Cerca nel quotidiano:


Lotta all’inquinamento: parte la sfida verde per ridurre le emissioni in porto

L’Arpat ha impiegato un anno intero per effettuare otto campagne di rilevamenti a 360 gradi e valutare l’impatto delle emissioni delle navi commerciali e passeggeri

mercoledì 25 Settembre 2019 12:50

Mediagallery

L’obiettivo è comune: mitigare l’impatto ambientale che le attività portuali hanno sulla città di Livorno e definire una linea di azione comune per arrivare al risultato in tempi contingentati. L’Arpat, l’Autorità di Sistema Portuale e il Comune, avviano la crociata anti-inquinamento. E lo fanno concretamente, riunendosi mercoledì 25 settembre nel quartier generale della Port Authority per affrontare il tema e trovare le prime soluzioni.
Gli strumenti conoscitivi per operare ci sono, e sono stati definiti dall’accordo quadro che l’Agenzia Regionale per la protezione ambientale della Toscana e l’AdSP hanno sottoscritto ad agosto del 2017 col fine di arrivare ad acquisire un quadro conoscitivo ampio ed aggiornato sullo stato ambientale e acustico in porto.
L’Arpat ha impiegato un anno intero per effettuare otto campagne di rilevamenti a 360 gradi e valutare l’impatto delle emissioni delle navi commerciali e passeggeri. Le postazioni scelte per sviluppare l’indagine sono state la Darsena Toscana Sponda Ovest e la Calata Sgarallino, di fronte alla Fortezza Vecchia.
I risultati di un’annualità di studi sono stati discussi stamani e si rivelano sorprendenti.
La campagna che si è svolta nel porto di Livorno ha evidenziato nel complesso una situazione positiva, con livelli di qualità dell’aria buona testimoniata dal pieno rispetto dei limiti di normativa per tutti gli inquinanti che sono stati monitorati: PM10, PM2,5, biossido di azoto, monossido di carbonio, benzene e biossido di zolfo.
È stato il coordinatore Arpat dell’Area Costa, Gaetano Licitra, a mettere in evidenza in dettaglio i risultati di questa indagine, comunicando per altro che “i limiti di normativa per l’SO2 sono stati ampiamente rispettati”.
Tutto bene, dunque? No, affatto: per sostanze inquinanti come il biossido di zolfo e il toluene è stata riscontrata la presenza di picchi orari di concentrazione degni di nota presso tutte e due le postazioni scelte per effettuare le indagini.
Quindi, c’è ancora molto da fare, come ha sottolineato l’assessore comunale all’ambiente Giovanna Cepparello, che ha partecipato alla riunione presieduta dal dirigente dell’AdSp Claudio Vanni: “Il tema dell’inquinamento ambientale nelle città portuali esiste e viene giustamente percepito dai cittadini come una questione rilevante. È rincuorante che i livelli di concentrazione degli inquinanti rientrino nei limiti normativi, rimane tuttavia aperta la questione degli episodi di picco che devono essere approfonditi. La sinergia tra Regione, Comune e Autorità Portuale ci permetterà di inquadrare il problema in tutta la sua interezza e definire quanto prima una linea di azione comune”.
All’inizio di settembre sono partite le nuove campagne di misurazione con laboratorio mobile previste dalla seconda annualità dell’accordo quadro. Nell’ambito dello sviluppo del progetto verranno affrontati i temi legati al particolato atmosferico, che saranno approfonditi anche sulla base delle segnalazioni fatte dai cittadini.

Riproduzione riservata ©

3 commenti

 
  1. # laura banchetti

    Penso che i rilievi vadano fatti in quartieri prospicienti il porto.

    1. # ugo

      perchè soltanto li?

  2. # Melioco

    Non pensate solo all’aria, ma anche a quelle SCHIUME(OLIO EMULSIONATO) in MARE, che le crea????……

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.