Cerca nel quotidiano:


Camera di Commercio, via al rinnovo delle cariche

Pubblicato l’avviso di avvio delle procedure per il rinnovo del Consiglio della Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno. Ecco a chi è rivolto

Lunedì 8 Marzo 2021 — 08:20

Mediagallery

Sul sito camerale è presente un’intera sezione che riporta normativa, modulistica, istruzioni per le organizzazioni imprenditoriali, i consumatori e le organizzazioni sindacali: https://www.lg.camcom.it/pagina2722_rinnovo-consiglio-camerale-2021-2026.html

La Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno ha intrapreso il percorso di rinnovo dei suoi organi. Il 1° settembre 2021, infatti, decadranno il consiglio camerale, organo che esprime gli interessi generali della comunità economica, il presidente e la giunta, tutti di durata quinquennale. Sono infatti trascorsi quasi cinque anni dalla nascita del nuovo Ente (1° settembre 2016) che sancì l’unione dei due territori di Livorno e Grosseto: quella della Maremma e del Tirreno fu la prima Camera in Toscana a sperimentare il cosiddetto accorpamento. A 180 giorni dalla scadenza del Consiglio, il 4 marzo 2021, è stato pubblicato l’avviso di avvio delle procedure per il rinnovo del Consiglio della Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno. E’ rivolto alle Organizzazioni imprenditoriali, alle associazioni dei consumatori e alle organizzazioni sindacali che hanno titolo a presentare la documentazione per entrare a far parte del Consiglio della Camera di Commercio che riunisce i territori di Livorno e di Grosseto. Gli interessati hanno quaranta giorni di tempo per presentare le loro istanze secondo le istruzioni fornite dalla norma e dettagliate sul sito web della Camera, in una sezione interamente dedicata al rinnovo. Le istanze dovranno quindi giungere alla CCIAA entro martedì 13 aprile 2021. Dopo tale termine, verificata la correttezza della documentazione ricevuta, il Segretario Generale Dott. Pierluigi Giuntoli, responsabile del procedimento, inoltrerà i dati al Presidente della Giunta regionale toscana, che dovrà assegnare alle organizzazioni aventi titolo i seggi disponibili in Consiglio, ripartiti per attività economica, sulla base dell’effettiva consistenza delle organizzazioni stesse nei territori di riferimento. Tre ulteriori seggi saranno così assegnati: uno ai Consumatori, uno alle Organizzazioni sindacali ed uno ai Liberi professionisti, secondo le procedure indicate dalla norma per ciascuna categoria.

La novità – In virtù di un decreto legislativo intervenuto a fine 2016, il nuovo Consiglio camerale sarà meno numeroso: invece degli attuali 25 componenti ne avrà 16, cui vanno aggiunti i tre ulteriori consiglieri in rappresentanza dei Consumatori, delle Organizzazioni sindacali e delle Libere professioni. In totale, quindi, 19 Consiglieri in luogo degli attuali 28.

Il meccanismo di rinnovo – Prevede varie fasi: nella prima la Cciaa ha trasmesso al Ministero dello Sviluppo economico i dati da utilizzare come parametro per ripartire i consiglieri tra i settori economici (numero imprese, indice di occupazione, valore aggiunto e diritto annuale). Sui dati validati e sulla base dei calcoli previsti dalla norma, il Consiglio camerale, il 4 febbraio scorso ha assegnato i seggi alle varie componenti economiche del territorio nella seguente misura: agricoltura, artigianato, industria, turismo, servizi alle imprese avranno due seggi ciascuno; il commercio avrà tre seggi; un seggio ciascuno andrà a cooperative, trasporti e spedizioni, credito e assicurazioni. Un atto del Presidente in data 16 febbraio ha sancito quindi l’avvio della procedura di rinnovo alla data del 4 marzo e indicato un cronoprogramma. Dopo l’avvio ufficiale delle procedure (4 marzo), le organizzazioni imprenditoriali hanno 40 giorni di tempo per presentare le loro istanze di partecipazione, singolarmente o in apparentamento. Ricevuta la documentazione e fatti i dovuti controlli, la CCIAA trasmetterà la documentazione al presidente della Giunta regionale toscana, che validerà le istanze, assegnando con proprio decreto i seggi alle organizzazioni in base alla loro rappresentatività. A questo punto le organizzazioni dovranno segnalare alla Regione i nominativi di coloro che entreranno a far parte del nuovo Consiglio camerale. Un apposito decreto del Presidente della Giunta regionale concluderà il procedimento, nominando i nuovo consiglieri e indicando la data di insediamento del Consiglio camerale.

Sul sito camerale è presente un’intera sezione che riporta normativa, modulistica, istruzioni per le organizzazioni imprenditoriali, i consumatori e le organizzazioni sindacali: https://www.lg.camcom.it/pagina2722_rinnovo-consiglio-camerale-2021-2026.html

Riproduzione riservata ©