Cerca nel quotidiano:


Il popolo 5 stelle acclama “Dibba” e urla “no”

Tanti i sostenitori del "no" che hanno ascoltato le parole dal palco e hanno detto la loro sul perché sarebbe giusto votare "no" il 4 dicembre

Martedì 29 Novembre 2016 — 19:11

di Anna Campani

Una settimana fa è stato il premier Renzi ad infiammare la platea di Livornesi accorsi ad ascoltarlo. Martedì 29 novembre è toccato a Alessandro Di Battista del Movimento Cinque Stelle. Due fronti, quelli del “Si” e del “No” che hanno scelto tra molte anche la nostra città per far valere la loro opinione in merito al referendum di domenica 4 dicembre (clicca qui per leggere e vedere il video della diretta del comizio di Di Battista). Il Movimento Cinque Stelle partito alla guida dalle nostra città da oltre due anni, ha scelto come location piazza XX per parlare ai propri elettori, sostenitori del no. Girando per la piazza, tra i presenti, circa 500, era facile notare la numerosa presenza di giovani. “Sono il nostro futuro, non sono mai abbastanza. Io sono per i giovani, per il lavoro ai giovani. W i giovani” ha commentato uno dei presenti, Mirko Tuccoli.

Una piazza però che inizialmente ha ricordato poco quella targata 2013, quando nel mese di gennaio, Grillo arrivò a Livorno per il suo Tsunami Tour, richiamando una folla di livornesi per il suo intervento, ma che lentamente si è riempita e scaldata alle parole dei parlamentari e del front man grillino. “Mi piacerebbe vedere molti più giovani e sono curiosa di vedere quante persone alla fine verranno ad ascoltare Di Battista. Non so se il minor numero di persone presenti oggi derivi dai Cinque Stelle o da coloro che si basano solo su quello che sentono in Tv, schierandosi per il Si”, commenta Aurora Spelli, sostenitrice Cinque Stelle presente all’intervento di Di Battista, in merito a un numero di presenti inferiore al 2013.

di battista piazza XX settembreAbbiamo ascoltato la voce dei cittadini, raccolto le loro motivazioni del no. In una città come Livorno, che a detta di molti sta tornando ad appassionarsi alla politica, anche se non tutti sono d’accordo con questa affermazione. Sostenitori e attivisti dei Cinque Stelle che non hanno timore a confessare che domenica 4 Dicembre voteranno un No deciso non soltanto per una riforma che non condividono, ma anche perché è stata stilata da un Governo non eletto da loro. Si torna quindi alla domanda che ci siamo posti anche durante la visita di Renzi, quanto questo Referendum è ormai politicizzato? E quanto il voto sarà condizionato dallo schieramento dei due fronti del proprio partito politico?

di battista piazza XX settembreLe opinioni dei presenti:

Veronica Nencioni, 21 anni, attività di panetteria : “Voterò no perché sono praticamente contro ogni singolo punto di questa riforma, in particolare quel punto che porterà noi cittadini a non votare più i senatori. Voterò per una mia piena consapevolezza della riforma che ho ascoltato e compreso grazie a un giornalista libero che è Marco Travaglio”. – Livorno e la politica – “Credo che Livorno non senta più la politica come un tempo e che questo sia derivato dal partito politico che fino a poco tempo fa governava la nostra città. Speriamo che cambi questa mentalità”. – Referendum e Social – “I social influiscono tantissimo e influiranno molto sul voto, perché in televisione tante cose che vengono dette e fatte nelle piazze non vengono riportate”.

Andrea Fede, 24 anni, Tecnico Informatico: “Voterò No. Oltre al fatto che penso che il quesito sia posto in maniera poco chiara, soprattutto per i profani non costituzionalisti. La costituzione è stata scritta per essere letta da un italiano medio, senza particolari competenze in ambito legislativo. Modificarla quindi, in questo modo, mi porta a pensare che abbiano qualcosa da nascondere. Non mi sono informato nel dettaglio, devo essere sincero” – Livorno e la politica – “Mi piace crederlo. Anche se il linea di massima tendiamo sempre a lamentarci, ma quando dobbiamo cambiare le cose o sostenere degli ideali sembra il contrario” – Referendum e social -“Il Movimento punta tanto sui social, è molto importante soprattutto perché è modo per attirare i giovani”.

