Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Regionali, trionfa Eugenio Giani (48,6%). Referendum, è “Sì” anche a Livorno (65,3%)

Martedì 22 Settembre 2020 — 00:45

In città il voto per il candidato del centrosinistra si allinea con il trend toscano. Più bassa qui a Livorno invece, rispetto al resto della regione, la percentuale ottenuta da Susanna Ceccardi. Il M5S sfiora il 10%

L'affluenza in città tocca quota 56,3%. Il candidato del centrosinistra è stato eletto presidente della Regione Toscana: Eugenio Giani stacca di oltre otto punti percentuali la diretta concorrente del centrodestra Susanna Ceccardi

Le elezioni regionali hanno visto trionfare il candidato del centrosinistra Eugenio Giani (nella foto di Lorenzo Amore Bianco) che termina la corsa elettorale per la presidenza della Regione con il 48,6% di voti raccolti contro il 40,4% della diretta avversaria Susanna Ceccardi del centrodestra. Irene Galletti del Movimento Cinque Stelle termina la sua avventura elettorale con il 6,4%. Tommaso Fattori di Toscana a Sinistra si attesta al 2,2% di preferenze raggiunte.
L’affluenza a Livorno è arrivata a quota 56,3%.
Clicca qui per consultare tutti i numeri sul voto delle elezioni Regionali in Toscana e tutti i risultati provincia per provincia.

Nei 172 seggi del Comune di Livorno (clicca qui per tutti i numeri nel dettaglio) il voto si uniforma, per quanto riguarda il vincitore, con il trend regionale con Eugenio Giani che si attesta intorno al 48%. Più bassa la percentuale del centrodestra a sostegno di Susanna Ceccardi che si aggira intorno al 32%. In città la candidata del Movimento Cinque Stelle, Irene Galletti, sfiora invece il 10%  mentre guadagnano qualcosa, rispetto alla media regionale, i candidati della sinistra Tommaso Fattori, Salvatore Catello e Marco Barzanti. Sotto l’1% Tiziana Vigni del Movimento 3V Libertà di Scelta.

I risultati dei singoli candidati in città – Tra i singoli candidati più votati a Livorno troviamo Francesco Gazzetti (Pd) che tocca le 5603 preferenze, Federica Benifei (Pd) che è riuscita ad ottenere 4879 voti, Susanna Vaccaro (Lega) con 2469 favori raccolti, Andrea Romiti (Fratelli d’Italia) che archivia 2311 “X”  personali e Marcella Amadio (Fratelli d’Italia) che sfiora le 2000 preferenze (1994). Marco Bruciati per Toscana a Sinistra raggiunge 1926 voti. Per il Movimento Cinque Stelle bene Alessandra Rossi, che arriva a quota 1194, e l’ex sindaco di Livorno Alessandro Cosimi, per Italia Viva +Europa, che può vantare 937 schede a suo favore.

La composizione del consiglio regionale: i seggi – L’esito del voto espresso dall’elettorato toscano porta dunque questa composizione del consiglio regionale: 22 seggi al Partito Democratico, 2 a Italia Viva, 9 alla Lega (compreso il consigliere regionale Giovanni Galli e la candidata non eletta Susanna Ceccardi), 4 a Fratelli d’Italia, 1 a Forza Italia-Udc e 2 al Movimento Cinque Stelle (tra cui uno riservato alla candidata non eletta Irene Galletti).

Referendum per il taglio dei parlamentari – Anche a Livorno, in linea con i risultati nazionali, è stato votato dalla maggior parte degli aventi diritto al voto il “Sì” che trionfa sul “No” con il 65,3% delle preferenze contro il 34,6% (clicca qui per i risultati in città).

Condividi:

Riproduzione riservata ©