Cerca nel quotidiano:


In bus all’Interporto, arriva la linea per i lavoratori

La sperimentazione del servizio durerà tre mesi, al termine dei quali, se l’iniziativa avrà successo, sarà messa a regime e proseguirà

martedì 18 Dicembre 2018 16:24

Mediagallery

Il nuovo anno porterà con sé anche nuovi servizi. Dal 7 gennaio sarà infatti implementato, in via sperimentale, il servizio di trasporto pubblico che collega l’Interporto Vespucci con la città di Livorno. Per rispondere alle esigenze di lavoratori e visitatori sarà aggiunta una nuova linea, la 113, che collegherà la stazione ferroviaria di Livorno con l’Interporto e attraverserà anche l’area industriale di Guasticce.

Il servizio, attivo dal lunedì al venerdì (con una corsa verso la stazione di Livorno anche il sabato mattina presto, per favorire chi termina il turno di notte), coprirà varie fasce orarie. La programmazione degli autobus è stata fatta dopo aver realizzato un sondaggio tra le imprese presenti all’interno dell’area interportuale ed aver valutato gli orari di entrata e di uscita dei lavoratori, in modo da agevolare il raggiungimento dei luoghi di lavoro anche attraverso l’uso del mezzo pubblico.

Si tratta di un collegamento creato grazie alle risorse messe a disposizione dalla Regione Toscana, dall’Interporto Toscano e dalla Provincia di Livorno e con la collaborazione dei Comuni di Livorno e Collesalvetti e della Ctt Nord Livorno.

La sperimentazione del servizio durerà tre mesi, al termine dei quali, se l’iniziativa avrà successo, sarà messa a regime e proseguirà.

“Siamo estremamente soddisfatti – ha dichiarato l’assessore alla Mobilità del Comune di Collesalvetti Roberto Menicagli – per l’avvio di questo importante servizio che andrà ad agevolare notevolmente gli spostamenti degli utenti che lavorano nell’area interportuale. Voglio ringraziare per questo nuovo servizio – ha aggiunto Menicagli – Regione Toscana, nella persona dell’Assessore Vincenzo Ceccarelli, l’Interporto Toscano Amerigo Vespucci, la Provincia di Livorno, il CTT Nord e soprattutto Monica Cavallini della Cgil di Livorno ed Emanuela Carlini di Interporto Toscano con le quali ho collaborato costantemente e silenziosamente per mesi per il raggiungimento di questo obiettivo”.

“Questo della linea 113 per l’Interporto e Guasticce è un esempio positivo – ha detto l’assessore regionale ai trasporti Vincenzo Ceccarelli – La Regione sta lavorando su più fronti per favorire l’uso del mezzo pubblico, specialmente per gli spostamenti quotidiani. Organizzare o creare servizi che aiutino le persone a recarsi sui luoghi di lavoro senza utilizzare il mezzo privato è possibile, basta che le istituzioni, i gestori del trasporto e le aziende collaborino alla costruzione di un progetto serio. Come è accaduto in questo caso”.

“La Provincia di Livorno è lieta di aver promosso fattivamente il potenziamento del servizio di trasporto pubblico in un’area particolarmente importante del territorio – sottolinea la presidente Marida Bessi – Un progetto scaturito dalle esigenze espresse dalle realtà produttive operanti nella zona, che l’Amministrazione Provinciale, nelle sue funzioni di coordinamento, ha raccolto promuovendo opportune azioni di raccordo tra istituzioni e imprese e contribuendo insieme alla Regione e all’Interporto Toscano Vespucci, a dare vita ad un servizio di grande utilità per le aziende e il personale dipendente”.

L’amministratore delegato di Interporto Bino Fulceri esprime la sua soddisfazione per essere riusciti, insieme alla Regione Toscana e alla Provincia di Livorno, ad attivare un servizio essenziale che contribuisce all’integrazione dei servizi già presenti per la Community Interporto e tutti gli utenti che transitano dalla nostra struttura.

“Siamo particolarmente soddisfatti di integrare un nodo intermodale come l’interporto di Guasticce nella nostra rete – aggiunge Andrea Zavanella, presidente di Ctt Nord – L’interporto sta crescendo con nuove attività industriali, un polo di formazione, e tanti altri progetti. Dare un servizio di collegamento per un numero di frequentatori destinato a crescere è una scelta lungimirante che aumenterà  ulteriormente l’appetibilità di questa infrastruttura”.

Riproduzione riservata ©

1 commento

 
  1. # Papo

    A quando la fermata del capolinea della linea 5 al parco Levante?….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.