Mirko Tuccoli, 58 anni, lavora in ospedale: “Io voterò No. Faccio parte dei Cinque Stelle. Voterò No, perché sono un partigiano, inscritto all’Anpi e noi partigiani difendiamo la nostra costituzione, creata dai nostri padri costituenti e li portiamo sempre nel cuore. Combatteremo fino alla morte per difendere la nostra Costituzione”.

Aurora Spelli, 19 anni, studentessa: “Voterò no perché non mi fido delle motivazioni del Si. Voterò quindi anche per una mia non fiducia nel governo e perché questa riforma ci riporta al passato, togliendo il diritto di voto ai cittadini”.

Luca De Giulli, 30 anni, barista: “Mi sono informato tramite internet, dove le informazioni in merito a questo referendum sono senz’altro maggiori e per questo ho deciso di votare No. Devo ammettere che questo mio voto non è solo per la riforma ma anche contro Renzi e il governo.  L’unica cosa che condivido della riforma è la riduzione dei parlamentari, se fosse vero” – Livorno e la politica – “Penso che Livorno sia ancora una città che richiama i politici, che attira” – Referedum e Social – “Nei social e su internet l’informazione sulla riforma è costante, mentre in tv come sempre le cose vanno al contrario”.

Maria Cristina Brogna, 59 anni, Casalinga: Voterò No, sia per la riforma che non condivido, sia per un Governo che non condivido. Quindi contro Renzi”.

cantoneDaniele Scotto, 42, funzionario di banca: “Voterò No. Il cambiamento in Italia ci vuole ma questo porterà a una dittatura del PD”. – Livorno e la politica – “Livorno è la più grossa sconfitta del PD, per questo è venuto Renzi, per riprendersi una fetta dell’elettorato”.

Aldo Cini, 77 anni, pensionato: “Voterò No perché ho paura che Renzi prenda il potere assoluto. – Livorno e la politica – “Livorno è cambiata a livello politico rispetto agli anni scorsi. Molti vecchi elettori del PD hanno cambiato il loro voto. Ma c’è anche la paura che il 5 Stelle non riesca a lavorare come invece intende fare”.

Dario Petrucci, 38 anni disoccupato: “Le persone sono informate, adesso si legge sempre meno i giornali e si guarda sempre meno anche la tv, ma sono i social e internet che informano e lo stanno facendo anche su questa riforma. Il coro del No è generale ormai” – Livorno e la Politica – “Livorno è la città dov’è nato il Partito Comunista e sarà sempre una città appetibile. Il Pd deve fare autocritica per tornare ad avere gli elettori o perderanno ance altre città, come sono convinto che perderanno anche questo referendum”.

 

 

 

Riproduzione riservata ©

24 commenti

 
  1. # ALEX

    AMICI DI RENZI QUESTA E’ LA DIFFERENZA DA VOI IN VIA DELLE CORALLAIE SOLO PENSIONATI DAL GRANDE DI BATTISTA GENTE GIOVANE CHE PENSANO AL FUTURO.

    IO VOTO NO

    1. # #mavaiacercarelavorovai

      Te lo danno il comico miliardario la raggi nogarin di maio e di battista il futuro a te… sai quanto pane e cipolla devi mangia’.. invece di anda’ in piazza xx a fa’ il fenomeno, esci e vatti a trova’ un lavoro serio perché se aspetti loro buonanotte ai suonatori… senti vesto vi …

    2. # Pensionato Robe

      Forse perché i pensionati hanno già avuto esperienze con D’Alema, Berlusconi etc. etc. e quindi vogliono provare un seppur minimo cambiamento soprattutto rinnovare un pò di facce che tentano l’ultimo colpo di coda per non perdere la “seggiolina”….

    3. # nano

      Hai ragione alex gente giovani che spera nel reddito di cittadinanza per continuare a non fare niente alzarsi al mattino alle 11, prendere la paghetta dai nonni per le sigarette e se ci incastra anche per un piccolo tatuaggio che va tanto di moda.
      Io non so quanti anni tu abbia ma se sei giovani e non hai un lavoro muovi le chiappe e cercalo perchè per chi ha voglia di lavorare e di mettersi in gioco una occupazione si trova.

