Cerca nel quotidiano:


Gozi alla Festa de L’unità: “In 3 anni risparmiati due miliardi”. Il programma di oggi. E sabato arriva Renzi

Mercoledì 2 Agosto 2017 — 10:11

di Letizia D'Alessio

Mediagallery

L’Europa e le sue politiche è stato il fulcro dell’incontro che si è svolto ieri (1°agosto) alla Festa dell’Unità con il sottosegretario alla presidenza del Consiglio dei ministri con delega agli Affari europei Sandro Gozi. L’Italia negli anni ha accumulato 120 procedure d’infrazione da parte dell’Unione Europea: attualmente sono passate a 65, riduzione che ha portato un notevole risparmio, derivante anche dal contrasto alle frodi e al recupero degli aiuti di Stato. “Abbiamo risparmiato in tre anni e mezzo – ha affermato Gozi – oltre due miliardi di euro, un risultato che è stato ottenuto attrverso il gioco di squadra e uscendo dalla dittatura dell’emergenza”. “Era inaccettabile che l’Italia – ha sottolineato -dovesse pagare così tante multe per la violazione delle regole”. Il nostro Paese aveva, tra coloro che sono i membri fondatori dell’Ue, il numero di infrazioni aperte più alto: una cifra che adesso è tornata in linea con la media europea ed è migliore di quella di Francia, Spagna e Germania. “Oggi abbiamo maggiore credibilità e quindi più titolo per chiedere alla commissione Ue di aprire procedure d’infrazione per quelle nazioni come Polonia, Repubblica ceca e Ungheria che violano gli impegni in materia di accoglienza di immigrati”.

Fiscal compact: “L’impostazione rigorista non funziona più – è la visione del sottosegretario – noi non vogliamo inserire il patto di bilancio europeo nei trattati ma vogliamo avviare una riforma. Ascoltiamo le posizione degli altri ma dissentiamo su alcuni punti. Al vertice di dicembre saranno prese decisioni importanti e per continuare ad avere voce in capitolo anche in futuro, dovremo fare in modo di vincere le elezioni del 2018”.

Immigrazione: “I flussi migratori vanno governati, con l’obiettivo di non far percepire il fenomeno come un’invasione. Al momento i singoli Paesi non lo stanno facendo, sarebbe però diverso se fossimo coordinati a livello europeo”. E ha suggerito due strade per tenere sotto controllo la pressione migratoria: “L’investimento di fondi nella cooperazione internazionale – ha concluso Gozi – e la creazione di centri d’accoglienza in Libia, che stroncherebbe il busisness degli sbarchi”.

Tra i grandi nomi  in arrivo qui a Livorno per questa Festa de l’Unità si ricorda sabato 5 agosto, ore 18, la visita di Matteo Renzi.

Il programma degli appuntamenti di oggi 4 agosto

Spazio Libreria: Ore 20.45 presentazione del libro “Per il verso giusto” di Simone Lenzi

Spazio Dibattiti: Ore 18.30 “Porto e dintorni. Panoramica sulle prospettive del nuovo sistema portuale Livorno – Piombino e sulle infrastrutture necessarie allo sviluppo”. Introduce Sergio Muzi della Segreteria Comunale PD. Modera Antonio Fulvi, giornalista de Il Telegrafo e Direttore della Gazzetta Marittima. Partecipano Stefano Corsini, Presidente Autorità di Sistema Portuale dell’Alto Tirreno, l’On. Silvia Velo sottosegretario di Stato all’ambiente, Lorenzo Bacci coordinatore territoriale PD, Federico Bellandi Segretario Comunale PD, Jari De Filicaia del gruppo consiliare PD, Fabrizio Zannotti segretario CGIL Livorno, Nereo Marcucci presidente Confetra, Luca Becce presidente Assiterminal e Roberto Alberti presidente Fedespedi.

Ore 21 dibattito promosso da A.N.P.I. “Fascismo e neofascismo, l’attualità di un passato che non passa”. La galassia nera tra fatti e parole. Partecipano il Prof. Claudio Vercelli docente di Storia contemporanea all’Università Cattolica di Milano e Giovanni Baldini autore di Patria Indipendente. Coordina Gino Niccolai presidente ANPI Livorno,

Spazio Spettacoli: Ore 21 Due di Cuori. Musica da ballo anni 70/80

Riproduzione riservata ©

2 commenti

 
  1. # Lo scocciato dalle fandonie

    Quello che dici di aver risparmiato é una minima parte di quello che avete regalato alle banche, perché non ci spieghi bene anche questa

  2. # roby

    PREPARIAMO OVA MARCE!