Cerca nel quotidiano:


Lavoro, crescono le figure “introvabili”

Secondo l’indagine Excelsior 2017 crescono le difficoltà tra domanda e offerta di lavoro: elettronica, meccanica, agrario e turismo gli indirizzi dove il processo di reclutamento è più arduo

lunedì 16 aprile 2018 07:40

Mediagallery

Sono difficili da reperire il 16,6% delle figure professionali richieste dalle imprese, in buona parte a seguito dell’inadeguata preparazione dei candidati ma anche per effetto del ridotto numero degli stessi. La dissonanza tra gli indirizzi di laurea prevalentemente richiesti e quelli più diffusamente disponibili rende i laureati più difficili da reperire. Numerosi gli “introvabili” provenienti da ingegneria e dagli indirizzi scientifici. Elettronica-elettrotecnica, Meccanica-meccatronica-energia, agrario-agroalimentare-agroindustria, turismo-enogastronomia-ospitalità: questi gli indirizzi del livello secondario e post secondario dove il processo di reclutamento è più arduo. Qualitativamente e quantitativamente carente l’offerta formativa di qualifiche di formazione e diplomi professionali. Il possesso del titolo di studio non è più sufficiente: cresce l’importanza di competenze trasversali ed esperienze specifiche.
Questi gli ultimi risultati dell’indagine Excelsior 2017, un progetto del sistema camerale avente lo scopo di approfondire la conoscenza della domanda di lavoro per consentire ad enti ed istituzioni di predisporre progetti formativi e di incontro domanda offerta che facilitano l’occupazione. Con riferimento al consuntivo 2017 il Centro Studi e Ricerche, azienda speciale della Camera di commercio della Maremma e del Tirreno, ha predisposto due approfondimenti specifici.

Il primo contributo propone alcune riflessioni che servono a comprendere i risultati generali sinteticamente esposti nel Bollettino provinciale Unioncamere. Il secondo contributo approfondisce il tema del raccordo tra domanda e offerta di lavoro mettendo a confronto le caratteristiche delle figure professionali richieste dalle imprese locali con le peculiarità dell’offerta formativa locale, regionale e nazionale. L’approfondimento in oggetto vuole stimolare la riflessione in merito alle motivazioni legate alle difficoltà di reperimento dei candidati così come dichiarate dalle aziende. Si è cercato pertanto di porre in evidenza i principali fattori che potrebbero essere alla base di tale fenomeno nonostante il perdurare di elevati tassi di disoccupazione, soprattutto giovanile. Questi contributi sono scaricabili insieme al bollettino provinciale Unioncamere nella sezione Studi e Ricerche del sito camerale.

Riproduzione riservata ©

3 commenti

 
  1. # Biagio

    Nel valutare queste statistiche, soprattutto per il comparto enogastronomico-ospitalita’ e simili, sorge spontanea la domanda : ma non è che chi cerca buone professionalità poi vuol pagarle come uno stagista/apprendista ?
    Perché succede, eh ?

  2. # Espatriatofelice

    Venite all’estero bimbi…un retta a questi vi…scappate qui tutto un altro mondo

    1. # BHA

      confermo…..chiedete agli amici gia espatriati……non sono fantasie é solo realtá….basta un po’ di coraggio iniziale, poi capirete che il coraggio era restare in Italia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.

Passa alla versione desktop Torna alla versione responsive