Cerca nel quotidiano:


Pd: “Incendio alla Torre della Cigna: è il momento di chiamare in causa chi sapeva e non ha fatto niente per risolvere”

Mercoledì 2 Agosto 2017 — 17:31

Mediagallery

Neanche un gravissimo incidente come quello che si è verificato oggi nella Torre della Cigna sembra risvegliare l’Amministrazione comunale dall’inerzia con la quale ha, sin qui affrontato il tema delle occupazioni abusive di immobili.

Si tratta di un atteggiamento intollerabile che l’intera città non è più disposta ad accettare.

Da anni ormai in tutte le sedi politiche ed istituzionali manifestiamo la nostra preoccupazione per il crescente numero di edifici occupati abusivamente in città, lo abbiamo fatto di fronte ad un Comune che pare aver “esternalizzato” ad alcune associazioni e sindacati, che ricorrono abitualmente all’aggiramento della legge, la gestione dell’emergenza abitativa, ma non ci siamo limitati a questo, abbiamo avanzato proposte concrete presentando atti in Consiglio Comunale, tutti puntualmente rifiutati dalla maggioranza.

Nell’indifferenza del nostra Amministrazione sono ormai centinaia le persone spesso anche non livornesi, dato che la voce “a Livorno si può occupare” si è sparsa ormai oltre la Provincia, che vivono in appartamenti di fortuna ricavati da strutture pubbliche e private occupate abusivamente, del tutto inidonee a fungere da civili abitazioni, senza che sia rispettata la benché minima norma relativa alla sicurezza degli ambienti.

Era evidentemente soltanto questione di tempo, prima che avvenisse qualcosa di grave.

Questo resta per noi innanzi tutto il momento della vicinanza alla donna rimasta ferita nel rogo della Torre alla Cigna, ma non possiamo non sottolineare in modo evidente come questa situazione fosse prevedibile a tutti, in primis al Sindaco, che fin qui ha chiuso colpevolmente gli occhi davanti ad una situazione incontrollabile avallata dalla sua immobilità.

Livorno ha perso troppo tempo in discussioni su soluzioni irrealizzabili come l’utilizzo temporaneo della “Chiccaia” (oggi completamente occupata abusivamente) o la requisizione di immobili privati, mentre non si è vista neanche l’ombra di progetti seri e di rapida attuazione che permettessero realmente di reperire alloggi da destinare all’emergenza abitativa.

Lo diciamo ancora una volta: serve far funzionare l’agenzia per gli affitti, accelerare i ripristini di Casalp (anche rinunciando al canone concessorio), cercare di sottoscrivere convenzioni con i privati che mettano strutture a disposizione e perfino pensare di realizzare strutture temporanee per ospitare i cittadini in difficoltà.

La soluzione non può essere certo tollerare l’illegalità frutto di soluzioni “fai da te”. I rischi sono quelli che oggi amaramente siamo costretti a commentare e che assumono i contorni di una potenziale strage, visto che nella sola Torre della Cigna vivono oggi circa 200 persone.

E’ il momento di chiamare in causa chi sapeva di questa situazione e non ha fatto niente per risolverla.

PD Livorno

Riproduzione riservata ©

3 commenti

 
  1. # leonardo

    ma sono tutte persone che alla fine danno il voto a voi , poi le occupazioni sono iniziate ben prima di 3 anni fa’- vedi caserma , picchetto usl via e rossi , circoscrizione san jacopo ………..

  2. # adriano

    ma cosa dite se siete voi di sinistra i primi a manifestare contro quando vi è uno sgombero di abusivi forse se il 70 %di assegnazione di case non fosse fatto di stranieri che magari non ne hanno diritto ci sarebbero meno italiani che occupano case senza fare nomi in un paese vicino Pisa hanno attivato la legge cui se uno straniero chiede una casa popolare deve presentare una certificazione dell’ambasciata che non possiede immobili nel suo paese, risultato crollo delle domande…

  3. # Morchia

    Ecco ogni tanto fate bene a ricordarci perché a Livorno ha vinto M5S… quando dite di chiamare in causa chi sapeva vi riferite anche a voi stessi vero? Siete veramente imbarazzanti. Vediamo se dalla prossime elezioni vi darete una regolata, altrimenti ci dovremo sorbire altri Nogarin e la città non se lo può proprio permettere.