Cerca nel quotidiano:


Saccardi alla Festa dell’Unità: “Ospedale, Nogarin dica cosa vuole fare. No slogan”

L'assessore regionale Saccardi: "Siamo disponibili a metterci intorno a un tavolo. Non mi interessa il muro contro muro, voglio risolvere i problemi". E nasceranno due Case della Salute in città e una terza nel Livornese

Martedì 25 Luglio 2017 — 07:31

di Letizia D'Alessio

Mediagallery

Si è parlato soprattutto di ospedale e case della salute all’incontro con l’assessore regionale alla sanità Stefania Saccardi che si è svolto il 24 luglio alla Festa dell’Unità e a cui hanno partecipato i segretari Federico Bellandi e Lorenzo Bacci, la consigliera comunale Cristina Bini e Nino Tonziello responsabile politiche sanitarie del Pd livornese. Gran parte del dibattito si è concentrato sulla questione ospedale: “A chi dice che non è stato fatto niente dico che non è vero – ha detto l’assessore regionale – Abbiamo in programma la ristrutturazione del poliambulatorio, il trasferimento della medicina dello sport e la realizzazione della terapia sub-intensiva. Nei primi 5 mesi del 2017 gli interventi chirurgici sono stati 3731, 411 in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno”. Non sono mancate stoccate nei confronti del sindaco Nogarin: “Riconosco che sul luogo in cui fare l’ospedale debba decidere il Comune, l’amministrazione che governa la città ci dica quindi dove lo vuole. Su come gestirlo però deve decidere la parte sanitaria”. “Come la pensiamo lo sapete – ha continuato Saccardi – possiamo utilizzare qualcosa del vecchio ospedale, tuttavia l’attività sanitaria attuale non può stare in una struttura concepita in quel modo. Siamo anche disponibili a fare il nuovo presidio vicino al viale Alfieri, più di così non sappiamo cosa fare. Noi rispettiamo il sindaco ma faccia gli atti amministrativi conseguenti per disdire l’accordo di programma – ha attaccato – si assuma le sue responsabilità, non si governa con gli slogan”. E ha chiuso il suo intervento lanciando un ponte a Nogarin: “Lo aspettiamo, siamo disponibili a metterci intorno a un tavolo a discutere su cosa fare. Non mi interessa fare un muro contro muro, voglio risolvere i problemi”. “Sono passati tre anni e ancora il sindaco Nogarin non ha disdetto l’accordo di programma che riguarda l’ospedale a Montenero – ha affermato Bellandi – C’è solo un atto di indirizzo ma di concreto non è ancora stato fatto niente”.

Poi si è anche parlato della volontà di attivare a Livorno almeno due Case della salute: una in via del Mare, per la quale è stato fatto il progetto e si prevede che entro la fine del mese siano assegnati i lavori, per poi essere aperta entro il 2019. Un secondo presidio inoltre dovrebbe sorgere all’interno dell’ospedale nel 2020. “Noi su questo non arretriamo – ha precisato Saccardi – ben venga se ci vogliamo sedere a un tavolo per fare progetti condivisi, la Regione non può essere considerata un bancomat”. E sempre riguardo le case della salute è stato firmato l’accordo con l’amministrazione di Collesalvetti, secondo il quale si prevede che nel giro di 7-8 mesi possa essere inaugurata la prima struttura anche nel Livornese. “Con la riforma che abbiamo fatto abbiamo cercato di dare un motore a una macchina che aveva una buona carrozzeria. E’ così che si deve lavorare. L’ultima volta che sono venuta qui il sindaco Nogarin mi ha detto che a Livorno non abbiamo speso niente, non è così. Come vedete siamo disponibili a realizzare servizi per i cittadini livornesi”.
Infine, un accenno all’ospedale di comunità. E’ stato annunciato che ci sarà un aumento di 12 posti letto. Attualmente sono 21.

 

Riproduzione riservata ©

12 commenti

 
  1. # piero

    la citta’ e’ in crisi e qui e 5 anni che si parla di ospedale …ora la casa della salute

  2. # voltone47

    penso che i commenti che faccio siano dettati dal buonsenso, anche se a volte vi sembrano impubblicabili, ma, vorrei leggermi su QuiLivorno.it questo commento apolitico: da quello che leggo mi sembra che si voglia fare un po’ troppo o così o pomì. Se ci sono i grillini a comandare a Livorno un motivo ci sarà. SEMPRE FORZA LIVORNO

  3. # Mauro B.

    La colpa morì fanciulla… vecchio detto toscano, ogni parte politica ha le sue colpe, e c’è sempre chi vuole comandare sugli altri. A questo punto secondo me, ci sarà un tira e molla per arrivare alle prossime consultazioni Comunali ed a quel punto chiunque vincerà dovrà assumersi le proprie responsabilità di fronte ai cittadini. Non ci tocca che aspettare.

  4. # E rieccoci ....

    Ma non l’avete ancora capito che non vogliamo un nuovo ospedale?

  5. # adriano

    forse non avete capito che i livornesi il nuovo ospedale non lo vogliono pensate a ristrutturare l’attuale

    1. # 5 e 5

      “…forse non avete capito che i livornesi il nuovo ospedale non lo vogliono …”

      Dove lo ha letto? Sul blog del capocomico, sul facebook del Sig. Nogarin oppure si riferisce al referendum?

      “…pensate a ristrutturare l’attuale…”

      dai costi spropositati e dai risultati dubbi.
      Nel corso degli anni la concezione architettonica/strutturale degli ospedali è radicalmente cambiata, sono cambiati i percorsi di diagnosi e terapia, è cambiato praticamente tutto il modello ospedaliero.
      Ristrutturare una cosa che non è più funzionale…non è funzionale!!!

      Mi citi per favore qualche città che ha effettuato ristrutturazione di ospedale edificato negli anni 1920.

      Grazie

  6. # Gennaro

    Niente toglie alla attuale amministrazione di recedere dall’accordo precedente per il nuovo ospedale ma perché non ratificano tale decisione come prevedono gli atti amministrativi tra pubbliche amministrazioni? Dove è il problema?

    1. # karl

      Il problema sono le penali di qualche milione di euro.

  7. # Adriano

    Assolutamente si al nuovo ospedale. Pensare di lavorare su di una struttura degli anni 30 per renderla adeguata agli standard attuali è un’ idea ridicola, che dimostra una completa ignoranza della realtà. Il nostro ospedale è ormai una struttura da terzo mondo, la realta è questa, che vi piaccia o no.

  8. # Toni

    Abbiamo un ospedale vicino al centro dove possiamo andare anche a piedi senza traffico e perdite di tempo, non capisco perché bisogna fare un altro nuovo a spendere del altro denaro, io penso che la ristrutturazione del quello già esistente andrebbe bene, penso che il sindaco abbia fatto la scelta giusta.

  9. # Sincronizzo Semafori

    Quell’Ospedale fu costruito in soli tre anni. Noi in tre anni solo demagogia.

  10. # Viviana

    Assolutamente d’accordo col nuovo ospedale. L’attuale è obsoleto, parcheggi inesistenti, fuori norma. Come sempre i livornesi amano rimanere arretrati.