Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Confcommercio sulle concessioni per il suolo pubblico. Ecco come procedere

Mercoledì 4 Gennaio 2023 — 12:05

Confcommercio ribadisce quando già comunicato dal Comune di Livorno sul regime di semplificazione autorizzatoria per le occupazioni di suolo pubblico

Federico Pieragnoli, direttore provinciale Confcommercio, visto il periodo di grande lavoro per i pubblici esercizi, vuole ricordare a tutti i titolari di ristoranti, pizzerie, bar, pasticcerie, gelaterie e simili che la legge di Bilancio 2023 ha prorogato fino al 30 giugno 2023 il regime di semplificazione autorizzatoria per le occupazioni di suolo pubblico.
Il Comune di Livorno ha già recepito la disposizione, confermando che fino al 30 giugno chi vuole ottenere o mantenere l’occupazione di suolo pubblico potrà farlo con procedura semplificata, ovvero senza il parere della Sovrintendenza. Gli esercenti che già occupano il suolo pubblico con tavoli e dehors riceveranno una PEC dalla Polizia Amministrativa del Comune, a cui dovranno rispondere per il 20 gennaio 2023 se sono intenzionati a mantenere la metratura in essere, ridurla oppure rinunciare completamente al suolo pubblico.
La proroga riguarda l’autorizzazione ma non la gratuità della concessione, che è soggetta al versamento del Canone Unico.

“Su questo aspetto – ricorda Pieragnoli – continueremo a insistere affinché la semplificazione vada a regime, e affinché si trovino risorse per aiutare le imprese a superare le perdite della pandemia e le difficoltà del caro energia”.

Confcommercio ricorda inoltre le disposizioni della Legge di Bilancio di maggiore interesse per i Pubblici Esercizi. “Viene prorogato l’esonero contributivo per assunzioni di beneficiari del reddito di cittadinanza, giovani con meno di 36 anni, donne lavoratrici. Per il primo trimestre 2023 è confermato il credito d’imposta per le spese di energia elettrica e gas. Vengono inoltre prorogate (a titolo oneroso) al dicembre 2024 alcune concessioni per la raccolta a distanza dei giochi pubblici in scadenza al 31 dicembre 2022”.

Condividi:

Riproduzione riservata ©