Cerca nel quotidiano:


Crociere in grande spolvero all’Elba, a Portoferraio arriva l’Island Sky

Per l'AdSP si tratta del primo e concreto segnale di ripresa per un 2022 che, con circa 80 navi in calendario e 18.000 passeggeri previsti, riporta il Sistema dei Porti Elbani ai numeri pre-pandemia

Mercoledì 20 Aprile 2022 — 18:04

Mediagallery

Le feste di Pasqua segnano il ritorno delle crociere a Portoferraio. Dopo lo scalo della piccola nave Artemis, avvenuto il 15 aprile, la banchina Alto Fondale torna ad ospitare una nave da crociera. Questa volta si tratta dell’Island Sky (nella foto tratta da cruisemapper.it), della compagnia International Shipping Miami. Lunga 90 metri e larga poco più di 15, la cruise boat porterà in dote a Portoferraio 87 passeggeri, che potranno visitare la città portuale. La nave arriverà il 21 aprile e ripartirà la sera alla volta di Porto Venere. Per l’AdSP si tratta del primo e concreto segnale di ripresa per un 2022 che, con circa 80 navi in calendario e 18.000 passeggeri previsti, riporta il Sistema dei Porti Elbani ai numeri pre-pandemia e, in particolare, ai livelli del 2019, quando furono totalizzati 80 scali e 31.000 passeggeri. Ci sono, insomma, le premesse per una stagione turistica più che positiva. L’AdSP sta peraltro collaborando con il Comune di Portoferraio e l’Osservatorio Turistico di Destinazione e gli stakeholder del comparto per migliorare i servizi di accoglienza a favore dei crocieristi e per promuovere le bellezze del Territorio in modo sinergico. L’Ente di Governo dei porti elbani sta inoltre elaborando uno studio focalizzato sul traffico passeggeri dell’Isola per comprendere meglio quali strategie gli scali dell’Isola possano mettere in atto per sviluppare ulteriormente il comparto. “L’arrivo a Portoferraio dell’Island Sky rappresenta finalmente un cambio di fase” ha detto il presidente dell’Adsp, Luciano Guerrieri. “Dopo due anni di Covid, Stiamo gradualmente ritornando alla normalità. L’arrivo di questa nave è il frutto della volontà di ripresa del turismo crocieristico nel Mediterraneo che speriamo possa ulteriormente consolidarsi” ha concluso.

Riproduzione riservata ©