, dammi
            il nome esatto delle cose!
            ….La mia parola sia
            la cosa stessa,
            creata dalla mia anima di nuovo.
            Per mezzo di me vadano tutti
            quelli che non le conoscono, alle cose;
            per mezzo di me vadano tutti
            quelli che le dimenticano alle cose;
            per mezzo di me vadano tutti
            quelli che le amano, alle cose…
            Intelligenza, dammi
            il nome esatto, e tuo,
            e suo, e mio, delle cose!

            Juan Ramon Jimenez

        2. # UnBelTacerNonFuMaiScritto

          Leggo adesso le “sue” repliche…beh, che dire, se non che da chi sa esprimersi solo per slogan o frasi fatte che dir si voglia non era certo possibile attendersi di meglio. D’altronde è pur vero che precedentemente, quando, presa dalla frenesia, ha espresso qualcosa di suo, ha messo nero su bianco una inesattezza. Come vede, oggettivamente, per lei, alla fin fine, tacere è sempre la soluzione più conveniente!

          1. # c'ho brividi

            Lei è un grande maestro…nel negare l’evidenza.

            Continui a seguire il blog e buona fortuna.

      2. # Sorgentiiii

        Concordo in toto con Lei.

  2. # Ioannis

    Il sindaco NOGARIN ancora non ha capito che DEVE dimettersi, ha già fatto troppi danni a Livorno tra rotatorie tasse e quant’altro ha messo la città in ginocchio cose da vergognarsi. E continuano a professarsi movimento no tax .

  3. # ugo

    strambata nell’atteggiamento del Comune …..sospeso il pagamento…..paura di andare a casa…..ma tanto a casa ce lo mandano comunque

    1. # voglio strade strette

      Alle 14 di ieri il Sig. Nogarin afferma che: “la legge è legge” , “il comune rischia il default” per cui le tasse vanno pagate anche da parte delle imprese alluvionate poi… alle 17 afferma il contrario.

      Non l’avrà “portato la piena” come ha vergognosamente parafrasato in una intervista di sicuro non l’ha portato il buon senso.

      1. # ugo

        il buon senso di chi? di Tafazzi….ricorda chi era? Casomai me lo dica che glielo ricordo……

        1. # voglio strade strette

          caro sig ugo forse non mi sono spiegato bene…concordo con lei

        2. # ugo

          anche io non mi sono fatto capire…..

  4. # Roberto

    Livornesi vergogantevi!!! Sempre a parlare male di Nogarin ma vi facio presente che questa catstrofe alluvionale c’e’ stata per la non curanza delle Amministrazioni comunali passate ovvero del vs. amato partito comunista!!! Cari concittadini, accendete il cervello prima di parlare!!! Vergogna!!!

    1. # turn on the brain

      Ha ragione caro concittadino quelli di prima incuranti quelli di adesso incompetenti, accendiamo il cervello e votiamo la destra!

    2. # ugo

      anche te accendilo…..dove era il sindaco durante l’alluvione? a casa con i cellulari che non prendevano….Non avrebbe dovuto essere il Comune a supervisionare e coordinare i soccorsi?

      1. # Roberto

        Ugo, ma cosa dici? Pensa prima di parlare…il sindaco coordina i soccorsi? Ma in quale paese? Forse se si travestiva da superman magari qualcosa faceva…oh mamma, senti che discorsi dé!!!

        1. # ugo

          detto ieri in C:C:….Evidenti responsabilità, incongruenze, dichiarazioni inadeguate: per molto meno altri lo avrebbero già fatto. Le responsabilità non sono però solo del sindaco ma anche del responsabile della Protezione civile….

  5. # ANGUS

    Sospendere non vuol dire abolire. Gli adempimenti scaduti nel periodo di sospensione dovranno essere effettuati entro il mese successivo alla data di scadenza della sospensione (salvo rateizzazione). Quindi tra 360 giorni, gli utenti interessati dovranno pagare le rate correnti del 2018 più quelle sospese. Lo vedi che zizzole. Comunque per riequilibrare il bilancio sarebbe sufficiente che i Consiglieri Comunali e gli amministratori delle società partecipate dal Comune auto-sospendessero i loro compensi per 360 giorni. Fantascienza?

    1. # curioso

      E tutto ciò in base a quale principio?

      1. # ANGUS

        Per il principio di solidarietà nei confronti di chi ha subito danni e lutti, e per il principio di appartenenza alla città che amministrano

        1. # curioso

          principio formulato da chi?

          1. # il principio

            Dall’intelligenza e dalla coerenza può bastare?

  6. # ugo

    lo ha detto ieri…….Non abbiamo sospeso la Tari ma è stato deciso di sospendere il pagamento dei tributi da settembre 2017 all’intero 2018….quindi che zizzola vi arriverà?