Cerca nel quotidiano:


CCIAA, bando per l’anticipo fatture emesse verso la PA

Tante le novità introdotte da questo bando, il primo in Italia di questo genere. Per le imprese subito disponibile 1 milione di euro, con un plafond di 27 mila euro a impresa

Lunedì 5 Luglio 2021 — 16:27

Mediagallery

Parte in questi giorni il bando per l’anticipo fatture emesse verso la Pubblica Amministrazione lanciato dalla Camera di Commercio, dal valore di un milione di euro: dal 6 luglio sarà possibile presentare domanda per ottenere un plafond subito disponibile di 27.000 euro a impresa. L’obiettivo è offrire liquidità immediata alle imprese per meglio fronteggiare la situazione di difficoltà economica causata dal COVID, accorciando al minimo i tempi di pagamento per quelle imprese che sono creditrici nei confronti della P.A. Tante le novità introdotte da questo bando, il primo in Italia di questo genere, che si configura come un innovativo esempio di social lending, una forma di credito agevolato no profit alternativo al credito tradizionale. Intanto la procedura è snella ed interamente digitale: domande ed erogazioni passeranno tutte attraverso un innovativo portale realizzato da Infocamere: https://restart.infocamere.it/. Collegandosi al portale le imprese potranno fare domanda, a partire dal 6 luglio, e conclusa la prima istruttoria, gestire il plafond a disposizione come meglio credono.
Le fatture – tutte verso la Pubblica Amministrazione – saranno caricate direttamente dall’impresa sul portale e immediatamente la Camera di Commercio provvederà a versarne l’importo sul conto dell’impresa, a fronte di un margine di garanzia del 10% e di un tasso d’interesse agevolato pari al 1%. Al momento del pagamento, che dovrà avvenire in un tempo massimo di 180 giorni, l’importo erogato dalla Pubblica amministrazione debitrice sarà stornato direttamente alla Camera di Commercio estinguendo in automatico il finanziamento agevolato concesso.

“Continuiamo a mettere a disposizione risorse alla imprese del territorio in modo innovativo – commenta il presidente della CCIAA Riccardo Breda – questa volta con un’iniziativa assolutamente sperimentale, siamo i primi in Italia, in forma di anticipo fattura che può essere d’aiuto a chi ha bisogno di scontare fatture a tassi agevolati. La piattaforma che abbiamo predisposto permette di gestire tutto dall’ufficio senza freni burocratici di alcun tipo e molti costi sono a carico della CCIAA: non risolve i problemi dell’impresa, ma è un intervento che dimostra come attraverso una piattaforma strutturata si possa fare tutto in modalità digitale superando i rallentamenti della burocrazia”. Le fatture, dovranno obbligatoriamente essere emesse dopo il 6 luglio, mentre il plafond sarà utilizzabile entro il 10 dicembre. La possibilità di fare domanda per ottenere il plafond scadrà il 31 ottobre. Questo perché questa attività, di tipologia bancaria ma con tassi agevolati, ha durata limitata rientrando nel Quadro temporaneo di sostegno per l’emergenza Covid della Commissione europea.

Tutte le informazioni sono disponibili sul sito www.lg.camcom.it

Per maggiori informazioni contattare il servizio Sviluppo Economico all’indirizzo [email protected]

Riproduzione riservata ©