Cerca nel quotidiano:


Al Cisternino grandi opere e “prove di partecipazione”

Una giornata all'insegna delle sfide dell'innovazione democratica a partire dalle 9,30 di venerdì 5 ottobre

mercoledì 03 ottobre 2018 17:45

di Gabriele Fiore

Mediagallery

Venerdì 5 ottobre, nei locali del Cisternino di Città a partire dalle 9,30, si aprirà l’iniziativa promossa e patrocinata da Comune di Livorno, Regione Toscana e Autorità Regionale per la Partecipazione dal titolo “Azione pubblica partecipata – Cantieri toscani dell’innovazione locale e regionale” (clicca sul link al pdf in fondo all’articolo per consultare il programma del convegno).
Un vero e proprio convegno, suddiviso in due sezioni che si svilupperanno una al mattino e una nel pomeriggio.
Obbiettivo chiave, secondo Francesca Gelli, docente dell’università IUAV di Venezia e membro dell’Autorità regionale per la garanzia e la promozione della partecipazione (A.P.P. Toscana), è la partecipazione. “Livorno ha rappresentato il cantiere perfetto per questo progetto – specifica Gelli – dove l’uso della partecipazione ha interessato oltre all’amministrazione comunale anche le imprese, le scuole e le comunità di quartiere”.
E’ proprio questa la sfida che si vuole affrontare, e non è un invito rivolto soltanto ai cittadini ma anche alla classe politica, con l’obbiettivo di aprire un dialogo.
“L’iniziativa nasce nel quadro del decennale della prima legge toscana sulla partecipazione  – ha dichiarato Sorgente in conferenza – Negli intenti vuole essere un momento di confronto tra comunità scientifica e istituzioni su esperienze e progetti che hanno attuato l’indirizzo di quella legge. Dopo un’ampia sperimentazione abbiamo gli elementi per fare un punto”.
Il convegno sarà accompagnato da una gradevole mostra dedicata alle tavole rappresentative dei percorsi partecipativi realizzati, a cura dell’architetta Lorenza Cao.
Nel particolare la sezione mattutina di venerdì 5 ottobre sarà affidata alla moderazione di Susan George e prenderà il titolo di “Le sfide dell’innovazione democratica. Prove di partecipazione in Toscana”,  con la presentazione delle esperienze di percorsi partecipativi sviluppati nel Comune di Livorno ed interventi istituzionali e scientifici sui temi della democrazia partecipativa, deliberativa e diretta, tra i quali quello del ministro per i rapporti con il parlamento e la democrazia diretta, Riccardo Fraccaro.
La sezione pomeridiana dal titolo “Il dibattito pubblico per le grandi opere in Italia e in Toscana”, moderata da Luca Salvetti, si concentrerà invece su questo tipo di percorso partecipativo, con i casi pratici di Livorno in Porto e Gavorrano, e presenterà contributi scientifici e istituzionali sulla revisione della legge regionale che ha introdotto l’istituto, inclusa una relazione dell’assessore regionale Vittorio Bugli.

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.