Cerca nel quotidiano:


Al via i lavori di demolizione della seconda gru pericolante

Con la rimozione del manufatto sarà quindi possibile restituire la banchina 78 ai suoi usi legittimi, ovvero alle attività di riparazione e supporto del bacino galleggiante

venerdì 01 Febbraio 2019 18:13

Partiranno a breve i lavori di demolizione della gru pericolante che oggi si trova sulla banchina 78, accosto pubblico che assieme alla 76 fa parte del comparto delle riparazioni navali, per il quale è in corso la gara di assegnazione del compendio dei bacini di carenaggio (quello galleggiante e quello in muratura).

La gru, una Ansaldo da 20 tonnellate di portata, un impianto che si muove su rotaie fisse, è stata immatricolata nel 1985 ed è pericolante al punto tale che la banchina sulla quale si appoggia è stata da tempo interdetta all’uso. I lavori di demolizione, affidati alla ditta Metal Trading di Gavardo (Brescia), verranno ultimati in circa 20 giorni; i cantieri verranno allestiti a cominciare dal 7 febbraio.

Con la rimozione del manufatto sarà quindi possibile restituire la banchina 78 ai suoi usi legittimi, ovvero alle attività di riparazione e supporto del bacino galleggiante. Si tratterebbe del secondo importante risultato dopo la demolizione di un’altra gru gemella sulla 76, accosto anch’esso pubblico che si trova sul lato a terra del “bacinone” e che da qualche settimana è ritornato alla piena operatività: oggi e è già al servizio di due operatori che la utilizzano per le attività di allestimento e riparazione.

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.