Cerca nel quotidiano:


Poesia. Appuntamento con Ketty D’Echabur in Fortezza Vecchia

Mercoledì 20 Luglio 2016 — 15:01

Mediagallery

Nuova serata con la poesia della casa editrice MdS. Giovedì 21 luglio alle 18.30 nel suggestivo scenario della Fortezza Vecchia, all’interno della Sala Ferretti, Francesco Mencacci docente della scuola di scrittura “Carver”di Livorno e Fabio Della Tommasina redattore della casa editrice incontrano Ketty D’Echabur.  In realtà una sorta di prova generale c’era già stata il 12 Luglio con la lettura in anteprima della poesia “il Cigno di Livorno” dedicata a Amedeo Modigliani in occasione del compleanno dell’artista livornese, a Casa Modigliani, e all’hotel Universal all’evento organizzato da Luca dal Canto. Ketty D’Echabur, livornese autentica pubblica questa sua prima raccolta di poesie senza timore di mostrare al pubblico dei lettori gli amori, le persone più care, quelle che non ci sono più e quelle che hanno contato molto nell’atlante emotivo che ha deciso la sua crescita di persona e di donna. Come spesso accade alle donne che scrivono e in particolare a quelle che scrivono poesie, che arriva un momento in cui si sente che è tempo di fare bilanci sulla propria esistenza. Riflettere cioè sulla realtà che ci circonda a partire dalle persone che costituiscono la propria sfera affettiva, famigliare o amicale. Questa silloge è dunque principalmente un fermarsi per poi ripartire con una nuova consapevolezza, e con la particolarità che il mondo di sentimenti delineato dall’autrice non è una ricerca intimista, non ha cioè, quell’insopportabile connotato egoico dove tutto il mondo gira intorno ad una compiaciuta contemplazione di se stessi. Il mondo di D’Echabur si apre arche al mondo esterno, alla sofferenza altrui, dall’intollerabile l’intollerabile violenza consumata sulla donne, come al dolore provocato dagli attentati terroristici di Parigi.

Riproduzione riservata ©