Cerca nel quotidiano:


Riconversione industria:
c’è l’ok per il piano

Alcuni settori imprenditoriali potranno beneficiare dei 10 milioni di euro messi a disposizione da Invitalia. Il bando verrà pubblicato a ottobre

Giovedì 21 Luglio 2016 — 07:03

Mediagallery

E’ stato approvato a Roma mercoledì 20 luglio in sede tecnica il Piano di riconversione e riqualificazione industriale dell’area livornese. Al tavolo tecnico istituito al ministero dello Sviluppo economico hanno preso parte tutti i soggetti firmatari dell’accordo di programma per il rilancio dell’area livornese, tra cui Regione, Autorità portuale e per il Comune di Livorno, l’assessore alle Attività produttive Francesca Martini.
Il piano rappresenta un importante traguardo visto che declina in modo operativo gli impegni presi nell’ambito dell’Accordo di programma. In particolare vengono identificati alcuni settori imprenditoriali che potranno beneficiare dei 10 milioni di euro messi a disposizione da Invitalia per le imprese interessate a insediarsi nei territori. Il bando verrà pubblicato a ottobre, mentre i primi progetti saranno presentati a gennaio.
“Finalmente si cominciano a vedere i primi frutti concreti dell’accordo di programma – sottolinea l’assessore Martini -. Si tratta di un bel segnale per il territorio che consente di impostare efficaci politiche di marketing territoriale. E’ necessario però che queste informazioni vengano condivise con le imprese e le organizzazioni sindacali, già a partire dalla Cabina di regia che si terrà a Livorno il 25 luglio prossimo. E’ solo attraverso il lavoro di squadra che possiamo sperare di attrarre investitori qualificati nell’area livornese”.
Qualche incertezza si registra invece in ordine alla possibilità di svincolare i due milioni e mezzo previsti dal Ministero dei Trasporti per cofinanziare lo scavalco ferroviario Porto di Livorno – Interporto di Guasticce. Questo perché ad oggi non è ancora stato licenziato un progetto definitivo.
Il tavolo tecnico ha comunque provveduto ad approvare il piano riconversione e riqualificazione industriale che potrà però essere integrato successivamente con la documentazione mancante entro settembre.

Riproduzione riservata ©

1 commento

 
  1. # pepe

    ma chi volete che venga a investire a livorno città ormai finita , chi viene falsi imprenditori come rossignolo che dopo aver avuto incentivi di ogni tipo cosa a fatto ? dopo il fallimento senza neanche aver mai fatto lavorare neanche un giorno è sparito oppure come la brc che dopo aver sfruttato gli incentivi sulle macchine con impianto a gas è tornata al suo paese e gli operai casa questi sarebbero gli imprenditori che vengono a livorno ?