    4. # Foffo

      Siamo i numeri 1 avanti cosi bene ole’… e il voto di domenica ci dara’ ragione….votiamo con un bel NO

  2. # Straniero

    Una curiosità, nel testo il Sig. Mirko Tuccoli (58 anni) si definisce “Partigiano” ma come ha fatto visto che la guerra è finita almeno una decina di anni prima della sua nascita… boh! refuso di stampa? forse gli anni erano 88?

  3. # orso

    Una settimana fa renzi,ora quest’artro.
    Seddiovole ora ir circo e’ passato.

    1. # #tigre

      Intanto vi s’ è dato una bella struscista da noi una piazza gremita di giovani e anche di gente meno giovane…da una parte la piazza rappresenta il futuro è da un altra rappresenta una parte di persone che ormai per esperienza vissuta hanno annusato e riconosciuto il puzzo della solita politica…e si sono uniti a noi…e all aperto!!!no dove viene fatta la sagra del polpo che ha ospitato un polpo dai tentacoli così lunghi affamato di potere e che disperatamente con le sue ventose nn vuol mollare la poltrona!

      1. # orso

        A chi l’hai data la strusciata?
        Se leggi il commento per me renzi e diba fanno parte dello stesso circo.Se ce l’hai coi piddini,accomodati.Qui hai sbagliato uscio,ma alla grande.E due,alla terza vinci la bambolina.
        Se poi per te “gremire” le piazze significa 500 persone …
        Ma un t’e’ ancora venuto a noia a passa’ da bischero ?

      2. # Alla Frutta

        Tigre non per schierarmi dalla parte di Orso perche ti ha già dato una degna risposta, ma te che ti definisci Grillino/a (non si capisce che sesso sei) cosa cosa hai i grilli negli occhi? Lui ti ha detto che di Renzi e Dibba non gliene frega niente e te gli rispondi dicendoli voi Piddini? Ah già forse la tua proverbiale cultura non ti ha fatto capire che Renzi è del PD. Questo dimostra che avete i commenti scritto da una parte e fate copia e incolla perche.piu di tanto non riuscite a fare, anche perche se riuscite ad acclamare Nogarin siete davvero di scarsa materia grigia. Mi allineo a Orso. Menomale il 4 c’è il referendum cosi pii non ci rompete piu le scatole con RENZI – DIBBA – GRILLO – BOSCHI ecc. Si ritorna alla vita di tutti giorni e SI o NO non cambia niente.

  4. # Bobo

    Buona sera. Io esprimo il mio pensiero. Come si può da uno che non l’ha votato il popolo, modificare la costituzione? Se avesse fatto un bel lavoro per l’italia non sarebbe nemmeno servito questo referendum perché la gente gli avrebbe dato fiducia. Invece da quanti ne sento la maggior parte dice no. Io mi sono documentato e vi posso dire che Come ha salvato le banche con i soldi dei poveri cittadini, così la vuole mettere al quel posto per garantirsi la poltrona.. Anziché pensare ad aiutare la gente che lavora e non arriva a metà mese, alla gente che cerca lavoro ma nil,pensa a sistemare i fatti suoi. Io voto NO. Per i 5 stelle avanti così, sono ancora alla inizio del loro cammino, Livorno in mano al pd era uno schifo, ora si sta rialzando dopo anni ed anni di buio. Parlo di parte in quanto simpatizzante per la lega. Buonasera e riflettere.

  5. # joannis

    Sig. ALEX la gente giovane pensa soltanto alla poltrona che ha sotto il sedere, intanto Loro con pochi mesi alla Camera e senato si prendono una pensione di 1600 euro come più volte detto in TV. e noi altri quanto bisogna lavorare per prenderli??

  6. # orso

    Boia,uno degli intervistati dice di essere un partigiano.
    E ha 58 anni.Se ne aveva 65 cos’era,un reduce delle Guerre Puniche ?

