Cerca nel quotidiano:


Porto 2000 e Teatro del Silenzio, c’è l’accordo

Crociere e turismo ma anche cultura e territorio, musica e spettacolo. Porto di Livorno 2000 ha firmato una convenzione con il famoso “Teatro del Silenzio”

Venerdì 17 Giugno 2016 — 15:53

Mediagallery

Crociere e turismo ma anche cultura e territorio, musica e spettacolo. Porto di Livorno 2000 ha firmato una convenzione con il famoso “Teatro del Silenzio” e diventa sostenitore dell’Associazione che ha come presidente onorario Andrea Bocelli che nella sua città natale di Lajatico in provincia di Pisa, da oltre 10 anni organizza un evento concertistico di risonanza internazionale. A firmare l’accordo sono stati i Presidenti di Porto di Livorno 2000 e dell’Associazione “Teatro del Silenzio”, Massimo Provinciali e Fabio Tedeschi“Il Teatro del Silenzio è una eccellenza per il territorio della Toscana ed un fiore all’occhiello anche per il turismo crocieristico che scala Livorno – commenta il Presidente Provinciali – E’ una partecipazione che quindi ci inorgoglisce e che vuole essere il volano di iniziative condivise di marketing territoriale anche nell’ottica di promozione del nostro scalo e di opportunità per Livorno in generale”.
L’ingresso di Porto di Livorno 2000 – aggiunge il Presidente Fabio Tedeschi – è per noi significativo in quanto si tratta di una realtà capace di proiettare l’immagine del nostro Teatro, già conosciuto a livello internazionale, in un segmento specifico quale quello turistico proveniente dal mare di grande valore che offre ampie prospettive di ulteriore crescita e di promozione del nostro territorio”.

Riproduzione riservata ©

7 commenti

 
  1. # massimo

    Porto 2000 deve preoccuparsi della citta’ di Livorno che non deve essere solo un punto di transito per migliaia di turisti diretti a Firenze, Pisa, Lucca le Cinque Terre, ma il centro per valorizzare le risorse del ns. territorio sia cittadino che di tutta la Provincia. La “vocazione turistica” va sviluppata creando occasioni di interesse per coloro che sostano anche solo 8 ore nella nostra città creando così opportunità di lavoro per i tanti che un lavoro non ce l’hanno

    1. # Giorgio

      Quindi?

  2. # rena

    condivido la scelta purtroppo il teatro del silenzio è conosciuto all’estero più di Livorno e questo è un dato di fatto poi in merito ai posti di lavoro che può attivare il croceristico purtroppo sono marginali rispetto alla devastazione economica della città

    1. # Giorgio

      Marginali??? Dipende dai punti di vista…

      1. # rena

        per marginali intendo non risolutivi per la mancanza cronica di posti di lavoro a Livorno d’altronde a Livorno rimane l’attracco il trasporto dei turisti con bus e taxi e qualche persona impegnata a far da guida questi sono i posti di lavoro che il croceristico porta a Livorno che ci piaccia o meno

        1. # Giorgio

          Il problema vero è che il lavoro non può “cascare dall’alto”…non si può, ad es. pretendere di vendere negli orari e giorni che si vuole, aprire bar solamente dal lunedì al sabato (ad es) ma inventarsi e rinnovarsi. Civitavecchia ha fatto tesoro del 10% di turisti che rimanevano in città senza andare a Roma!

  3. # Massimo70

    Il teatro del Silenzio è conosciuto in tutto il mondo, ma non parliamo di evento culturale. Solo di una attrazzione come potrebbe essere Eurodisney. Un baraccone che ruota ad un personaggio entrato a far parte del mondo della lirica ma che con questo mondo non ha niente a che vedere. Nessun amante dell’opera va e andrà mai a Lajatico, Niente male comunque basterebbe che non parlassero gli ignoranti in materia, ognuno dicesse quello che Sto arrivando! E si chiamassero le cose con il loro vero nome.