Cerca nel quotidiano:


La “serenata” di Rondelli e Lenzi a Luca Salvetti

Duetto d'eccezione per festeggiare la vittoria elettorale di Luca Salvetti con Bobo Rondelli e Simone Lenzi che dedicano al neo eletto "La Canzone dell'Amore Perduto" di De Andrè

Lunedì 10 Giugno 2019 — 15:26

di Giacomo Niccolini

Mediagallery

Non sono mancati i momenti di festa per Luca Salvetti e per i suoi sostenitori nella lunga notte elettorale che ha consegnato al giornalista televisivo, scelto dalla coalizione di centrosinistra come candidato sindaco, le chiavi del Comune di Livorno (clicca sul link in fondo all’articolo per vedere e ascoltare il duetto di Rondelli-Lenzi).
Così dopo le interviste di rito, il bagno di folla, gli abbracci e le strette di mano c’è stato il tempo anche per un brindisi in musica fatto da tutto lo staff e dal neo sindaco al Bad Elf in Venezia. Lì, ad attendere il primo cittadino dopo le 1,30 di notte, c’era un ospite d’eccezione: Bobo Rondelli munito della sua chitarra e della sua solita ironia.
Hai dedicato una canzone a Bruciati adesso ne voglio una per me“, ha detto Salvetti scherzando e abbracciando il cantautore labronico. Bobo non si scompone e inventa alcuni versi in rima mixati su alcuni giri di chitarra che confeziona e regala per l’occasione al neo eletto.
Poi la serata prosegue e alla voce si unisce anche Simone Lenzi, leader dei Virginiana Miller nonché capolista della lista civica Casa Livorno che ha sostenuto Salvetti in questa lunga campagna elettorale.
Il duetto è epico, di quelli che faranno storia. Le loro voci si impastano alla perfezione e intonano un grande classico, rivisitato in alcuni punti, di Fabrizio De André: “La Canzone dell’Amore Perduto”. Ma la “serenata” non finisce qui. C’è ancora tempo per un po’ di Guccini d’annata e un’immancabile “Internazionale”.
Tutto il resto si perde in un bicchiere, tutto il resto è solo politica…

Riproduzione riservata ©