  7. # marione

    Avvisi di garanzia, firme false…etc. etc…Giovani ed hanno già imparato come gestire il potere politico….falli durare qualche anno e poi altro che deriva populista….meno male che e’ solo un Movimento transitorio e di protesta…2/3 anni poi tutti a casa….

  8. # fabio 1

    Qui livorno…. due articoli per enfatizzare un intervento di mezz’ora Di Battista? Non mi è parso di vedere le opinioni del Si quando è venuto Renzi. Mi pare che si parli di tutto meno che del referendum. Fate un buon lavoro ma quando si parla di 5 Stelle partite per la tangente….

  9. # Maicol

    A leggere queste opinioni del no mi viene da piangere…gente che vota no senza conoscere la riforma ,vota no solo perché è contro Renzi e il suo Governo,vota no perché si è informato sui social(dove troviamo una marea di cavolate su questa riforma),vota no perché temono la dittatura ,il potere assoluto …
    Signori votate si votate no votate cosa vi pare ,ma votate conoscendo la riforma

    1. # Luana

      Informati a striscia o sulla rai renziana o ascolta le recite a pappagallo della boschi

    2. # Citta Dino vota NO

      Quest’idea che chi vota NO non abbia capito la riforma, basandosi su due righe di un articolo online, è l’ennesimo artificio retorico renziano.
      Io non ero in piazza per Di Battista, non sono grillino ma voto NO perché la riforma l’ho letta e non ho intenzione di approvarla. La trovo sbagliata nella visione e pure scritta coi piedi.
      Sono mesi che mi informo e, se permette, il mio voto è di molto consapevole e informato.
      In compenso c’erano dei pensionati alla Festa dell’Unità che hanno ammesso di votare Sì perché lo dice il Segretario. Quindi non facciamo finta che quelli per il sì siano tutti fini costituzionalisti, eh.

  10. # Lisa

    Il mio NO non é un voto contro la politica di renzi ma va contro la riforma stessa… avrei votato si riguardo ai rapporti fra Stato e regione, il resto é un no di base. Non capisco perché ci hanno imposto di prendere o lasciare il pacco senza la possibilità di scegliere cosa salvare.

  11. # la formica

    Dai tempi di “Sodoma e Gomorra” non si è mai vista una accroccaglia del genere.Il sapore ? Amaro,amaro,peggio dell’olio di ricino.

  12. # Bozzolo63

    Bah di sicuro l’effetto dato dal fotografo è di grande impatto, ma chi conosce la piazza vede che forse c’erano un centinaio di persone, perchè dall’area pedonale fronte chiesa alla prima statua 100 persone non sò se ci stanno forse a più strati, ma si sa i pentastellati sono noti per i loro plebisciti, a livorno governano con i voti di due condomini. Io voterò no perchè la riforma me la sono letta e fà schifo,il sistema ideato dalla costituzione è perfettibile ma non in questo modo.

  13. # espatriato

    Praticamente abbiamo la panettiera che vuole votare i senatori e che crede che travaglio sia un giornalista libero, l’informatico che non sa leggere il testo proposto ma del resto non si è informato, il partigiano che ha fatto la resistenza 14 anni prima di nascere, il barista che non sa che su internet ci puoi trovare tutto e il contrario di tutto, il disoccupato che vuole che il piddi’ faccia autocritica.
    Sembra una canzone di rino gaetano.
    Salto qualcuno? Ah sì, ci manca quello che fa le firme false. Ma di quelli non c’è n’è mica uno solo!‎

  14. # Newfy

    Ma Nogarin l’avrà fatta pagare la lettera ZSC temporanea a DI Battista !!

  15. # Io voto NO

    È vero che c’è disinformazione anche su internet (anche se mai come in tv),ma basta sapere dove cercare. In ogni caso l’ebetino renzi, che nessuno ha votato,gioca molto sul fatto che verranno diminuiti i parlamentari e che non ci sarà più il ping pong camera-senato (sempre che sia vero) per indurre la gente a votare si. Nessuno di noi deve dire al prossimo chi o cosa votare,il voto è una cosa strettamente personale e soprattutto libera. Io voto no perché questo governo non è stato eletto dal popolo ma soprattutto perché non condivido la riforma.