Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Lavoro. Dati Excelsior, introvabile quasi 1 candidato su 2

Giovedì 15 Settembre 2022 — 12:08

Bollettino Excelsior di Unioncamere e Anpal: oltre 2.000 opportunità di lavoro a settembre, in difficoltà soprattutto le imprese alla ricerca di operai specializzati e conduttori di impianti e macchine. Maggiori le possibilità di assunzione per i diplomati degli istituti tecnici e professionali. La laurea in Economia resta quella più richiesta

Le opportunità di lavoro offerte dalle imprese con sede in provincia di Livorno sono oltre 2000 nel solo mese di settembre e circa 6000 nel trimestre settembre-novembre. Il tempo determinato si conferma la forma contrattuale maggiormente proposta (56% del totale). Seguono i contratti a tempo indeterminato (18%), i contratti di somministrazione (9%), gli altri contratti non alle dipendenze (9%), i contratti di apprendistato (4%), gli altri contratti alle dipendenze (3%) e i contratti di collaborazione (1%). Il fabbisogno di giovani under 30 è pari al 25% del totale entrate previste, una percentuale molto al di sotto della media nazionale (31,7%) ed in calo rispetto al dato provinciale di settembre 2021 (29%). Le difficoltà di reperimento dichiarate dalle imprese riguardano complessivamente il 49% delle assunzioni programmate (43,3% media Italia), 7 punti percentuali in più rispetto allo scorso anno. La motivazione principalmente indicata dalle imprese è la “mancanza di candidati” che a settembre 2022 è stata espressa per il 34,4% delle entrate programmate, con una quota quindi superiore al doppio dell’altra motivazione, la “preparazione inadeguata” (11,8%), e più alta alla media Italia (27,8%). Introvabile il 100% del personale generico da impiegare nel settore delle Costruzioni, ma il mismatch riguarda in modo importante anche Farmacisti, biologi e altri specialisti nelle scienze della vita, Operai nelle attività metalmeccaniche, Operai specializzati nell’edilizia e nella manutenzione degli edifici e Tecnici della sanità, dei servizi sociali e dell’istruzione. Questi ultimi sono tra le figure high skills maggiormente ricercate insieme ai Tecnici delle vendite, del marketing e della distribuzione commerciale ed ai Tecnici in campo informatico, ingegneristico e della produzione. Per quanto riguarda il titolo di studio, le imprese concentrano la loro attenzione sui diplomati (soprattutto tecnici e professionali), titolo richiesto nel 32% delle assunzioni previste. La domanda di laureati è pari al 15% e quella relativa a qualifiche e diplomi professionali si ferma al 13%. I più richiesti sono i diplomati ad indirizzo amministrazione, finanza e marketing e meccanica, meccatronica ed energia, quest’ultimi sono in assoluto i più difficili da trovare per le imprese provinciali (irreperibili nell’84,7% dei casi). La laurea in Economia resta quella più richiesta, per quanto sia ancora alto il fabbisogno espresso nei confronti delle lauree ad indirizzo sanitario e paramedico a cui si associano, peraltro, alti tassi di irreperibilità. Le imprese segnalano inoltre che al 20,5% del profili professionali in ingresso sarà richiesto di applicare soluzioni creative e innovative, verosimilmente sulla spinta del processo di transizione digitale e green in corso.
Sono queste alcune delle tendenze che emergono dal Bollettino mensile Excelsior relativo ai fabbisogni occupazionali previsti delle imprese dell’industria e dei servizi con sede in provincia di Livorno nel trimestre settembre-novembre 2022. Attraverso alcune infografiche il documento sintetizza i principali risultati dell’indagine condotta attraverso il Sistema Informativo Excelsior di Unioncamere e Anpal, un progetto che realizza un monitoraggio mensile qualitativo e quantitativo dei flussi in entrata previsti dalle imprese. Tutti i Bollettini provinciali sono consultabili sul sito camerale nella sezione appositamente dedicata ad Excelsior.

https://www.lg.camcom.it/pagina1753_studi-e-ricerche.html

Condividi:

Riproduzione riservata ©