Cerca nel quotidiano:


Autorità Portuale. Guerrieri riceve una delegazione della Commissione trasporti della Camera dei deputati

Il gruppo, composto da 6 rappresentanti, si è dimostrato molto interessato alle attività dell'Authority. L'onorevole Raffaella Paita: "In questo porto c’è vitalità e operatività"

Giovedì 31 Marzo 2022 — 19:12

di Giulia Bellaveglia

Mediagallery

È andato in scena, giovedì 31 marzo, nella sala Giuliano Gallanti di Palazzo Rosciano, l’incontro tra il presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Settentrionale Luciano Guerrieri e una delegazione della Commissione trasporti della Camera dei deputati, guidata dall’onorevole Raffaella Paita di Italia viva (Romano per il PD, Rixi per la Lega Nord, Traversi per il Movimento 5 Stelle, Tasso del gruppo misto e Zucconi per Fratelli d’Italia, i presenti). “Oggi abbiamo avuto un’ulteriore testimonianza sul fatto che ciò che avviene nel nostro sistema è seguito nel dettaglio – dice Guerrieri – C’è stata l’occasione di illustrare il lavoro dell’autorità sulla parte investimenti e traffici sia allo stato attuale che precedente, parlare dei progetti futuri, discutere della Darsena Europa, dell’accessibilità terrestre e marittima, dell’innovazione e della transizione energetica. Le domande che ho ricevuto sono state molto puntuali. Sono grato, in particolare, poi alla IX Commissione per l’importante lavoro che svolge quotidianamente a supporto del nostro operato. E’ per noi un punto di riferimento fondamentale”. La visita si inserisce in un ciclo di incontri che il gruppo ha voluto organizzare per toccare con mano la realtà portuale italiana, come conferma l’onorevole Paita. “Stiamo facendo un giro dei porti in profondità  – spiega – Lo facciamo per conoscere le attività sui territori e perché siamo stati protagonisti di una stagione di individuazione di commissari per importanti interventi come quello della Darsena Europa, che rappresenta un’unicità per le potenzialità che stanno dentro questo investimento. Da questa commissione è partito il processo per la semplificazione e velocizzazione in tutte le fasi, progettuale, autorizzativa e realizzativa e l’attenzione verso i fondi del Pnrr. Al presidente Guerrieri è stata infatti attribuita la funzione di commissario. In questo modo non abbiamo certo risolto tutti i problemi, ma sicuramente li abbiamo seguiti a dovere. Dando uno sguardo ai dati post Covid, si nota che in questo porto c’è vitalità e operatività”.
Tre, le questioni sulle quali è ancora necessario lavorare. “Servono direttive più rapide per i dragaggi al fine di creare porti in grado di accogliere grandi navi – prosegue Paita -Omogeneizzare le norme di semplificazione del Pnrr anche per le opere commissariate è l’altra questione su cui impegnarsi. Il terzo tema sono le infrastrutture ferroviarie, l’obiettivo del porto non è infatti solo quello di incrementare i traffici, ma di spostarli sempre di più su ferro”. La riunione è stata anche l’occasione per affrontare numerose altre tematiche quali zone logistiche speciali, cybersecuirity e lavoro portuale. Presenti, tra gli altri, il segretario generale dell’AdSP, Matteo Paroli, la vice commissaria della Darsena Europa, Roberta Macii e i dirigenti dell’AdSP, Cinthia De Luca, Simone Gagliani e Sandra Muccetti.

Riproduzione riservata ©