Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Al via il progetto europeo SECURDOMINO per la sicurezza degli impianti industriali

Giovedì 13 Gennaio 2022 — 15:31

Lo stabilimento di Livorno di Cheddite Italy partecipa in veste di “Demo Site”

Ha preso il via ufficialmente il progetto europeo SECURDOMINO – “Seveso sites: assessment of integrated safety-security hazards and risks and related domino effects”, finanziato dalla Commissione Europea con il programma LIFE. Scopo del progetto è mettere a punto una piattaforma in grado di analizzare in tempo reale la vulnerabilità di sistemi industriali complessi di fronte ad attacchi intenzionali, che possono avere un effetto domino e provocare conseguenze molto severe, come incendi, esplosioni, contaminazioni ambientali, dispersione di sostanze tossiche nell’ambiente. Il sistema SECURDOMINO verrà messo a punto basandosi su un modello 3D dello stabilimento analizzato, e consentirà un’analisi real time del rischio. Il progetto prevede anche dei test su impianti industriali reali, due in Italia, uno dei quali sarà proprio lo stabilimento di Cheddite a Livorno e uno in Olanda.
L’azienda Cheddite Italy, associata a Confindustria LI MS, focalizza la sua attività, impiegando 50 dipendenti, sul caricamento e la commercializzazione di cartucce sportive da tiro e da caccia per armi civili ad anima liscia di ogni tipo e calibro.

“Siamo molto orgogliosi di partecipare a questo progetto che approccia in maniera interdisciplinare il tema della sicurezza che Cheddite Italy nella sua storia ultracentenaria ha sempre posto al centro delle proprie attività – ha dichiarato Emilio Mariella, plant manager – Questa collaborazione con organismi accademici e di tutela ambientale di così alto livello ci permetterà di mantenere il ruolo di “Pionieri” che abbiamo sempre svolto in questo ambito e di aumentare in modo significativo la sicurezza industriale del nostro sito”. Il consorzio LIFE SECURDOMINO coinvolge cinque partner: oltre all’Università di Pisa, presente con ricercatori del Dipartimento di Ingegneria Civile e Industriale e del Dipartimento di Scienze Politiche, DataCH technologies S.R.L. (IT), ARPAT (IT), Università di Leiden – Institute of Security and Global Affairs (NL) e Crisisplan BV (NL).

Condividi:

Riproduzione riservata ©